Profile cover photo
Profile photo
Ulpàn: scuola di lingua ebraica, storia e pensiero
35 followers -
Scuola serale di lingua ebraica moderna, di grammatica ebraica biblica e odierna e di storia e pensiero ebraico
Scuola serale di lingua ebraica moderna, di grammatica ebraica biblica e odierna e di storia e pensiero ebraico

35 followers
About
Ulpàn: scuola di lingua ebraica, storia e pensiero's posts

Post is pinned.Post has attachment

Post has attachment
Sito aggiornato con i corsi del prossimo anno scolastico! :-)

www.scuoladilinguaebraica.it

#ebraico
Photo

Post has attachment


È il primo del mese ebraico di Tamùz 5777 - א' בתמוז ה'תשע"ז

Quarto mese nel calendario babilonese: "du'ūzu". Il nome è quello del babilonese dio della fertilità menzionato anche nel Libro di Ezechiele (8, 14).

Secondo la traduzione mesopotamica, ogni anno, coll'appassire delle piante, Tammuz scende negli inferi per risalire sulla terra coll'arrivo della pioggia.

Nella Bibbia il mese è menzionato solo col suo numero, come per esempio in Geremia 39,2.

Corrisponde al periodo del mesi giugno - luglio.

Sui mesi del calendario ebraico potete leggere qui: https://goo.gl/oqRoQw.

#ebraico #calendario #zodiaco
Photo

Post has attachment
Shulamith Hareven (1930-2003), "Sete, la trilogia del deserto" (romanzo diviso in tre racconti)

«In un racconto drammatico l'esperienza di un popolo che nel deserto rinasce e trova il suo Dio.»

Testo letto in lingua al corso di grammatica ebraica e lettura testi.

La lista completa dei testi affrontati in lingua si può trovare nella pagina del corso: http://goo.gl/uenGpZ.

#ebraico
Photo

Post has attachment

Post has attachment
La racconta "Lo zio Perez spicca il volo" di Yaakov Shabtai (1934–1981)

Il racconto "Model", tratto da questa raccolta, è il testo affrontato ora al 4° anno del corso di grammatica ebraica e lettura testi.

Sul grande scrittore - «sommo maestro della descrizione, virtuoso della lingua e alchimista di forma e contenuto», mancato prematuramente all'età di 47 anni - e sulla sua opera potete leggere nella pagina del corso, nella sezione a lui dedicata, dove troverete collegamenti (link) ad approfondimenti esterni in italiano e in inglese, e frammenti di traduzione: http://goo.gl/uenGpZ.

#ebraico
Photo

Post has attachment
Vieni a studiare l'ebraico a Milano! :-)

www.scuoladilinguaebraica.it

#ebraico
Photo

Post has attachment
Lea Goldberg, Tutti i racconti

Di Lea Goldberg (1911–1970) - poetessa, scrittrice, traduttrice, critico letterario, ricercatrice e docente di letteratura all'università di Gerusalemme - abbiamo già scritto: https://goo.gl/12cwKW.

Uno dei racconti lo potete leggere in ebraico e in inglese, mentre di un altro potete ascoltare la lettura. Tutto nella sezione dedicata a Lea Goldberg nella pagina del corso di grammatica ebraica e lettura testi, dove le sue opere si leggono in originale: http://goo.gl/uenGpZ.

#ebraico #culturaebraica
Photo

Post has attachment
“Ulpàn” – in ebraico אֻלְפָּן scuola – è il nome delle scuole di lingua ebraica per i nuovi immigrati in Israele e del metodo di insegnamento sviluppato al loro interno.

L’Ulpàn di Milano è attivo già dagli anni ’70. Da sempre collabora con le scuole israeliane per portare il metodo Ulpàn in Italia, ma offre al pubblico italiano anche ulteriori percorsi di apprendimento, propri, sul sito illustrati.

www.scuoladilinguaebraica.it

#ebraico
Photo

Post has attachment
Sorprese etimologiche:

"Balcone" = בָּלָגָן [balagàn] (casino)

Lo sapevate che la parola italiana "balcone" e quella ebraica בָּלָגָן [balagàn] (casino, disordine, baccano) hanno la stessa origine?

Come riportato dal vocabolario etimologico di Ottorino Pianigiani (foto), la parola "balcone" deriva dal termine "Bâla-Chaneh" che in persiano antico significava letteralmente "il sopra della casa".

Tuttavia, il termine persiano entrò anche nella lingua russa, dove assunse però la pronuncia [balagan] e il significato di "baracca".

Con riferimento alle baracche utilizzate per le loro esibizioni, nel Settecento anche le prime compagnie teatrali ambulanti venivano chiamate "balagan". Poi, per la natura di quelle esibizioni, assai chiassose, la parola "balagan" assunse l'accezione di "casino", "disordine", "baccano" e con quest'ultima accezione entrò nella lingua ebraica: בָּלָגָן.
Photo
Wait while more posts are being loaded