Profile cover photo
Profile photo
acr-onlus rio merzario
23 followers -
.. morto un Papa.. se ne fa un'altro!.. ora c e' anke l'emerito..
.. morto un Papa.. se ne fa un'altro!.. ora c e' anke l'emerito..

23 followers
About
Posts

Post has attachment
B. 2019 a tutti
B. 2019 a tutti
appuntamentiacr-onlus.blogspot.com

Post has shared content

Post has shared content
…da “GROTTE DEL TRIANGOLO LARIANO”
RICAVIAMO UN ITINERARIO PER UNA BELLA GITA–SPEDIZIONE CHE CI FARA’ RISCOPRIRE IL MONTE SAN PRIMO E IL MONTE FORCELLA. IL LIBRO SCRITTO DA G. GAGLIARDI ED EDITO DAL CENTRO RICERCHE VALLASSINESI RIPORTA L’ESPLORAZIONE DEL 1° NOVEMBRE 1982
(33 anni fa, con Gagliardi Giorgio, P. Paredi, Carlo Acher a quota mt. 1298 fu riscoperta la Grotta la pattumiera e la voragine del Monte Forcella). Noi che teniamo in vita questo C.R.V.= Centro Ricerche Vallassinesi, organizziamo per la primavera del 2016, quando la neve si sarà sciolta, una camminata con il seguente itinerario: “campo base piazzale del Ghisallo di Magreglio” (chiesetta e museo da visitare…” santuari della bicicletta e Madonna protettrice dei corridori del pedale”). Partenza: si sale verso Piano Rancio, si prosegue in località San Primo costeggiando la “polentoteca da Gabriele” fino all’arrivo degli impianti degli sciatori. Si sale, ancora, con la carrareccia che porta all’alpe del borgo e prosegue verso il monte Poncin, costeggiando il versante del monte Forcella. A quota 1290 mt, ci si dirige a sinistra verso la sommità del monte Forcella, trenta mt. Prima della cima, sul versante verso il lago di Lecco si nota la voragine che conduce alle due entrate (voragine del monte Forcella) della grotta “la pattumiera” così chiamata per i rifiuti che vi vengono gettati fra cui anche pericolosi cocci di bottiglia/e di vetro… così la descrive nel libro di cui vi parlo all’inizio, il dr. Gagliardi… all’epoca delle scoperte delle grotte. A noi il compito dopo 33 anni di certificare eventuali cambiamenti e di verificare la realtà attuale. Ora che il Comune di Civenna si è fuso con il Comune di Bellagio e Civenna è una delle tante frazioni del nuovo comune, occorre una gita-spedizione. La Comunità Montana del triangolo lariano con le sue guardie ecologiche volontarie… con coloro che volessero documentarsi, per partecipare alla gita-spedizione, che propone il CRV, possono chiedere alla mail: info@acraccademia.it o centroricerchevalasi@libero.it o al tel. 02 97392826 – cell. 3402707829 – 3394523017 la prenotazione ed eventuali chiarimenti, oppure il volume “Nuove grotte del triangolo lariano” CRV – G. Gagliardi – Merzario. (con una piccola offerta per autofinanziare le attività e le pubblicazioni del CRV). Si cogli l’occasione di ringraziare il Comune di Asso e il sig. Sindaco Erba Gianni con tutto il consiglio comunale di Asso per la concessione a titolo gratuito dello spazio riservato a sede, nel palazzo del Comune sopra la Croce Rossa di Asso. Se può servire, cogliamo altresì l’occasione per ribadire la già più volte declamata disponibilità, a collaborare con il Comune e le altre associazioni di volontariato coordinate da Asso-incontra, per organizzare e comunicare con i cittadini di Asso e della Vallassina oltre che del triangolo lariano, le importanti e valide iniziative per e sul territorio.
CRV e ACR

