Profile cover photo
Profile photo
Salvatore Marsiglione
98 followers
98 followers
About
Posts

Post has attachment
Le opere del giovane astro nascente dell'arte Manga giapponese sono alla galleria MAG di Como. Taro Sakakibara è l'assistente, da qualche anno, di Yukio Shinohara, il più importante artista manga vivente. Il futuro del Manga è alla galleria MAG di Como. www.magcomo.it
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
08/12/17
14 Photos - View album
Add a comment...

Post has attachment
sabato 22 luglio ore 21:00 Finalborgo (SV) Complesso Monumentale di Santa Caterina
Add a comment...

Post has attachment
#mostradiffusa  Max Papeschi in Giappone! inaugurazioni: 18 novembre  dalle 18:00 #osaka  20 novembre dalle 19:00 #kyoto   #magshow   #magartist  www.magcomo.it www.gallery-tomo-com 
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment

Post has shared content
Originally shared by ****
Photo
Add a comment...

Add a comment...

Post has shared content
Immaginario Toscano
Pittura e scultura a confronto
Ivo Lombardi - Maximo Pellegrinetti
Dal 22 agosto al 14 settembre alla MAG di Como
MAG - Marsiglione Arts Gallery
presenta

Immaginario Toscano
Pittura e scultura a confronto Ivo Lombardi - Maximo Pellegrinetti
A cura di Salvatore Marsiglione

Dal 22 agosto al 14 settembre 2013
Opening: Giovedì 22 agosto 2013 dalle 18.30
Orari : martedì - sabato 10:00 - 13:00 | 15:00 - 19:30


MAG - Marsiglione Arts Gallery
Via Vitani, 31
22100 Como
Tel:+39 328 7521463
info@marsiglioneartsgallery.com
www.magcomo.it
www.facebook.com/MAGComo


Sempre fedele alla sua vocazione e missione culturale, la MAG di Como presenta al pubblico una bipersonale di “origini” toscane.
Due artisti tecnicamente opposti fra loro ma vicini per appartenenza territoriale:
Maximo Pellegrinetti, nato a Viareggio nel 1960, e Ivo Lombardi, nato a Livorno nel 1936, vedranno le loro opere accostate in un dialogo silenzioso ed enigmatico in un universo di  linguaggi paralleli. La marmorea scultura di Pellegrinetti si assottiglia fino a divenire “quadro” da collocare a parete, mentre i quadri di approccio dadaista e astratto di Lombardi, acquisiscono la tridimensionalità attraverso molteplici materiali corposi.  
Maximo Pellegrinetti, attualmente Direttore del dipartimento di Scultura presso l’Accademia di belle Arti di Brera, predilige l’uso del marmo per la sue opere, realizzando delle superfici sottili, sulle quali scolpisce un segno inciso e profondo. Linee cromaticamente attraenti, espressione di un alfabeto immaginario, sconosciuto e misterioso, che spinge lo spettatore a interrogarsi sulle sue forme, percependo le sensazioni e le emozioni dell’artista solo attraverso segni apparentemente indecifrabili. Confini, sotto le spoglie di immagini arcane, che portano a un mondo sospeso di silenzio e contemplazione.
Nell’opera di Ivo Lombardi, la prevedibilità della visione è alterata da una simultaneità di sistemi  che si impregnano di altri sistemi, di insiemi che si fondono e si allargano, di presenze inconsuete che affiorano in maniera caparbia.
Realtà astratte nel segno di una materia pittorica forte, tangibile. Le sue opere, profane e attraenti, protettive e ingannevoli, sembrano voler  trasudare le diverse emozioni di un tempo che è impossibile distinguere in passato, presente e futuro.
Il cuoio che ricorda la materia naturale e i primordi dell’uomo diviene rappresentazione pura e imponente, si fa spazio scenico inducendo la mente ad attraversare e riattraversare i luoghi della memoria ancestrale.
Frontiere da oltrepassare con lo sguardo, in un movimento di navigazione visiva alla ricerca di punti a cui ancorarsi. Mappe vitali di pigmenti, che scavano nella memoria personale dello spettatore, portandolo a una realtà da scoprire. Un piacevole dispiegarsi di sentimenti che si affacciano dalla tela, rievocando percorsi illuminati da improvvisi blu o elementi di cuoio.
Due realtà, quelle di Pellegrinetti e Lombardi, affini per volontà ma lontane per modus operandi. L’uno vuole condurci in questa terra silenziosa di contemplazione attraverso la semplicità della materia e del gesto artistico; l’altro attraverso la forza materica ed esistenziale della pittura, vuole rappresentare un rapporto proliferante ed etereo, dove pittura, scultura e narrazione si incontrano dando vita ad un universo fatto di territori, arcaismi, sogni ed impulsi.
Opere che richiedono di essere osservate fuori dagli schemi della frenesia quotidiana, ma che necessitano uno sguardo disposto a una pacificazione interiore.
Opere da sentire, da percepire con l’anima.
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded