Profile cover photo
Profile photo
AIG - Associazione Italiana Glicogenosi
7 followers
7 followers
About
Posts

L’Associazione Italiana Glicogenosi è al corrente dell’ottima risposta che le ricerche in corso (alcune con la nostra collaborazione) inerenti la dieta chetogenica stanno restituendo.
Ci preme, comunque, ricordare a tutti i nostri soci che la dieta chetogenica deve essere effettuata solo ed esclusivamente sotto diretto controllo medico e monitorata attraverso precisi parametri ematochimici. La dieta chetogenica sottopone l'organismo a significativi cambiamenti metabolici che, talvolta, possono dare problemi quali ipoglicemia e chetosi. Oltre a questo l’applicazione della dieta chetogenica presenta alcune controindicazioni che devono essere valutate dal medico di riferimento.
La dieta chetogenica deve essere considerata come un vero e proprio farmaco, esortiamo vivamente di EVITARE un approccio FAI DA TE e, prima di qualunque altra azione, di consultarsi con il proprio medico curante.

Grazie per l'attenzione
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
Il 24 luglio 2018, il Dr. David Weinstein e il suo team, ha praticato la prima sperimentazione di terapia genica su un paziente affetto da glicogenosi 1A all'Osonn John Dempsey Hospital.
Add a comment...

POESIE PER AIG

Domenica 22 aprile ad Orbassano in provincia di Torino si è tenuta la premiazione del Concorso Poetico “POESIE PER AIG” indetto dall’Associazione Italiana Gliogenosi, un’associazione composta da genitori e pazienti affetti da una malattia rara: LA GLICOGENOSI. Compito dell’associazione, fondata nel 1996, oltre a sostenere i pazienti e le loro famiglie è quello di promuovere la ricerca attraverso campagne di sensibilizzazione promosse su tutto il territorio nazionale, corsi di informazione di personale medico e paramedico, convegni sui più recenti sviluppi della ricerca genetica; istituendo borse di studio per promuovere una maggiore conoscenza della malattia e finanziando progetti di ricerca e di terapia genica.

Tutti i proventi del Concorso “POESIE PER AIG” andranno in donazione a favore della ricerca scientifica promossa da A.I.G.

I VINCITORI

La poesia prima classificata è stata ANFRATTI scritta da Rinaldo Ambrosia
La poesia seconda classificata “I VECCHI” di Silvano Zecchini
La poesia terza classificata “RESPIRERAI LA MIA ARIA” di Emanuela Muscarella
Premio speciale per la Poesia più emozionante è stato dato a “GRAZIE” di Francesca Opri.
Add a comment...

Notizia scientifica del mese 2018 - La terapia enzimatica sostitutiva con GAA umano ricombinante nella malattia di Pompe

(Enzyme replacement therapy with alglucosidase alfa in Pompe disease: Clinical experience with rate escalation) Desai A.K, Walters C.K, Cope H.L, Kazi Z.B, DeArmey S.M, Kishnani P.S. Molecular Genetics and Metabolism. 2018 Feb;123(2):92-96

La malattia di Pompe è una rara malattia da accumulo lisosomiale causato dal deficit dell'enzima alfa-glucosidasi acida (GAA). GAA è responsabile della degradazione del glicogeno lisosomiale e la sua carenza porta all'accumulo di glicogeno in più tessuti, in particolare nei muscoli scheletrici, lisci e cardiaci, i quali sono soggetti a un progressivo indebolimento.
La terapia enzimatica sostitutiva con GAA umano ricombinante (ERT) ha migliorato nettamente gli esiti clinici nei pazienti con malattia di Pompe a esordio infantile (IOPD), rivoluzionandone il trattamento. Tale terapia è disponibile da oltre un decennio ed ha trasformato efficacemente una malattia fatale in un disturbo trattabile. Nonostante i risultati clinici ottenuti in seguito al trattamento con ERT abbiano evidenziato un significativo miglioramento degli outcome dei pazienti, la qualità della vita rimane ridotta a causa delle rimanenti complicanze. La modulazione immunitaria e l'inizio precoce del trattamento, possibile in seguito allo screening neonatale, hanno migliorato molti degli aspetti critici residui. Un ulteriore approccio per massimizzare il beneficio terapeutico è rappresentato dall’aumento della frequenza e della dose di infusione oltre il dosaggio standard di 20 mg/kg/settimana.
I primi dati ottenuti hanno mostrato miglioramenti respiratori e motori senza l’aumento dei rischi di reazioni avverse associate all'infusione nei pazienti con IOPD che hanno ricevono ERT a una dose di 40 mg/kg/settimana. Somministrando una dose maggiore di ERT e mantenendo la velocità di infusione raccomandata, la durata dell'infusione aumentatva da 3 h 45 min a 6 h 36 min.
Scopo di tale studio è stato quello di sviluppare un protocollo con un’escalation della velocità di somministrazione della terapia per ridurne in modo sicuro la durata.Il protocollo è stato sviluppato e applicato a 15 pazienti, di cui 5 con IOPD e 10 con malattia di pompe ad esordio tardivo (LOPD). In questo articolo gli autori hanno riportato l’efficacia, la sicurezza e l’impatto psicosociale di tale protocollo sui 5 pazienti con IOPD. Tutti i pazienti hanno iniziato ERT alla dose standard di 20 mg/kg/settimana e poi sono stati sottoposti a un incremento graduale individualizzato che è risultato essere ben tollerato senza la comparsa di reazioni avverse associate all'infusione. La riduzione della durata dell'infusione è risultata di 1 ora e 24 minuti con un corrispondente aumento della soddisfazione riportata. È stato quindi mostrato come un accurato e graduale aumento della frequenza di infusione di ERT possa facilmente ridurre la durata della somministrazione della terapia in pazienti con malattia di Pompe.
Gli autori hanno voluto sottolineare alcune raccomandazioni: 1) prima dell'inizio del processo di escalation, i pazienti devono completare il trattamento con ERT alla velocità di infusione raccomandata senza presentare reazioni avverse significative per almeno sei mesi 2) i pazienti devono avere bassi titoli di anticorpi IgG anti-rhGAA (<12.800) prima dell’incremento 3) l’aumento della frequenza deve essere eseguita in modo graduale 4) i pazienti devono essere monitorati attentamente e sottoposti alla successiva fase di incremento solo dopo aver stabilito la tolleranza alla velocità di infusione corrente. Tutte queste raccomandazioni dovrebbero essere individualizzate sulla base del quadro clinico del singolo paziente.
Add a comment...

Post has attachment
Il 28 febbraio in occasione della giornata mondiale delle malattie rare @AIG_Italia ha presenziato al Convegno organizzato da Telethon a Nardò #glicogenosi
Ha relazionato la nostra socia Marialaura Caiaffa.
https://youtu.be/0nlPIp3M9XM
Add a comment...

Post has attachment
In occasione della giornata mondiale delle malattie rare 28 febbraio 2018, A.I.G. parteciperà ad una tavola rotonda che si svolgerà a Nardò (Le)
Telethon provinciale Puglia e la regione Puglia hanno organizzato l'evento dal titolo a"Tu per Tu "con la ricerca.
Sarà presente Marialaura Caiaffa che illustrerà le attività di A.I.G. e parlerà della sua esperienza di malata rara.
Photo
Add a comment...

Post has attachment
GIORNATA DELLE MALATTIE RARE 28 FEBBRAIO 2018
"MOSTRA CHE CI SEI AL FIANCO DI CHI E' RARO"
#RDD #RareDiseaseDay #ShowYourRare
Add a comment...

Post has attachment
Convegno AIG 2017 Sabato 18 novembre - La gestione del paziente adulto in attesa della transizione - Dott.ssa Paci Pediatra metabolista a Milano
Add a comment...

Post has attachment
Convegno AIG 2017 Sabato 18 novembre - L’inserimento scolastico + Progetto “Legge 104 e assistenza” - Sig.ra Angela Tritto
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded