Profile cover photo
Profile photo
Olivia Caramello
It's only a matter of time
It's only a matter of time
About
Posts

Post has attachment
We are pleased to announce the following international event (school + conference) on topos theory in Como:

Post has attachment
I am pleased to announce the publication of my book “Theories, Sites, Toposes: Relating and studying mathematical theories through topos-theoretic ‘bridges’” (384 pages) by Oxford University Press:

https://global.oup.com/academic/product/theories-sites-toposes-9780198758914?cc=gb&lang=en#

This book introduces a set of methods and techniques for studying mathematical theories and relating them to each other through the use of Grothendieck toposes. The theory of classifying toposes – which geometrically embodies the mathematical content of first-order (geometric) theories - is first recalled, allowing the formulation of general ‘bridge’ principles: study theories through the computation of invariants of their associated toposes in terms of different presentations of these toposes. As any Grothendieck topos has infinitely many presentations, the expression of its invariants in terms of them gives rise to a veritable mathematical morphogenesis. These methods, which are susceptible to unify notions and results across distinct mathematical areas, are applied in particular to the study of geometric theories and their extensions through suitable topos-theoretic invariants. The book concludes with a selection of applications of the theoretical results obtained in the previous parts to very different concrete mathematical theories.

Post has attachment
I am very glad to announce that, following the award of a “Rita Levi Montalcini” position of the Italian government, I have decided to come back to my own country and spend the position (which is the equivalent of an Assistant Professorship) at the University of Insubria at Como starting from the 1st of June 2017.

Post has attachment

Post has attachment
Last week I obtained my French HDR (habilitation à diriger des recherches) - a qualification necessary to supervise Ph.D. students and become professor in a French university - from the University of Paris 7. I defended my habilitation thesis, which is available at the address

http://www.oliviacaramello.com/Unification/HDROliviaCaramello.pdf,

in front of a Jury composed by Alain Connes (President), Thierry Coquand, Jamshid Derakhshan, Ivan Fesenko, Anatole Khelif, Frédéric Patras, Enrico Vitale and Boban Velickovic.

The slides of my presentation are available at the address

http://www.oliviacaramello.com/Unification/HDRTalkOliviaCaramello.pdf.

Here is the video (kindly taken by Stéphane Dugowson) of Alain Connes reading the Jury's report on the presentation and the habilitation thesis:

https://sites.google.com/site/logiquecategorique/autres-seminaires/diderot/20161214-hdr-caramello

Thanks again to the members of the Jury and to everyone else who took part in this occasion!

Ho vinto il ricorso relativo al bando Rita Levi Montalcini di cui al post
https://plus.google.com/+OliviaCaramello/posts/LpDLS6E8kNh . In particolare, i giudici hanno accolto la doglianza espressa nel ricorso che vi è stata una disparità di trattamento rispetto ad altri due candidati (ovvero V. D. e E. M.) che hanno ottenuto punteggi superiori rispetto al mio pur vantando un numero di pubblicazioni nettamente inferiore, osservando che “pur non essendo richiesta l’abilitazione scientifica nazionale, la circostanza che la ricorrente l’abbia conseguita avrebbe comunque necessitato di una più ponderata valutazione, trattandosi comunque di un titolo ulteriore, non posseduto dai due vincitori, da prendere in considerazione, cosa che non risulta essere avvenuta, così come, analogamente, avrebbe necessitato di una più approfondita istruttoria e valutazione la parte del curriculum relativa alle pubblicazioni.” I giudici hanno inoltre riconosciuto altri vizi segnalati nel mio ricorso quali la mancanza di motivati pareri da parte del Comitato sia in sede di valutazione delle candidature che nel contesto della mia richiesta di riesame. In conclusione, il TAR del Lazio determina che “il ricorso debba essere accolto, annullando, nella parte relativa all’interesse della ricorrente, i provvedimenti gravati e accedendo alla richiesta di rivalutazione del punteggio della stessa” e “ordina al MIUR di riesaminare la candidatura di parte ricorrente nel termine di giorni trenta dalla notificazione o dalla comunicazione in via amministrativa, se più breve, del presente provvedimento”.

E’ gratificante veder accolte le proprie ragioni ma spiace aver dovuto ricorrere all’autorità giudiziaria per vedere riconosciuta una disparità di trattamento così palese. Mi auguro che il MIUR questa volta rivaluti correttamente la mia candidatura.

Here are two new texts on toposes as 'bridges':

- Grothendieck toposes as unifying 'bridges' in Mathematics, submitted as mémoire d'habilitation à diriger des recherches

http://www.oliviacaramello.com/Unification/HDROliviaCaramello.pdf

- Sur la dualité des topos et de leurs présentations et ses applications : une introduction (in French, written with Laurent Lafforgue)

http://preprints.ihes.fr/2016/M/M-16-26.pdf

Post has attachment

Manifestando la mia solidarietà a Roberta D’Alessandro per le ingiustizie che ha subito, accetto la sfida lanciata da Francesco Cancellato nel suo articolo http://www.linkiesta.it/it/article/2016/02/15/cara-roberta-se-la-ricerca-in-italia-fa-schifo-la-colpa-e-anche-un-po-/29271/ per vedere se qualcosa può cambiare denunciando un’ingiustizia nel momento in cui si manifesta. Porto dunque la mia testimonianza di ricercatrice in matematica candidata al programma ministeriale Rita Levi Montalcini 2013 invitando il Ministro Giannini a leggere attentamente quanto segue.
In tale concorso (i cui esiti sono stati resi noti solo a settembre 2015), sono risultata la prima esclusa tra i matematici e la quinta tra le riserve della mia macro-area (vedasi il sito http://cervelli.cineca.it/vincitori.php ).

La mia esclusione dalla classifica dei vincitori è stata manifestamente causata da un errore macroscopico commesso da uno dei tre referee chiamati dal Comitato di Selezione a valutare la mia domanda (tale referee infatti dichiarò che l’unico problema riscontrato nella mia domanda fosse “la mancanza di articoli su rivista negli ultimi 2 anni” a dispetto del fatto che risultavano invece ben 6 articoli, di cui 3 già pubblicati e 3 accettati per la pubblicazione, in tale arco temporale).

Sarebbe spettato al Comitato di Selezione rendersi conto dell’errore del referee, correggerlo ed effettuare una valutazione meritocratica del mio profilo in relazione a quello degli altri candidati e in particolare degli altri matematici. Non solo questo non è stato fatto – i titoli accademici di due dei candidati matematici risultati vincitori, V. D. e E. M. erano (e sono tuttora) nettamente inferiori ai miei e questo non è stato in alcun modo rilevato dal Comitato – ma neppure è stata accolta la mia richiesta di rettifica dell’errore, che (per effetto dello schema di valutazione) mi avrebbe assicurato un posto tra i vincitori del concorso. D’altra parte, come avrebbe potuto un Comitato che non comprendeva al suo interno alcun matematico o fisico esprimere un parere motivato sui candidati di queste discipline (o scegliere referee adeguati a valutare i loro progetti)? Mi sono quindi trovata costretta a presentare ricorso amministrativo.

Giusto per dare un’idea della palese disparità di titoli tra me e alcuni dei vincitori, posso dire che nessuno dei matematici che ha vinto il concorso possedeva l’abilitazione alle funzioni di professore di seconda fascia (un titolo attribuito sulla base del curriculum e pubblicazioni che peraltro i ricercatori vincitori di un bando Montalcini devono necessariamente ottenere entro la fine del loro progetto per poter essere inquadrati nel ruolo di professori associati al termine dello stesso) mentre io, più giovane di loro di almeno 2 anni, l’avevo ottenuta già nel 2013. In particolare, V. D. (che appartiene peraltro al mio stesso settore scientifico-disciplinare) presentava solo 3 pubblicazioni (di cui solo una su una rivista di classe A) a fronte delle mie 11 (di cui 2 su riviste di classe A* e 2 su riviste di classe A).

A margine di questa spiacevole vicenda che è tuttora aperta, e in maniera del tutto indipendente, si è recentemente inserita la decisione negativa del Dipartimento di Scienze Matematiche del Politecnico di Torino, chiamato a esprimersi sul fornire accoglienza a V. D., il quale aveva indicato il Politecnico come prima scelta tra le sedi nelle quali svolgere il suo progetto. Forse, almeno al Politecnico, la presunta “eccellenza” di V. D. non deve essere stata così manifesta, se, a dispetto del fatto che il suo progetto sarebbe stato interamente finanziato dal Ministero, è stato espresso un parere negativo.

Tutti questi elementi, a mio avviso, indicano chiaramente che è stata commessa un’ingiustizia e che i criteri di eccellenza e meritocrazia ai quali il Programma Montalcini dichiara di ispirarsi sono stati disattesi. Ed è stato proprio l’ostinato atteggiamento del Ministero nel non voler riconoscere neppure un errore macroscopico, unitamente alla scelta di un Comitato palesemente non qualificato a giudicare matematici e fisici, a causare tali esiti non meritocratici.

Invito dunque il Ministro ad esprimersi pubblicamente, non soltanto a proposito della mia situazione attivandosi per un eventuale più attento riesame, ma su come intende agire affinché casi come questo (che sono molto più frequenti di quanto si immagini) non si ripetano.

The notes of the research course that Laurent Lafforgue has recently given at IHES about the main results of the papers "Syntactic categories for Nori motives" and "Motivic toposes" are now available from his website:

http://www.ihes.fr/~lafforgue/math/CoursMotifsNoriCaramello2015.pdf   

The videos of the lectures are available here:

(1) https://www.youtube.com/watch?v=YQthqp5gplc
(2) https://www.youtube.com/watch?v=JFsCHIjYDvk
(3) https://www.youtube.com/watch?v=-e0y6d6Ryyo 
Wait while more posts are being loaded