Shared publicly  - 
 
YOUNG THE GIANT - IL DISCO D’ESORDIO OMONIMO ENTRA NELLA CLASSIFICA DEGLI ALBUM PIU’ VENDUTI IN ITALIA

UNICI OSPITI INTERNAZIONALI SUL PALCO DEL PRIMO MAGGIO E IN CONCERTO IL 2 E IL 3 MAGGIO A ROMA E MILANO

YOUNG THE GIANT il disco d’esordio omonimo degli YOUNG THE GIANT, una delle più grandi promesse del rock americano, ad una settimana dall’uscita entra direttamente nella classifica degli album più venduti in Italia.

In Italia gli YOUNG THE GIANT suoneranno per la prima volta a Roma a San Giovanni sul palco del 1°maggio dove saranno gli unici ospiti internazionali. Il giorno dopo, il 2 maggio, saranno in concerto alla Locanda Atlantide (via dei lucani 22) e il 3 maggio a Milano al Tunnel (Via Sammartini 30) Per maggiori info: www.vivoconcerti.com

Anticipato dal singolo di successo “Cough syrup”, da settimane nella top 5 dell’airplay italiano, YOUNG THE GIANT è prodotto da Joe Chiccarelli, noto per aver collaborato con i White Stripes, The Racounteurs e My Morning Jacket, gruppi amati dalla band (Bo Koster dei My Morning Jacket appare come ospite alle tastiere in molti dei brani dell'album e Roger Manning, tastierista di Beck, suona in "Your Side"). In possesso di una grande capacità compositiva, solitamente propria di musicisti molto più esperti, i membri della band hanno un'età compresa tra i 20 e i 22 anni. Composti da Gadhia, Jacob Tilley (chitarra), Eric Cannata (chitarra/voce), Payam Doostzadeh (basso) e Francois Comtois (batteria/voce), gli YOUNG THE GIANT presentano un set di idee musicali molto diversificato , tanto vario quanto il loro background etnico: indiano, persiano, inglese e franco-canadese. Condividono però una raffinata sensibilità e sono tutti nativi di Orange County (California).
Se il loro suono è così brillante è perché suonano insieme dai tempi dalle scuole superiori. "Noi tutti abbiamo iniziato a scrivere musica quando eravamo molto giovani", ricorda Gadhia.

Gli YOUNG THE GIANT scrivono una sorta di rock'n'roll melodico e sublime che spicca per la sua grandezza. Dalle percussioni sconvolgenti e il coro di “My Body” al fervore malato d’amore di "Cough Syrup", al pop solare uptempo di "I Got". “Islands” sposa bizzarri ritmi jazz con l’indimenticabile falsetto del cantante Sameer Gadhia per creare un effetto formidabile. La chitarra elettrica che scandisce "Street Walker" avvolge di mistero i ritmi dance della canzone, ed è impossibile interpretare il muro di chitarre suonanti di "Twelve Fingers" se non come pura gioia.
Gli YOUNG THE GIANT suonano grandi canzoni con grandi idee e non sono per niente timidi in questo. Il video del singolo “Cough syrup” ha raggiunto quasi 5 milioni di views su youtube, la canzone è stata inoltre inserita nella scena iniziale che chiude la terza stagione della seguitissima serie tv Glee

Guarda il video di Cough syrup qua
Young the Giant - "Cough Syrup" (Official Video)

La band si è esibita in numerosi festival nel 2011 sia negli USA che all’estero (Lollapalooza, Austin City Limits (USA), Music Midtown (USA), Java Rockin’ Land (Indonesia), Splendour In The Grass (Australia), Pukkelpop (Belgio), Lowlands (Olanda), and Noorderzon (Olanda) solo per citarne alcuni) In Usa nel 2012 gli YOUNG THE GIANT hanno lanciato una campagna di prevendita dei biglietti del loro tour riservata soltanto agli iscritti ad una mailing list della band. Lanciata in 30 paesi, 14 date sono andate completamente SOLD OUT in meno di 24 ore.

www.itunes.it/YoungtheGiant
www.youngthegiant.com
www.roadrunnerrecords.it
www.warnermusic.it
www.youtube.com/warnermusicit
5
2
Add a comment...