Foto di copertina del profilo
Foto del profilo
Marco Ricci
127 follower -
Volere è potere
Volere è potere

127 follower
Informazioni
Post

Il post contiene un allegato
Inaugurata lo scorso 15 Marzo, gli spazi del Gallery Hotel Art di Firenze, ospiteranno per tutto il 2018 trenta opere selezionate dalla collezione del Centro Pecci di Prato per celebrare i 30 anni di attività della più importante istituzione museale d’arte contemporanea della Toscana. Le 30 opere esposte al Gallery Hotel Art coprono mezzo secolo di visioni e sperimentazioni d’arte in Italia: dal realismo fotografico dei primi anni Cinquanta, all’immaginario digitale del Duemila, passando attraverso icone pop, incroci fra immagini e parole, rivisitazioni di segni urbani e graffiti, esperienze poetiche e musicali, indagini e appropriazioni del mondo della comunicazione e del cinema.
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
Da bambino ero affascinato e restavo incantato a guardare prima mia nonna e poi mia madre fare “la pasta in casa“; per me era una vera e propria magia vedere come farina e uova si trasformavano in poco tempo in maccheroni alla chitarra, tagliatelle, tagliolini o in qualsiasi altra forma. La pasta all’uovo era una prerogativa della domenica o dei giorni di festa ed io non vedevo l’ora di andare in cucina e mettermi accanto a mia madre che mossa a compassione mi donava un pezzo della sua massa che cercavo di lavorare con le mie manine imitando i suoi gesti velocissimi da vera professionista.
Il Pastificio Maffei, in provincia di Barletta in Puglia, da oltre 50 anni fa proprio questo: tramanda una importantissima tradizione italiana, quella della pasta fresca portando nelle famiglie italiane e estere un prodotto di grande qualità.
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
Coco Chanel diceva che nella moda ma sopratutto nella vita bisogna osare, uscire fuori dagli schemi, perché solo così si può crescere e realizzare i propri sogni; Eros Razzi giovane designer abruzzese di talento non ha paura di osare, di mettersi in gioco e lo fa proprio attraverso la moda in modo audace e con una visione ben precisa. La sua una moda fuori dagli schemi, una visione della donna contemporanea, sicura di se e della sua bellezza, una donna che vuole osare e mostrare non solo la propria femminilità ma anche la sua parte più forte; quasi dominatrice senza avere paura di farlo.
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
I Heart Rome è una lettera d’amore a Roma, attraverso gli occhi e il cuore di Maria, attraverso la sua quotidianità fatta di cibo delizioso e scatti alle meraviglie di Rome, fatta di ricette classiche e storie di tutti i giorni. Ogni ricetta in realtà racconta una storia, è legata ad una storia, a un’emozione, a un ricordo che Maria ha custodito e custodisce sempre legato a quel piatto, ad un luogo o una persona in particolare che ha fatto parte o fa tuttora parte della sua vita.
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
Quello di Jo Malone di quest anno è senza dubbio un Natale pazzo e colorato e volendo usare un linguaggio più al passo con i tempi e social un Natale #crazycolorful. Io sono ormai da anni un assiduo frequentatore della boutique di Roma in via del Babuino e quello che può essere definito un cliente affezionato; ogni volta che sono in centro, nei paraggi di Piazza di Spagna, sento come un richiamo e non riesco a non andare a salutare la store manager Jo Malone di Roma Lindsey Orsini. La verità è che quando sono li mi sento a casa, mi fanno sentire a casa e passo ore intere a scoprire le novità, spruzzandomi addosso mille fragranze e inebriandomi con quel profumo di buono di cui la boutique è sempre avvolta.
Mercoledì scorso ho ricevuto un invito riservato ai clienti affezionati per un evento davvero speciale; una master class per creare la propria ghirlanda natalizia in stile Jo Malone.
Un’esperienza fantastica insieme alla floral Designer Flavia Bruni che ci ha iniziato alle meraviglie della decorazione floreale.
Cosa ne pensate? Sono stato bravo?

Grazie Jo Malone London
Grazie Lindsay
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
Quattro agguerriti food blogger, una ricca dispensa di prodotti artigianali, una manciata di creatività e un pizzico di follia del conduttore; tutto questo per realizzare la ricetta del miglior “Panino Goloso - Christmas Edition 2017” lo scorso 4 dicembre in occasione dell'evento capitolino più goloso dell’anno ROMA GOLOSA .
Un food contest divertente e creativo per inaugurare al meglio il periodo natalizio e perché no dare anche a tutti gli spettatori della kermesse culinaria qualche idea nuova da proporre durante i giorni di feste.
Semplicissimo e veloce da preparare il mio PANINO RICCIO: panino fresco ai cereali, una generosa spalmata di fonduta di fontina - io l'ho messa sia nella metà superiore che inferiore del panino, abbondante mortadella e per finire un cucchiaino di pesto di pistacchi.

Cosa ne pensate? E' abbastanza GOLOSO?
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
. Ogni sua collezione è diversa e mai uguale alla precedente; assistere ad una sua sfilata è come leggere un libro di poesie dove ogni abito con le sue linee, i suoi tessuti, le sue forme ne rappresentano i versi che racchiudono l’essenza e l’anima di Vittorio.
Ciò che contraddistingue sia lui che i suoi capi non è soltanto l’alta qualità sartoriale, la scelta dei tessuti, il modo in cui sono accostati e cucici, tutti rigorosamente a mano ma anche il contesto in cui sono inseriti; una dimensione surreale dove le sue creazioni vengono esaltate e prendono vita
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
Tutti abbiamo un posto speciale dove rifugiarci, per evadere dalla quotidianità, per pensare, un posto tutto nostro dove poter sognare. C’è chi s’immagina in una meravigliosa isola caraibica all'ombra di una palma, chi in un castello o in un loft newyorchese; io ho sempre immaginato di essere in un elegante e gigantesco giardino stile Reggia di Versailles circondato da fontane, fiori e angoli segreti dove poter camminare, correre, nascondersi. Il mio sogno ha un nome: Villa Koch, la splendida residenza voluta da Gaetano Koch (1849-1910), architetto della fine dell’Ottocento
Aggiungi un commento...

Il post contiene un allegato
Aggiungi un commento...
Attendi che gli altri messaggi siano caricati