L'Intelligenza Emotiva per ottenere successo nel lavoro e nella vita

Leggi l'articolo: http://simone-serni.blogspot.it/2015/04/intelligenza-emotiva-per-successo.html

La concezione di Intelligenza basata su test psicometrici del tipo QI è oggi superata dal concetto di Intelligenza Emotiva, che si esprime come meta-abilità, ossia come abilità nel servirsi di capacità superiori attraverso la gestione dell'esperienza emotiva. Queste abilità sono cruciali per il nostro benessere, ci facilitano: nel processo di adattamento, nelle relazioni con gli altri, ad ottenere successo nel lavoro e a mantenere una stabilità psichica.

In parole povere: ciò che determina il successo nella vita e nel lavoro non è il QI (quoziente intellettivo) come pensavamo, ma il grado di Intelligenza Emotiva (IE).

INTELLIGENZA, ADATTAMENTO E SALUTE MENTALE
Negli anni sono stati elaborati diversi test, definiti psicometrici, per valutare l'intelligenza umana. Molti di noi hanno svolto dei test in cui veniva calcolato il nostro QI, ottenuto dal rapporto tra l'età mentale EM (sulla base del numero di prove superate, in base all'età dei soggetti di cui la persona ha eguagliato il rendimento) e l'età cronologica EC (cioè l'età effettiva).

IQ=EM/EC

Un Test QI, esso indica il grado di intelligenza rispetto a quelli che sono i valori normativi/medi degli altri individui con la stessa età. Per ogni età è previsto un risultato diverso, quantificato in base ai risultati medi di campioni statistici. Esistono diversi tipi di test: le scale di Wechsler, le matrici progressive di Raven, i labirinti di Porteus, le scale di Stanford-Binet originali o quelle riviste da Terman e Merrill.

Ma i Test QI, in effetti hanno mostrato grandi limiti, già messi in evidenza a fine degli anni '40 da Jean Piaget, proprio perché:

Il comportamento intelligente non viene misurato dal grado di intelligenza ma dalla capacità di adattamento.

#intelligenza   #personaldevelopment   #socialmediamarketing   #success   #motivation  
Shared publiclyView activity