Profile cover photo
Profile photo
Mario Rossi Network
235 followers -
Il sito dei Mario Rossi per sopravvivere ai tempi moderni e contemporanei. Per difendersi da attacchi da qualunque parte provengano!
Il sito dei Mario Rossi per sopravvivere ai tempi moderni e contemporanei. Per difendersi da attacchi da qualunque parte provengano!

235 followers
About
Posts

Post has shared content
PER DIVIDERSI LE SPESE LEGALI CONTRO IL DL LORENZIN

https://www.change.org/p/freedomeurope-causa-allo-stato-italiano-contro-il-decreto-illegittimo-sui-vaccini
28 LUG 2017 — ERA QUELLO CHE ASPETTAVATE, ERA QUELLO CHE ATTENDEVO, CHE QUALCUNO SI MUOVESSE A LIVELLO INTERNAZIONALE E DENUNCIASSE IL GOVERNO ITALIANO A CAUSA DELL'APPROVAZIONE DEL DL 73/2017, LEGGE SULLE VACCINAZIONI.
Avete firmato, ad oggi, in 71.000 persone la mia petizione.
Raggiungere 50.000 firme sarà uno scherzetto. DOBBIAMO RIUSCIRCI IN UN GIORNO: SUONATE LE TROMBE DELLA RISCOSSA

SARA BOO PRESIDENTESSA DELLA NATIONAL HEALTH FEDERATION DELLA SVEZIA PROMUOVE UNA
CLASS ACTION DI 50.000 PERSONE CHE METTERANNO QUALCHE DECINA DI EURO PER LE SPESE LEGALI CONTRO LO STATO ITALIANO E IL DL LORENZIN ILLEGALE, ILLEGITTIMO, INCOSTITUZIONALE

Firmate. FIRMATE, f i r m a t e qui
https://www.change.org/p/freedomeurope-causa-allo-stato-italiano-contro-il-decreto-illegittimo-sui-vaccini


Avviso: questo impegno non è giuridicamente vincolante, ma PER FAVORE NON FIRMATE SE NON SERIAMENTE PRONTI AD ANDARE IN GIUDIZIO.
Un avvocato vi rappresenterà e non avrete bisogno di andare fisicamente in tribunale.

Michael Zazzio, segretario National Health Federation Sweden, NHF Sweden Esperto per la Svezia in questioni legali in ambito sanitario.
https://www.facebook.com/sara.boo.357/posts/835976893244337 pagina fb di SARA BOO

VIDEO DI SARA BOO: https://www.youtube.com/watch?v=2MXzJHWL10w

LA TRADUZIONE E’ NEL MIO AGGIORNAMENTO PRECEDENTE

https://www.change.org/p/freedomeurope-causa-allo-stato-italiano-contro-il-decreto-illegittimo-sui-vaccini


Add a comment...

Post has shared content
AGGIORNAMENTO PETIZIONE

DISOBBEDIENZA CIVILE
https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-italiana-firma-contro-obbligatorieta-dei-vaccini-prevista-dal-disegno-di-legge-2679-del-pd/u/20959927

2 AGO 2017 — ATTENZIONE, ATTENZIONE ATTENZIONE: SE SARETE CHIAMATI DALLA ASL E FATE IL COLLOQUIO NON FIRMATE NULLA. NON FIRMATE NULLA. NON FIRMATE NULLA.
In fondo abbiamo riportato ALCUNI CONSIGLI DELL’ASSIS SULL’OBIEZIONE ATTIVA

MIEI CARISSIMI FIRMATARI, AMICI DI LOTTA, non molleremo mai. UN ABBRACCIO UNIVERSALE A TUTTI.
https://www.youtube.com/watch?v=xf_9x0MEBNY (STEFANO MONTANARI: Disobbedienza Civile)
https://www.youtube.com/watch?v=DhLXiiinlfg (Comilva)

La proposta di DISOBBEDIENZA CIVILE arriva da più parti:
NON MANDATE I FIGLI A SCUOLA, questa è un'azione vincente contro l'arroganza della dittatura piddiota e de lorenziniana. Fate home schooling, unitevi a molte altre famiglie e chiamate giovani educatori in attesa di lavoro. Siate voi gli insegnanti dei vostri figli. Una protesta non violenta, alla Gandhi, sarebbe questa. Nell'anno scolastico imminente, non iscrivete i bimbi né ai nidi né alle scuole materne. In tal modo, avranno almeno un milione di iscritti in meno, su 6 milioni 0-16 anni. Dovranno chiudere molte scuole, asili nido e materne. Risparmierete la retta da pizzo che vi fanno pagare e si bloccherebbe tutto. Alla faccia della Fedeli che NON CONOSCE LA COSTITUZIONE ITALIANA NE’ I TRATTATI SULLA LIBERTA’ SANITARIA EUROPEI CHE LEI E LA SUA AMICA LORENZIN HANNO CONTRAVVENUTO. Che crede di rispettare l’art. 34 della costituzione mettendo le multe, MA ASSICURANDO L’ACCESSO A SCUOLA. BASTA CON QUESTE IPOCRISIE DA POSTRIBOLO. Questo è illegale ed incostituzionale: Art. 34. “La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”.
Il CODACONS ha già fatto alcune denunce in tal senso:
PRATO. L’Asl Toscana Centro e il suo direttore generale finiscono sul tavolo della Procura della Repubblica e all’attenzione dell’Ordine dei medici. IL CODACONS HA DECISO INFATTI DI PRESENTARE UN ESPOSTO CONTRO L’AZIENDA OSPEDALIERA, COLPEVOLE DI AVER NEGATO AD UN GENITORE CHE NE AVEVA FATTO RICHIESTA LE ANALISI PRE-VACCINALI SU UN BAMBINO. … RIVOLGETEVI AL CODACONS: https://codacons.it/contatti/
La famiglia – racconta il Codacons - si era rivolta lo scorso 27 giugno alla Asl in questione, presentando una istanza in cui SI CHIEDEVA DI SOTTOPORRE IL PROPRIO FIGLIO AD ANALISI PRE-VACCINALI, SULLA BASE DELLA LEGGE 210/92 CHE SANCISCE L’ESISTENZA DI “RISCHI E COMPLICANZE DEI VACCINI”.
Add a comment...

Post has shared content
https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-italiana-firma-contro-obbligatorieta-dei-vaccini-prevista-dal-disegno-di-legge-2679-del-pd/u/20987077
ISTRUZIONI CONTRA VACCINI ILLEGALI E INCOSTITUZIONALI
QUANDO ANDRETE A COLLOQUIO CON LA ASL NON FIRMATE NULLA DI NULLA E FATE LE RIPRESE DI OGNI COSA SPECIALMENTE DI VOSTRO FIGLIO PRIMA E DOPO LA VACCINAZIONE
RICHIEDETE LA LETTERA DI OBIEZIONE ATTIVA A COMILVA E ASSIS

COMILVA (COMITATO ITALIANO LIBERE VACCINAZIONI), previa iscrizione:http://www.comilva.org/contatti/
OPPURE CONTATTANDO L’ASSIS http://www.assis.it/contatti
Istruzioni da stampare e portare con voi al momento della vaccinazione
Presentarsi dicendo:
1. sono la mamma / il papà di ………….;
2. il bambino ha avuto le seguenti malattie …………;
3. il bambino ha ricevuto i seguenti vaccini …………..;
4. riferire al medico qualsiasi malattia, disturbo pregresso o in atto, allergie anche di papà e mamma, altre patologie famigliari;
5. esigete che il medico non vaccini vostro figlio o vostra figlia per malattie che ha già avuto [se dice che una vaccinazione in più non fa male, chiedete su quale libro scientifico è scritto e andate a verificare].
6. CHIEDETE VACCINI MONODOSE. Ecc.
https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-italiana-firma-contro-obbligatorieta-dei-vaccini-prevista-dal-disegno-di-legge-2679-del-pd/u/20987077
Add a comment...

Post has shared content
MAI PAGARE LE SANZIONI AMMINISTRATIVE
https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-italiana-firma-contro-obbligatorieta-dei-vaccini-prevista-dal-disegno-di-legge-2679-del-pd/u/20987881

QUESTA PETIZIONE NON SARA’ CHIUSA FINCHE’ LA LEGGE GLAXO-DE LORENZIN-RENZI-PD NON SARA’ BUTTATA NEL CESSO INSIEME A TUTTI SUOI FIRMATARI

Luca Ventaloro
4 agosto alle ore 18:39
Indicazioni per la tutela legale.
Ancora sulle SANZIONI AMMINISTRATIVE
Questo è uno dei punti su cui girano inesattezze.
Allora: la sanzione amministrativa è il culmine di un iter lungo, fatto di lettere, colloqui, ritardi, incontri. [SI PUO’ SCARICARE LA LETTERA LEGALE DA SPEDIRE ALLA ASL di siti del COMILVA (COMITATO ITALIANO LIBERE VACCINAZIONI), previa iscrizione: http://www.comilva.org/contatti/
OPPURE CONTATTANDO L’ASSIS http://www.assis.it/contatti]
Add a comment...

Post has shared content

Post has shared content

Post has shared content
#QUERELA CONTRO IL BUTAC

Questa mattina, giovedì 3 agosto 2017, il mio legale, l’avvocato Giuseppe Chirone del Foro di Genova, ha presentato una querela per diffamazione aggravata contro i responsabili del sito BUTAC per le calunnie pubblicate nei miei confronti riguardo il caso #Pelizza-#Majorana. So che anche l’avvocato di Rolando Pelizza si sta accingendo a fare la stessa cosa. Come chi ha letto lo scritto del BUTAC sa benissimo, si tratta di un attacco personale nei miei confronti basato su insulti, apprezzamenti calunniosi e falsità. Un attacco tanto pesante, quanto volgare e gratuito, visto che ciò che ho pubblicato negli anni su questa storia si è sempre basato su incontrovertibili documenti autentici, con tanto di perizie calligrafiche e foto sottoposte a perizie antropometriche. Ciò nonostante, nei miei articoli non ho mai preteso di esprimere giudizi di merito su questa incredibile storia, lasciando ai lettori ogni conclusione. Anzi, più volte ho sollecitato l’intervento della Magistratura in quanto, come ripeto da tempo, solo l’Autorità Giudiziaria avrebbe il potere di dire una parola conclusiva su ciò che realmente accadde a Ettore Majorana dopo la sua scomparsa nel 1938. Sono certo che quanto ho scritto fino ad oggi sia solo una parte di una storia controversa e quanto mai complessa. Una storia comunque scomoda che, evidentemente, dà fastidio a qualcuno. E quanto è successo col BUTAC, a mio parere, ne è una prova. Io non so neanche chi siano questi individui che si nascondono dietro nomignoli di comodo, per non firmarsi col loro vero nome. Probabilmente credono ancora che in rete si possa fare qualunque cosa, compreso insultare e denigrare l’altrui reputazione, facendola sempre franca. Non è così! Come avranno modo di accorgersi molto presto, le querele vengono recapitate a nominativi precisi e a indirizzi segnati. Perché non esiste nessuna allegra repubblica di Internet, nella quale ognuno si possa sentire libero di fare e dire ciò che gli pare, a danno del prossimo. Per quanto l’Italia sia un Paese alquanto sui generis per diverse cose, esistono delle leggi e vanno rispettate. E capita anche di doverne rispondere in tribunale, come dovranno fare quelli del BUTAC. C’è da dire che questi “signori” (si fa per dire) nella loro fregola di calunnie “un tanto al chilo”, per parafrasare il loro motto, sono arrivati persino al punto da insinuare che io sia estraneo al Giornale. Eppure ci voleva ben poco ad accertare che ne sono stato dipendente per circa trent’anni e che sono andato in prepensionamento con il grado di caposervizio e il ruolo di vicecapo redattore della Redazione Ligure. Così come ci voleva un attimo per accertare gli anni che ho trascorso a Milano nella Redazione Centrale, prima agli Interni e poi agli Esteri. E, lasciando l’organico, mi è stato concesso un contratto di collaborazione per articoli che pubblico di tanto in tanto, in modo saltuario. Quegli articoli sono in archivio e ognuno, se vuole, può leggerli. Che senso ha negare questa semplice e banale verità? Ma il punto non è quello di dire, appunto, la verità, come cerco di fare sempre io. No, il vento della calunnia deve investire il bersaglio insinuando qualunque cosa, pur di screditarlo. Resta da stabilire a chi interessa farlo. Ma di questo ne parleremo davanti al giudice.

RDS
Add a comment...

Post has shared content
Add a comment...

Post has shared content

Post has shared content
Wait while more posts are being loaded