Post has shared content

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Commissione europea - Comunicato stampa
Erasmus+ ora anche in versione virtuale
Bruxelles, 15 marzo 2018
Oggi Erasmus+, uno dei programmi emblematici e di maggior successo dell'UE, aggiunge la versione online alle sue iniziative di mobilità, per mettere in contatto ancora più studenti e giovani dei paesi europei e del vicinato meridionale dell'UE.
La Commissione europea ha lanciato oggi lo scambio virtuale Erasmus+, un progetto volto a promuovere il dialogo interculturale e a migliorare le competenze di almeno 25 000 giovani attraverso strumenti di apprendimento digitali nel corso dei prossimi due anni. Il progetto coinvolge i 33 paesi del programma Erasmus+ e la regione del Mediterraneo meridionale, comprendente Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Libia, Marocco, Palestina*, Siria e Tunisia.
La versione online di Erasmus+ integrerà il programma di mobilità fisica tradizionale e potrebbe in futuro essere estesa ad altre aree geografiche.
Il Commissario per l'Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics, ha dichiarato: “Erasmus+ è un programma di grande successo, ma non sempre accessibile a tutti. Grazie allo scambio virtuale Erasmus+ consentiremo un maggior numero di contatti tra persone, raggiungeremo giovani provenienti da contesti sociali differenti e promuoveremo la comprensione interculturale. Questo strumento online costruirà ponti, connetterà un maggior numero di giovani dell'UE ai loro coetanei in altri paesi e contribuirà a sviluppare competenze come il pensiero critico, l'alfabetizzazione mediatica, la conoscenza delle lingue straniere e il lavoro di gruppo.”
Lo scambio virtuale Erasmus+ metterà in contatto giovani, animatori giovanili, studenti e accademici dei paesi europei e del vicinato meridionale dell'UE attraverso dibattiti moderati da facilitatori, gruppi di progetto transnazionali, corsi e formazioni professionali online aperti. Per esempio, giovani di vari paesi potranno collegarsi una volta alla settimana per discutere argomenti come lo sviluppo economico o i cambiamenti climatici, con l'aiuto di materiale preparatorio che sarà stato preventivamente distribuito e assistiti da un moderatore.
Tutte le attività si svolgeranno nel quadro di programmi di istruzione superiore o progetti organizzati per i giovani. Nella fase preparatoria, lo scambio virtuale Erasmus+ ha suscitato l'interesse delle università e delle organizzazioni giovanili e sono stati già conclusi 50 partenariati e formate 40 persone per la moderazione dei dibattiti.
I contatti e gli scambi con coetanei che vivono all'estero sono una grande opportunità per acquisire nuove conoscenze e competenze e per rafforzare la tolleranza e l'accettazione reciproca. Lo scambio virtuale promuove il dialogo interculturale tra i giovani, in linea con la dichiarazione di Parigi concordata in occasione della riunione informale dei ministri dell'Istruzione nel marzo 2015. La dichiarazione mira a promuovere la cittadinanza e i valori comuni della libertà, della tolleranza e della non discriminazione attraverso l'istruzione.
Contesto
Durante la fase pilota, con una dotazione finanziaria di 2 milioni di euro fino al dicembre 2018, lo scambio virtuale Erasmus+ coinvolgerà almeno 8 000 giovani. Se avrà successo l'idea è di rinnovarlo fino alla fine del 2019, con l'obiettivo di far partecipare altre 17 000 persone. In futuro lo scambio virtuale Erasmus+ potrebbe diventare un'iniziativa regolare ed essere ampliato al fine di coinvolgere un numero ancora maggiore di giovani in altre regioni.
Erasmus+ favorisce già la mobilità per l'apprendimento e l'insegnamento tra il vicinato meridionale dell'UE e l'Unione. Dal 2015 sono stati finanziati oltre 1 000 progetti tra università europee e del Mediterraneo meridionale, che dovrebbero permettere la mobilità verso l'Europa di circa 15 000 persone, tra studenti e membri del personale, di paesi della sponda meridionale del Mediterraneo e di oltre 7 000 europei che andranno a insegnare o studiare in tali paesi. Inoltre, ogni anno circa 2 200 giovani dei paesi del vicinato meridionale dell'UE e animatori giovanili partecipano a progetti di apprendimento non formale.
Per ulteriori informazioni
Sito web: Scambio virtuale Erasmus+

* Tale designazione non si intende come riconoscimento di uno Stato di Palestina e lascia impregiudicate le singole posizioni degli Stati membri sulla questione.

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded