Profile cover photo
Profile photo
Ruggero Marino
341 followers
341 followers
About
Posts

Post is pinned.Post has attachment
COLOMBO E LA RISCOPERTA DELL’AMERICA:

Dal 1990 inseguo la verità. Con quattro libri pubblicati e un sito ( www.ruggeromarino-cristoforocolombo.com ) in continuo aggiornamento. La VERITÀ su uno degli avvenimenti più importanti nel cammino dell’umanità: la “scoperta” dell’America. Dalla quale si fa iniziare l’era moderna e che rivoluzionò il corso degli eventi umani in pieno Rinascimento. Con l’avvento dell’ “otro mundo”, come giustamente lo chiamò Colombo, furono messi in crisi i dogmi della fede e cambiarono gli equilibri politici ed economici dell’Occidente.
Dopo oltre 25 anni sono giunto alla conclusione, sulla base di documenti ed innumerevoli indizi, che quanto ci hanno raccontato da 500 anni rappresenta il più grande inganno nella storia dell’uomo. Per continuare a fare luce in questo labirinto, dove la menzogna ha prevalso fino ad ora sulla verità non basta la tenacia del singolo senza il supporto di una spinta finanziaria, che consenta di continuare a vasto raggio le indagini. Acquisto di libri d’epoca e recenti, viaggi, l’aiuto di archivisti e paleografi, di ricercatori, l’apporto di un tecnico per l’aggiornamento del sito … sono necessari per andare avanti, per poter scardinare una tradizione ingessata nei secoli. In un impegno economico, che richiede un apporto esterno da parte di appassionati e non. Per ricostruire un percorso costellato da personaggi fatti sparire o rimasti nell’ombra a cominciare dal papa “decaparecido”, che fu il vero “sponsor” di Cristoforo Colombo, il cittadino genovese Giovanni Battista Cybo, colpito da “damnatio memoriae” e che fu cancellato dal successore il famigerato Alessandro VI, Rodrigo Borgia. Uno spagnolo che consegnò il Nuovo Mondo agli spagnoli.
Mai come in quel tempo si cercava l’unità nella diversità, che doveva compiersi nella quadratura del cerchio non solo geografica, con il raddoppio del mondo conosciuto. E’ in vista di un ulteriore, speriamo definitivo, sforzo che facciamo appello a quanti possono essere in grado di sostenere e supportare in denaro questa sfida. L’investimento è a rischio, perché non è sicuro che ci sarà un ritorno. Ma l’altra faccia della medaglia è l’opportunità, con i dovuti ringraziamenti che verranno messi nelle nuove pubblicazioni, di partecipare a riscrivere la storia. Per ricondurla sui binari della verità e della giustizia. Non a caso Cristoforo Colombo scriveva “la verità trionfa sempre” e sulla sua tomba si legge: “Perché io non sia confuso in eterno”.
Grazie comunque.
Add a comment...

Post has attachment
LE MORTI SBAGLIATE PROVOCANO EROI SBAGLIATI
Le morti sbagliate, e purtroppo ideologicamente strumentalizzate, producono eroi sbagliati. E’ accaduto a Genova con la morte di Carlo Giuliani, è accaduto a Roma con la morte di Stefano Cucchi. Due vittime della violenza da parte di rappresentanti dello stato, una violenza ingiustificabile e colpevole. Due morti da condannare senza se e senza ma. Non si trattava però di due santi. Giuliani era un esaltato anarcoide, Stefano uno spacciatore di droga. Hanno pagato con la vita in modo sbagliato, per una reazione incontrollata il primo da parte di un giovane e inesperto difensore dell’ordine pubblico, per un vero e proprio incosciente disegno punitivo di mele marce dell’arma dei carabinieri il secondo. Però da qui a fare di questi due sfortunati giovani una sorta di “eroi” per le nuove generazioni ce ne corre. Giuliani che a sua volta, maneggiando un estintore, rischiava di diventare un assassino, ha addirittura una strada intitolata al suo nome. Ilaria, la sorella di Cucchi, per certi versi ammirevole, è diventata una icona delle televisioni e sicuramente avrà un futuro in politica. Perché spesso sulle morti sbagliate si ............... (leggi tutto nel link)

#cucchi #blog #giuliani #polizia #carabinieri #news #italia #processo #genova #roma #notizie
Add a comment...

Post has attachment
I MOTIVI RELIGIOSI ALLA BASE DEL VIAGGIO DI COLOMBO
Riprendiamo uno dei tanti articoli usciti in occasione della ricorrenza della “Scoperta dell’ Ameriica” il 12 ottobre 1492. Lo riproponiamo in lingua spagnola e nella traduzione in un italiano sia pure approssimativo fatta dal pc. Lo riprendiamo perché è il solo che mette in evidenza quelle che furono le vere motivazioni che spinsero Colombo al viaggio.

Uno motivo poco mencionado que animó los viajes de Cristóbal Colón fue su profunda creencia cristiana en relación al “Fin de los Tiempos”. En estas fechas celebramos la llegada de Colón a las Américas (en España se celebra el 12 como Fiesta Nacional del país; en EE.UU. se celebra hoy día 8 el Día de la Raza, con ánimo de fomentar el respeto entre culturas, un espíritu que comparten otros países de Hispanoamérica). Colón decidió dirigirse a la India tomando rumbo oeste porque pensó que sería una ruta más rápida. ¿Cuál era la razón de esta premura?
Según la Enciclopedia Británica, Colón creía que Satán se había instalado en la India para perturbar la difusión del Evangelio y retrasar la Segunda Venida de Cristo. “Según sus cálculos escatológicos, el momento del regreso de Cristo estaba muy próximo”, afirma la Enciclopedia Británica. “Por ello, era necesario llegar a la India por el camino más corto posible, para que el último baluarte de Satán pudiera ser eliminado a través de las misiones cristianas”.
La entrada de esta enciclopedia sobre la vida de Colón presenta a un explorador con voraz............................ (leggi tutto nel link)

#colombo #america #storia #notizie #misteri
Add a comment...

Post has attachment
IL RITORNO FRA TANTE SIGLE DEI CAVALIERI TEMPLARI
L''ultima crociata è stata combattuta 750 anni fa, loro sono stati sciolti quarant'anni dopo dal Papa sotto il peso di accuse infamanti. I sette secoli successivi, più che ricordarne il valore, ne hanno fatto un misto di esoterismo, ambizioni araldiche, voglia di riconquista, ricchezze nascoste, contiguità con la massoneria.
Essere monaci e andare in guerra non sono più un tutt'uno e la Terrasanta è presidiata da tutt'altre milizie. Eppure, oggi i templari cercano di riemergere dal fiume carsico della storia, i cavalieri del tempio di Gerusalemme tolgono dagli armadi croci e mantelli e provano a rilanciare gli ideali che non vogliono consegnare al passato.
Templare è un marchio privo di copyright. La Chiesa, che li ha creati con San Bonaventura e cancellati con papa Clemente V, non li ha riabilitati. Chiunque può utilizzare la griffe, celebrare investiture, fondare priorati sfruttando le leggende sulla sopravvivenza segreta dell'ordine: le diffuse la massoneria inglese che fece propri i gradi templari, a partire da quello di gran maestro. A cavallo della Rivoluzione francese prese corpo una corrente di «neotemplari» affine alle obbedienze massoniche che si ramificò in numerose sigle, tutte originate da microscissioni spesso difficili da ricostruire e in concorrenza tra loro. Ognuna rivendica un pedigree adeguato e contribuisce ad alimentare misteri e curiosità sui templari, che fanno la fortuna di libri come il Codice da Vinci e saghe cinematografiche come quelle di Indiana Jones.
In Italia sono presenti addentellati di organizzazioni internazionali come l'Osmtj (Ordre souverain et militaire du temple de Jérusalem, Ordine sovrano e militare del ................... (leggi tutto nel link)

#templari #storia #chiesa #misteri #cavalieritemplari
Add a comment...

Post has attachment
ALLA RICERCA DELLE AMAZZONI LE MITICHE DONNE GUERRIERE
Le Amazzoni (in greco antico: Ἀμαζόνες, Amazónes) sono un popolo di donne guerriere della mitologia greca. ll nome greco Ἀμαζών (amazòn) è di dubbia etimologia.
La maggior parte degli autori classici, considerano la Ἀ iniziale un'alfa privativa che rende nullo il successivo nome μαζός, versione ionica di μαστός, che vuol dire "seno": il risultato sarebbe quindi "senza seno".
L'etimologia è riferibile al costume tradizionale attestato dalle fonti mitografiche secondo cui le Amazzoni si mutilavano la mammella destra allo scopo di tendere meglio l'arco. Da tutti gli autori viene evidenziata la relazione fra la mutilazione/occultamento degli attributi femminili e il miglioramento delle abilità guerresche reputate qualità chiaramente maschili.
Lo pseudo-Ippocrate riferisce[] che alle donne dei Sarmati, tradizionalmente identificate o collegate con le Amazzoni (si veda in seguito), viene bruciata la ghiandola mammaria destra tramite l'applicazione di un disco di rame arroventato. La pratica viene compiuta nella prima infanzia per impedire lo sviluppo del seno e assicurare maggior forza al braccio che tenderà l'arco.
Un riferimento ad un costume analogo delle Amazzoni viene attestato[ da Diodoro Siculo. Lo storico greco accenna alla mutilazione senza fornire dettagli, ma precisando che il suo scopo è quello di rendere più forti le donne guerriere. Eustazio di Salonicco, ecclesiastico ed erudito bizantino del XII secolo, nel suo commentario all'Iliade cita la pratica della bruciatura del seno nei termini e negli scopi precisati da Ippocrate («ut arcus facilius intendant»), ma riferendola alle Amazzoni del poema omerico.
Un riferimento analogo compare anche nell'Eneide di Virgilio il quale descrivendo Pentesilea, una delle loro .............. (leggi tutto nel link)

#storia #amazzoni #colombo #grecia #curiosita #misteri
Add a comment...

Post has attachment
UN RITRATTO DI CRISTOFORO COLOMBO FINORA SCONOSCIUTO
Pubblichiamo un ritratto di Colombo mai conosciuto ma che assume una importanza fondamentale in quanto fa parte del complesso di ritratti donati alla Città di Fermo dal cardinale genovese Domenico Pinelli nel 1582. Si ricorda che Francesco Pinelli, nipote di papa Innocenzo VIII, Giovanni Battista Cybo, era stato fra i massimi finanziatori e prestatori del denaro occorrente a Cristoforo Colombo, per varare la spedizione del 1492. Domenico Pinelli invece è stato vescovo di Fermo dal 1577 al 1584 e, per l’ottimo ricordo che aveva lasciato di sé, aveva ottenuto anche cittadinanza e titolo nobiliare fermani. Questa donazione è composta di copie eseguite in ambiente fiorentino, in particolare l'originale di quella relativa a Colombo sarebbe stata realizzata a Roma all'inizio del 500 ed è conservata, oggi, al Museo di Como. Date quanto mai vicine ai trascorsi del navigatore.
Alberto e Silvia Silvestro, in un articolo dei Quaderni dell’Archivio arcivescovile di Fermo (il volume 4, n. 7 del gennaio 1989), riferiscono che il Pinelli aveva ricevuto a sua volta questi ritratti dal Cardinale Alessandro De’ Medici. Anche la banca dei Medici fu tra i finanziatori del primo viaggio mentre Lorenzo il Magnifico era consuocero di papa Innocenzo. C’è memoria di una sorta di cartiglio in legno con la scritta “Donazione Domenico Pinelli” che sarebbe stata affissa a muro sotto i ritratti donati, ma che ad oggi non si rinviene. La Biblioteca conserva invece una lettera dei Priori che, datata al gennaio del 1585, ringraziano l’ex vescovo fermano per il ..................... (leggi tutto nel link)

#scoop #cristoforocolombo #storia #novità #news #america #colombo #misteri usa
Add a comment...

Post has attachment
MOSTRA RACCONTI VIAGGIATORI DEL PASSATO
(ANSA) - MODENA, 18 SET - Una mostra sulle esperienze di viaggio tra il 1400 e il 1800, attraverso un'ampia selezione di testi illustrati appartenenti al patrimonio librario della Biblioteca Estense Universitaria, oltre a quadri, sculture, arti decorative, materiale etnografico. 'Meravigliose avventure. Racconti di viaggiatori del passato' è il tema dell'esposizione, suddivisa in sei sezioni a partire dai pellegrinaggi in Terrasanta, che la Galleria Estense di Modena ospita dal 21 settembre al 6 gennaio. Tra le opere più preziose, una rara prima edizione della lettera che Cristoforo Colombo scrisse ai reali di Spagna, annunciando la scoperta del Nuovo continente, e la Cosmografia di Tolomeo, realizzata per il duca Borso d'Este. Lontane dalle moderne guide turistiche, le relazioni annuali dei missionari e i libri pubblicati da mercanti, religiosi, ambasciatori studiosi e curiosi al ritorno dai loro viaggi rappresentarono testimonianze di valore ineguagliabile per la conoscenza di popoli e mondi ancora poco noti in Occidente.

#storia #mostra #mostre #modena #notizie
Add a comment...

Post has attachment
ASIA ARGENTO E JIMMY BENNET: LA SQUALLIDA STORIA DI DUE MENTITORI
Confesso che non ho mai avuto simpatia per Asia Argento, non l’ho mai considerata un donna sensuale nonostante le sue foto discinte. Non ho nemmeno simpatia per quel finto passerotto tutto pelo tinto, stoppaccioso e cotonato di Jimmy Bennet. E dopo averli ascoltati attentamente tutti e due mi sono fatte delle idee. Da giornalista premetto che Giletti è stato abile è ha fatto un grande scoop, in linea purtroppo con i tempi che viviamo. Per cui se si parla di lenzuola tutti drizzano gli orecchi e gli occhi . Siamo diventati un popolo di voyeurs e di tenutarie di bordelli. Però Giletti non è stato equanime, si vedeva lontano un miglio per chi parteggiava e ha fatto di tutto per riabilitare la pupilla, che gli ha concesso l’esclusiva. Abbracciandola a lungo alla fine. Ma nonostante tutto il confronto è terminato in un salomonico pareggio. Perché per quanto mi riguarda si tratta di due sfacciati mentitori, che recitavano ciascuno la parte della verità di parte. Chi è Asia? Una normale attrice, che vuole fare anche la regia, ma che soprattutto ha un concetto troppo alto di sé. Figlia d’arte (padre regista, madre attrice) dovrebbe conoscere tutte le trappole del mondo della spettacolo. Non è così. Più o meno ventenne entra nella suite del più grande produttore di Hollywood, riconosciuto e famoso porco seriale. Lui le chiede un massaggio, che a lei fa anche un po’ schifo (però esegue), ma l’orco Weinstein le zompa addosso e la “stupra”. In questo caso lei non si è “congelata” (termine che userà per Jimmy). Da stuprata continua a frequentare e a fare foto tenere e sorridenti con Harvey-toro-seriale. Non lo fa per interesse professionale. “Normalizza” la situazione.
Poi gli capita un ragazzino di sette anni a cui fa da balia, finché lui diventa grande, ma non maggiorenne. E va a letto anche con il ....................... (leggi tutto nel link)

#blog #gossip #asiaargento #scandali #bennet
Add a comment...

Post has attachment
UNA RIPRODUZIONE DELLA NAVE SANTA MARIA (NON CARAVELLA) DI COLOMBO
HA ATTRACCATO IN QUESTI GIORNI A VALENCIA (SETTEMBRE 2018) UNA RIPRODUZIONE DELLA NAVE (NON CARAVELLA) SANTA MARIA CHE UTILIZZÓ CRISTOFORO COLOMBO PER IL PRIMO VIAGGIO DEL 3 AGOSTO 1492

#nave #caravella #colombo #america #chiesa #misteri #scoperte
Add a comment...

Post has attachment
LA RUOTA DEL PAVONE

Vorrei tornare giovane
mettermi in livrea per te
come quando a primavera
gli alberi in fiore
fanno la ruota del pavone.

#poesie #poeta #versi #pavone #2018
Photo
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded