Tutti pazzi per gli insetti?!?
Seguo la storia degli "insetti nel nostro piatto" da quando ho cominciato a vedere nel Web immagini accattivanti, vere e proprie food art. Vermoni per decorare, mosche incluse in dischi di gelatina, grilli ricoperti di oro. Se prima qualche giornalista proponeva l'argomento in tono scherzoso ora di scherzoso io non vedo proprio più niente. Tenterò di fare un riassunto della situazione il più obiettivamente possibile. 
Perché gli insetti nel nostro piatto?
La popolazione mondiale aumenta. Più gente c'è più cibo dobbiamo produrre. Più cibo dobbiamo produrre più territorio dobbiamo destinare ad agricoltura ed allevamento. Più agricoltura ed allevamento significano devastazione dell'ambiente: deforestazione, aumento dei gas serra, maggiore inquinamento di suolo, acqua e aria, consumo eccessivo di acqua. Esattamente quello che ho studiato insieme ai miei alunni quest'anno. L'allevamento è quello che preoccupa di più con le richieste sempre maggiori di carne. Si calcola che ci sarà una richiesta del 70% di cibo in più entro il 2050. 
Chi ci salverà? gli insetti, of course - dice la FAO
Alla fine del mese di maggio c'è stata una conferenza mondiale sull'argomento dopo un intervento ONU di circa un anno fa. Insects to feed the world (Insetti per sfamare il mondo) http://www.fao.org/docrep/018/i3253e/i3253e00.htm
Gli argomenti a loro favore 
1) Da sempre gli insetti sono stati una fonte di cibo per tante popolazioni
2) Il loro valore nutritivo è alto (forniscono proteine uguali se non superiori a quelle degli animali di allevamento "tradizionali")
3) Il loro allevamento non compromette l'ambiente come quando produciamo la classica bistecca

Conferenza a parte, cosa sta succedendo nel mondo? 
L'industria si adegua. Bisogna trovare il compromesso giusto per rendere accattivante questo "nuovo" cibo. E vi assicuro che sono coinvolte industrie in tutto il mondo, dal Brasile all'Europa.
1) insetti polverizzati e trasformati in farine (tortilla di farina di grillo, barrette al cioccolato o altri gusti ...)
2) insetti  come snack: seccati e ricoperti di cioccolato o oro oppure a guarnire cioccolatini oppure venduti in bustine per gli aperitivi o dentro biscotti dolci o salati

E non solo industrie. Fior di ristoranti nel mondo, dal Canada alla Francia, servono piatti a base di insetti per cifre a volte da capogiro.

Per finire una serie di link interessanti: 
Khepri: alleva insetti per i paesi in via di sviluppo
http://fr.khepri.eu/
Ynsect: produce farine per gli allevamenti
http://www.ynsect.com/en
Exo: farine a base di grillo per barrette ad uso umano (il suo cavallo di battaglia? un gioco - cambiare le proteine)
http://www.exo.co/
Qui anche un video con relative spiegazioni
https://www.kickstarter.com/projects/exoprotein/exo-protein-bars-made-from-cricket-flour
Crickeat: vende online i suoi prodotti
 http://www.crickeat.com/
Micronutris: già sul mercato 
http://www.micronutris.com/
già, ma sulla base di quali controlli? è novel food o è considerato cibo normale?
Guardate come si sta agendo per incentivare l'uso di insetti nel cibo quotidiano
http://cricketsftw.org/
Volete sapere qualche cosa sulle fattorie per allevare insetti?
http://www.wired.com/2014/03/open-bug-farm/
Questa invece è la prima testata giornalistica che si occuperà dell'argomento a partire dal 2015
Journal of Insects as Food and Feed http://www.wageningenacademic.com/jiff

Io però ho un grande dubbio. Le abitudini alimentari sono ben radicate nelle popolazioni del mondo e la scienza più volte ci ha dimostrato che alcuni cambiamenti alimentari radicali ci hanno riservato brutte sorprese nel tempo. Arriveranno le solite risposte rassicuranti e frettolose dalle industrie per poi scoprire a nostro rischio e pericolo gli effetti negativi?  

#lorettasebastiani   #insectfood    #nutrizione   #insetti   #alimentazione  
Photo
Shared publiclyView activity