Profile cover photo
Profile photo
Odeia Associazione Culturale
43 followers -
Produzione e promozione di attività artistiche, in particolare teatrali e musicali.
Produzione e promozione di attività artistiche, in particolare teatrali e musicali.

43 followers
About
Communities and Collections
View all
Posts

Post has attachment
TEATRO COMUNALE DI POLCENIGO
SOLI IN DANZA

Compagnia Tocnadanza Venezia
Déjà Donne Perugia
Balletto di Sardegna Cagliari

Lo spettacolo di danza vede insieme alcune “compagnie d’autore” italiane tra le più conosciute e apprezzate in Italia e all’estero, propone l’esplorazione dei vari linguaggi e stili della danza italiana di ricerca.

Compagnia Tocnadanza Venezia
Anima Rossa
Ambrose Laudani

Dalla danza contemporanea, all’Hip-Hop, alla recitazione, si muove una ricerca del proprio “io”. Il danzatore, italiano ma di origini indiane, insegue le proprie origini alla scoperta delle radici perdute.

Compagnia Dejà Donné
L’Appel du Vide
coreografia Andrea Rampazzo
con Andrea Rampazzo

Capita di imbattersi in parole che non esistono in nessun’altra lingua, che non hanno un corrispettivo che possa rendere in pieno il significato e l’essenza vera di quel termine. Concetti che un popolo ha sentito la necessità di racchiudere in un singolo vocabolo. In Brasile Cafuné rappresenta il passare delicatamente le dita tra i capelli di qualcun altro. Pana po’o in hawaiano descrive il gesto di grattarsi la testa mentre si cerca di ricordare qualcosa. Mamihlapinatapai nella lingua degli yamana, popolazione autoctona della terra del fuoco, significa guardarsi reciprocamente negli occhi sperando che l’altra persona faccia qualcosa che entrambi desiderano ardentemente, ma che nessuno dei due vuole fare per primo. Gufra, in arabo, è la quantità di acqua che può essere tenuta in una mano. L’appel du vide (letteralmente il richiamo del vuoto) è una di queste, e racchiude in sé un fenomeno psicologico per il quale persone perfettamente sane, con nessun desiderio di morire, trovandosi di fronte a un precipizio provano una forte tentazione a saltare, di lanciarsi da una posizione di sicurezza verso l’ignoto.

Balletto di Sardegna (Cagliari)
Lumen Me Lumen
Idea e Danza: Simona Perrella
Musica: Björk, Matching Mole, Gyorgy Ligeti
Costumi: Marco Nateri e Stefania Dessì
Luci: Stefano De Litala
Supervisione drammaturgica: Senio Giovanni Barbaro Dattena

Progetto FIND-Festival Internazionale Nuova Danza creato nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” con il supporto MiBACT e SIAE

Lumen è l’unità di misura della luce e dell’energia del corpo che decide con leggerezza e curiosità di superare il limite entro cui quotidianamente ricade, assumendo su di sé la responsabilità degli spazi in cui vive e dell’intervallo tra questi, e inglobando in sé il contrasto di buio e luce, che diventano l’abito di un essere eterno, anonimo e proprio per questo universale. Lumen me lumen è la ricerca di una possibile equazione che risolva i contrasti che il corpo vive all’interno di sé; e lumen me lumen è il rapporto tra me-qui e me-lì che si rigenera alla luce di un percorso interiore di abitazione mai fissa dei luoghi.
La problematicità del dentro e del fuori di uno spazio già “dato” conduce il corpo ad esplorare sensazioni e dinamiche che superano, trasformandosi in gioco degli arti, una netta divisione a beneficio di una formula di coabitazione e di orbitazione.
Non c’è più dentro/fuori, sopra/sotto, destra/sinistra ma una conquistata libertà di azione che mette in crisi la rigida formula del nero e del bianco. Ed è proprio questa dismessa formula che il performer oltrepassa a modo proprio; così il tempo viene scandito dalla durata dei moti del pensare e dell’agire. L’inghiottimento del contrasto, la cui linea di demarcazione diventa ormai invisibile, è l’unico stato possibile per darsi e sottrarsi a beneficio; è la ritrovata soluzione in cui il corpo-paesaggio emerge in quanto corpo corale, dove il corpo-me, il corpo-altri, il corpo-ambiente coesistono armonicamente.
Corpo-me e corpo celeste in relazione. Lumen me lumen.

Spettacolo organizzato da Odeia associazione culturale e dal Comune di Polcenigo.

Prevendita biglietti
CartoLibreria Minatelli 1933
piazzetta Madonna 8 – Polcenigo (PN)
tel/fax 0434 74040 info@minatelli.net
orari 7.30 – 12.30 | 15.30 – 19.30
chiuso martedì pomeriggio

Biglietteria al Teatro Comunale di Polcenigo
APERTA UN’ORA PRIMA DELLO SPETTACOLO

Post has attachment

Post has attachment
ANTICO TEATRO SOCIALE ARRIGONI A SAN VITO AL TAGLIAMENTO
UNA, NESSUNA, CENTOMILA
Elisa Santarossa
voce
Stefano Gislon
chitarra
Nasce da un’idea di Elisa Santarossa, dopo avere riflettuto, piagnucolato e molto riso sulla vita delle donne. Per farlo cerca aiuto nelle parole di famosi autori italiani, come Gaber, Cortellesi, Valeri, Benni, ai quali si ispira per riscrivere, a modo suo, sette celebri monologhi che descrivono sette donne in diversi momenti della vita: la donna a dieta, la donna stalker, la donna violata, la moglie dominatrice, la mamma consolatrice… e a ognuna di esse assegna una canzone della tradizione italiana, tra le quali “La costruzione di un amore”, “Amore che vieni, amore che vai”, “Insieme a te non ci sto più”, “Vedrai, vedrai”, accompagnata da Stefano Gislon che ri-arrangia tutti i pezzi musicali per la sua splendida chitarra. Lo spettacolo cerca di far ridere, sorridere e commuovere su un tema eternamente noto: le donne e il caos.

Spettacolo organizzato da Odeia associazione culturale e dal Comune di San Vito al Tagliamento.

Prevendita biglietti
Ufficio I.A.T. San Vito al Tagliamento
Piazza del Popolo, 13 – tel/fax 0434.80251
iat.sanvitoaltagliamento@gmail.com
Orario apertura al pubblico:
tutti i giorni 10.00/12.30 – 15.00/18.00

Biglietteria all’Antico Teatro Sociale Arrigoni a San Vito al Tagliamento
APERTA UN’ORA PRIMA DELLO SPETTACOLO

Post has attachment

Post has attachment
TEATRO DI DARDAGO A BUDOIA

TUTTE SIGNORE E SIGNORINE PER BENE

Stefania Petrone

Recital comico che rappresenta in chiave del tutto personalizzata la moltitudine di personaggi al femminile scritti e pensati dal genio della Franca Valeri.
L’attrice Stefania Petrone si diverte, grazie ad un talento da caratterista, ad interpretare, sottolineando tic e dialetti le varie figure femminili, incarnando di volta in volta una precisa identità culturale.
Fra i profili al femminile presentati dall’attrice spiccano la mitica Signora Cecioni, la snob milanese, la Cesira, la tenera mammà, la moglie del tenore e tanti altri godibili ed esilaranti personaggi “fuori di testa”.

Spettacolo organizzato da Odeia associazione culturale e dal Comune di Budoia.


Info:
Odeia Associazione Culturale
cell. 347 1712020


Prevendita biglietti
Merceria Marilù
piazza Umberto I, 25 BUDOIA (PN)
tel. 348 4725160
orari 8.30 – 12.30 | 15.30 – 19.30
da martedì a sabato


Biglietteria al Teatro di Dardago Budoia
APERTA UN’ORA PRIMA DELLO SPETTACOLO

Post has attachment
ORCHESTRA SENZA CONFINI / ORKESTER BREZ MEJA
GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ARMANDO PIZZINATO, PORDENONE
giovedì 03 agosto 2017 ore 21.00
L’associazione culturale Odeia con il progetto musicale Jazz Koiné – Timeframes con il contributo del Comune di Pordenone organizza un altro concerto di musica creativa nella Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Armando Pizzinato” di Pordenone. Il concerto di giovedì 03 agosto 2017 sarà eseguito da 19 musicisti e due conduttori, l’Orchestra senza confini. Un progetto inedito, che nasce fin dalla sua concezione con un afflato internazionale. Due poli musicali, uno al di qua e uno al di là della linea di confine che separa Italia e Slovenia, si uniscono per dare vita a un’orchestra davvero speciale, non solo per la sua composizione, perché riunisce in un’unica formazione musicisti italiani e sloveni di diverse generazioni, ma soprattutto per la sua direzione: l’Orchestra Senza Confini/Orkester Brez Meja, infatti, sperimenta fin dalla sua fondazione il metodo della “doppia conduzione”.

Post has attachment
MAGICANDO 2017
SALA CONSILIARE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO
sabato 25 marzo 2017 ore 21.00

Post has attachment
UNA, NESSUNA, CENTOMILA A MORSANO AL TAGLIAMENTO
Sabato 11 Marzo alle ore 21.00
Elisa Santarossa racconta l’universo femminile

Post has attachment
UNA, NESSUNA, CENTOMILA
SALA CONSILIARE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO
sabato 11 marzo 2017 ore 21.00

Post has attachment
STRANVARIETÀ
SALA CONSILIARE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO
sabato 25 febbraio 2017 ore 21.00
Wait while more posts are being loaded