Profile cover photo
Profile photo
Mauro Sandrini
1,684 followers -
Fatto Quotidiano, autore di "Tanto Tantra" (2013) e "L'elogio degli e-book" (2011)
Fatto Quotidiano, autore di "Tanto Tantra" (2013) e "L'elogio degli e-book" (2011)

1,684 followers
About
Mauro's posts

Post has attachment
Hai ancora tempo
Io l’ho fatto.
È terapeutico.
E hai ancora tempo.
L’anno che sta per iniziare sarà più ricco se lo accoglierai con una zavorra in meno.
Mauro

Photo

Post has attachment
Quanto pesa la cultura?
Il necessario per appendere una treccia d'aglio..
(mia moglie è una poetessa)
Photo

Post has attachment
Come convincere qualcuno a cambiare (anche se non vuole farlo)?

Post has attachment
#bastapugnette Domani c'è un referendum rispetto a cui si straparla di libertà. Oggi, riordinando la libreria, mi è capitato questo libro acquistato nel '92 (ebbene si, pure io qualche libro di carta ce l'ho). Un libro che distilla libertà a ogni lettera. È stato scritto nel 1845 ed è l'autobiografia di Frederick Douglass, il primo schiavo a raccontare - scrivendola - la sua storia. Questa "roba" è una storia di libertà, non il referendum di domani. Per questo mi permetto, sommessamente, di proporre un hashtag riguarda al piccolo appuntamento referendario di domani: #bastapugnette. Fatene quel che vi pare. Io, nel frattempo, mi rileggo Douglass.

"Nacqui a Tuckahol, presso Hillsborough e a dodicimiglia circa da Easton, nella contea di Talbot nel Maryland. Non ho un'idea precisa della mia età perché non ho mai visto un documento ufficiale che la registrasse. L'enorme maggioranza degli schiavi sanno, della loro età, quanto ne sanno i cavalli, e su questo punto tutti i padroni di mia conoscenza ci tengono a mantenerli nel buio più completo. Non ricordo di aver mai trovato uno schiavo che sapesse dire in quale giorno fosse venuto al mondo".
Photo

Post has attachment
Sono tanti anni che non scrivo più la mia cara “newsletter”.
Ho sempre amato il “concetto” di newsletter perché permette di comunicare qualcosa di te a qualcuno a cui tieni. E permette di farlo in un modo speciale, in modo personale (ok non sto parlando esattamente della stessa cosa che ci intasa la casella di email ogni giorno...)

Manipolare o comunicare?
Per lavoro e per piacere ho avviato molte persone alla pratica della newsletter come modo per restare in contatto con la propria comunità. Un modo che oggi, dopo la vittoria di Trump che ha vinto manipolando al meglio la propria "audience", mi pare ancora più importante.
Mi interessa restare in contatto con le persone che incontro o che mi leggono e la newsletter è il modo che prediligo. Sarà il mio modo per comunicare con te, se vorrai.

Mi impegnerò.

Se ti interessa il link per iscriverti è questo: http://bit.ly/2g21nP8

Post has attachment
La bellezza e la tagliatella.
Dalla Romagna al mondo.
Paolo Cevoli in un pezzo straordinario sulle tagliatelle, il ragù e il gusto di vivere la vita fino in fondo.

Post has attachment
Non c'è solo il buio nel caos di oggi.
Nasce il "Movimento delle città ribelli".
Ascoltando i media, e Internet, sembra che non stia succedendo niente che non sia fascismo, razzismo e renzismo nelle sue varie declinazioni nazionali e internazionali.
E invece no.
Qualcosa si muove, di potente.
Qualcosa che non andrà da nessuna parte, però, senza di noi.

Post has attachment
COS'È UN PROGETTO?
Prendi un problema, per esempio la difficoltà di comunicare.
Prendi un gruppo di adolescenti che non aspettano altro che un input per potersi esprimere.
Prendi un patchwork di amici e competenze.
Agita per bene per qualche mese.
Il risultato è questo progetto di IN-BOOK che presentiamo oggi pomeriggio a Scrittura Festival alle 17 in piazza Unità a #Ravenna.
Siete tutti invitati!

Post has attachment
“If your project has real substance, ultimately the money will follow you like a common cur in the street with its tail between its legs.”
°twt

Post has attachment
Oggi nel numero in edicola di ‪#‎Internazionale‬ non c'è solo l'oroscopo di ‪#‎Breszny‬ (che sarebbe motivo più che sufficiente per acquistarlo), ma anche due paginone di ‪#‎graphic‬ ‪#‎journalism‬ di +Alessandro Bonaccorsi i , giardiniere dell'immaginario. Il tema è l'‪#‎Eutanasia‬.
Un tema forte, ma si possono evitare le questioni solo perché ci scuotono e non sappiamo dare (darci) risposte precise?
La mia risposta è non si può.
Alessandro affronta questo tema con la sensibilità che gli appartiene e ci impedisce di fuggire e di voltarci dall'altra parte. Grazie Alessandro.

Photo
Wait while more posts are being loaded