Profile

Cover photo
Verified local business
Istituto Alcide Cervi
History Museum
Today 10AM–1PM
49 followers|303,358 views
AboutPostsPhotosYouTube

Stream

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
The Harvest verrà costruito intrecciando tre stili narrativi diversi:
– interviste sui vari argomenti trattati;
– fiction per ricostruire le dinamiche di vita quotidiana e di sfruttamento sul luogo di lavoro;
– una sezione musicale, attraverso la quale verranno trattati in particolare gli aspetti legati all’utilizzo di sostanze dopanti da parte dei lavoratori, in modo sperimentale, cinematografico e immaginifico.

Questa sezione sarà costruita attraverso un team coordinato di musicisti e soundesigner, una band (Slick Steve & the Gangsters), un coreografo (Mario Coccetti) e un gruppo di danzatori bhangra (Bhangra Vibes).

Il progetto di "The Harvest" è stato presentato giovedì 19 gennaio presso l'Istituto Alcide Cervi, Sala Genoeffa Cocconi. Insieme agli autori di Smk Videofactory e Mirco Zanoni, Coordinatore culturale Istituto Cervi.

Sarà possibile sostenere il progetto con una donazione durante l'iniziativa, oppure sul sito del film > goo.gl/25Gqa0
Info > goo.gl/QSVSAF
Evento fb > goo.gl/NbLZHg


 ·  Translate
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
La vita delle comunità Sikh stanziate stabilmente nella zona dell’Agro Pontino e il loro rapporto con il mondo del lavoro, segnato, in numerosi casi, da episodi di sfruttamento, caporalato, basso salario, violenza fisica e verbale.

Questo il tema di The Harvest a cura di Smk Videofactory, progetto di documentario che verrà presentato giovedì 19 gennaio alle ore 17,30 al Museo Cervi.

Per conoscere e sostenere il progetto > www.theharvest.it
Info > goo.gl/tLrRss
Evento fb > goo.gl/mOUv5N

 ·  Translate
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 

Da Enrico De Nicola a Sergio Mattarella, le visite dei Presidenti a Casa Cervi, un legame lungo quanto la storia della nostra Repubblica.
Sabato 7 gennaio 2017, 220° Anniversario del Tricolore, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita privata a Casa Cervi > goo.gl/WYBE4t
 ·  Translate
Il 7 gennaio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontrerà la memoria della Resistenza...
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
28 dicembre 1943 – 28 dicembre 2016
73°Anniversario della fucilazione dei Sette Fratelli Cervi e di Quarto Camurri.
Istituto Alcide Cervi, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, Anpi Provinciale Reggio.
Martedì 27 dicembre 2016
GUASTALLA
Ore 10,30
Cimitero di Guastalla
Omaggio alla Tomba di Quarto Camurri
CAMPEGINE
ore 18,00
Fiaccolata a ricordo dei Sette Fratelli Cervi
Omaggio alla Tomba dei Sette Fratelli Cervi
Intervengono
Paolo Cervi, Sindaco di Campegine
Luca Bosi, Vicepresidente Istituto Alcide Cervi
Mercoledì 28 dicembre 2016
Poligono di Tiro di REGGIO EMILIA
ore 9,45
Omaggio ai Fratelli Cervi e a Quarto Camurri sul Luogo dell’Eccidio
Deposizione della Corona davanti al Poligono
Lettura a cura di Eleonora Taglia da “I Miei Sette Figli” di Alcide Cervi
Intervengono
Luca Vecchi, Sindaco di Reggio Emilia
Giovanni Rossini, Vicepresidente Anpi di Reggio Emilia – in rappresentanza di ANPI, ALPI e APC
Fiorella Ferrarini, Coordinatrice Consiglio Nazionale Istituto Cervi
Orazione ufficiale
Giammaria Manghi, Presidente Provincia di Reggio Emilia
MUSEO CERVI, Sala Genoeffa Cocconi
ore 11.15
Dalla Resistenza alla Costituzione. Attualità del sacrificio dei Sette Fratelli Cervi
Intervengono
Luca Bosi, Vicepresidente Istituto Alcide Cervi
Gianni Maiola, Sindaco di Gattatico
Conclude
Giammaria Manghi, Presidente Provincia di Reggio Emilia

https://www.flickr.com/photos/istitutoalcidecervi/albums/72157678346952986
 ·  Translate
28 dicembre 1943 – 28 dicembre 2016 73°Anniversario della fucilazione dei Sette Fratelli Cervi e di Quarto Camurri. Istituto Alcide Cervi, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, Anpi Provinciale Reggio. Martedì 27 dicembre 2016 GUASTALLA Ore 10,30 Cimitero di Guastalla Omaggio alla Tomba di Quarto Camurri CAMPEGINE ore 18,00 Fiaccolata a ricordo dei Sette Fratelli Cervi Omaggio alla Tomba dei Sette Fratelli Cervi Interv...
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
La leggenda dirà
di una casa emiliana
che materna abbraciò coi suoi muri
il fuggitivo braccato dai cani,
e per l'inglese, il russo prigioniero
impastò il pane con tenere mani,
e veglio il lor sonno.
Il cuore non conosce frontiere,
per donarsi non chiede passaporti.

“Compagni fratelli Cervi” di Gianni Rodari (Reggio Emilia, 1955)
[nell'immagine "Visione frontale dei sette fratelli Cervi su sfondo giallo" di De Santis Antonio]

73° Anniversario della fucilazione dei sette Fratelli Cervi e di Quarto Camurri > 27 e 28 dicembre 2016 a Guastalla, Campegine, Reggio Emilia e al Museo Cervi
Programma e info > goo.gl/iPXNcH
 ·  Translate
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
Oggi pomeriggio 27 dicembre e domani mattina 28 dicembre, proseguono le celebrazioni del 73° anniversario della fucilazione dei Fratelli Cervi e Quarto Camurri. Due giornate per non dimenticare, due giornate per riflettere sul futuro.
> Apertura straordinaria del Museo Cervi nel pomeriggio del 28 dicembre fino alle ore 17.00 con ingresso gratuito <
Il programma di oggi pomeriggio, martedì 27 dicembre:
CAMPEGINE ore 18,00
Fiaccolata a ricordo e omaggio alla Tomba dei Sette Fratelli Cervi
Intervengono
Paolo Cervi, Sindaco di Campegine
Luca Bosi, Vicepresidente Istituto Alcide Cervi
La fiaccolata partirà dalla sede del Comune di Campegine verso la Tomba Monumentale della Famiglia, al Cimitero di Campegine
Mercoledì 28 dicembre 2016
Ore 9,45, Poligono di Tiro di REGGIO EMILIA.
Omaggio ai Fratelli Cervi e a Quarto Camurri sul Luogo dell’Eccidio
Deposizione della Corona davanti al Poligono
Lettura a cura di Eleonora Taglia da “I Miei Sette Figli” di Alcide Cervi
Intervengono
Luca Vecchi, Sindaco di Reggio Emilia
Giovanni Rossini, Vicepresidente Anpi di Reggio Emilia – in rappresentanza di ANPI, ALPI e APC
Fiorella Ferrarini, Coordinatrice Consiglio Nazionale Istituto Cervi
Orazione ufficiale
Giammaria Manghi, Presidente Provincia di Reggio Emilia
Di seguito si formerà un corteo per la deposizione di un omaggio davanti al Muro della fucilazione
Ore 11.15, MUSEO CERVI, Sala Genoeffa Cocconi.
Dalla Resistenza alla Costituzione. Attualità del sacrificio dei Sette Fratelli Cervi
Intervengono
Luca Bosi, Vicepresidente Istituto Alcide Cervi
Gianni Maiola, Sindaco di Gattatico
Conclude
Giammaria Manghi, Presidente Provincia di Reggio Emilia
> Bus navetta con partenza dal Poligono di Tiro alle ore 10,30 per il Museo Cervi - Rientro ore 12,45 <
 ·  Translate
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
Oltre alla storia di denuncia e sfruttamento della manodopera agricola, The Harvest ci mostra anche uno scenario colorato che mescola il territorio dell'Agro Pontino con i colori e le musiche della comunità Sikh.

Una storia nella storia è quella dei Bhangra Vibes, gruppo di nove ragazzi appassionati di Bhangra (danza folk del Panjab) che ha partecipato ad importanti eventi come il Festival dell’Oriente e sostenuto gruppi di danza.

Presentazione di "The Harvest" giovedì 19 gennaio alle ore 17.30 presso l'Istituto Alcide Cervi, Sala Genoeffa Cocconi. Insieme agli autori di Smk Videofactory, introdurrà Mirco Zanoni, Coordinatore culturale Istituto Cervi
Sarà possibile sostenere il progetto con una donazione durante l'iniziativa oppure sul sito del film > goo.gl/25Gqa0.
Info > goo.gl/QSVSAF
Evento fb > goo.gl/NbLZHg


 ·  Translate
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
Si è conclusa con un grande successo di pubblico l'iniziativa "nelle RADICI il FUTURO" realizzata in collaborazione con la Cia - Agricoltori Italiani Reggio Emilia Agrimpresa, Libera Reggio Emilia e Bioresistenze che ha visto la presenza degli studenti dell'Istituto Agrario Zanelli e dell'Istituto Filippo Re.
Un sentito ringraziamento a Guido Turus, Rossano Pazzagli e Daniele Borghi per i loro appassionati interventi.

Durante l'evento si è tenuta la proiezione di "Bioresistenze" DOCUFILM di Guido Turus, sull’agricoltura che, quotidianamente, s’impegna per la difesa del bene comune suolo. Un documentario che mostra l’impegno di aziende e cooperative agricole che con il loro lavoro rispettano l’ambiente, curano e disegnano il paesaggio, aziende che costruiscono comunità attorno a loro, che promuovono inclusione sociale, esperienze agricole che coltivano terre confiscate alle mafie, aziende che fanno antimafia preventiva.

Programma della giornata > goo.gl/2C0K6x
Evento su fb > goo.gl/1wMCtr
 ·  Translate
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
"In questo luogo il ricordo e la riconoscenza si fondono con la speranza per il futuro del nostro Paese."

7 gennaio 2017, iI Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Casa Cervi
 ·  Translate
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
I SETTE FRATELLI
(Italo Calvino su L'Unità, 1953)
I sette fratelli Cervi: Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio, Ettore, il primo di quarantadue anni, l'ultimo di ventidue; fittavoli d'una fattoria emiliana, furono fucilati il mattino del 28 dicembre 1943, al tiro a segno di Reggio Emilia, da un plotone d'esecuzione fascista.

Al ricordo di questo fatto, certamente uno tra i più tragici della nostra lotta di liberazione, la commozione si appunta su quel numero di sette, sulla tremenda strage familiare, sul dolore di quella madre e di quel padre. Ma non vorremmo che in questo primo spontaneo moto dell'animo si esaurisse la traccia lasciata dal sacrificio dei Cervi, cioè che si trascurasse soverchiati dalla pietà e dall'esecrazione, di conoscere chi realmente furono quei sette fratelli.

Ecco a pochi chilometri da Reggio, tra Campegine e Gattatico, il fondo di Fraticello. Una vasta casa colonica, tra verdi preti da foraggi era ed è la casa dei cervi. Ci vivono ora le quattro vedove e gli undici figli dei Cervi; la vecchia famiglia patriarcale è unita oggi come allora, intorno ad Alcide Cervi, il vecchio Cide, il padre dei sette e intorno alla memoria dei fucilati e della madre, morta di dolore poco dopo.

Quando i Cervi presero in affitto questo fondo, nel 1934, erano una povera famiglia di Campegine, carica di debiti, di bocche da sfamare, con poche bestie; e questo era un terreno poco produttivo, accidentato e pieno di dislivelli. Ma i sette fratelli avevano braccia forti ed idee in testa. Per prima cosa decisero di spianare tutta la campagna. Si misero con dei vagoncini di quelli dei lavori stradali, a caricare terra a trasportarla e distribuirla per il podere. Anche dopo il tramonto i vicini li vedevano andare avanti e indietro con quei carrelli, un po' li prendevano in giro. Il livellamento dei terreni non era ancora diventato pratica comune, allora; i Cervi furono i primi. Appianato, percorso da canali di irrigazione, il loro fondo cambiò faccia in poche stagioni.

"Teste nuove" erano considerati i Cervi nei dintorni; cioè gente che viene fuori ogni momento con qualche idea mai sentita, come quella stalla modello, quell'abbeveratoio razionale, cose imparate sui libri; però la fattoria dei Cervi con tutte quelle idee nuove e tutte quelle schiene sempre al lavoro prosperava di bene in meglio, e l'allevamento di bestiame che misero su in pochi anni faceva invidia a tutti. A casa Cervi i contadini dei dintorni ci capitavano sovente, sempre diffidenti e pronti a criticare ma pur sempre curiosi, e pronti ad imparare quando vedevano che c'era del buono. Frequentarli troppo poteva anche essere pericoloso, perché i Cervi erano "rossi" e non facevano mistero con nessuno della loro avversione per duce, fascio, impero e tutto il resto, ma anche nella previsione degli avvenimenti politici (e, quindi anche dei prezzi dei prodotti e dei concimi e delle merci) pareva impossibile ci azzeccassero sempre. Segno che quella loro mania di leggere i libri, alla sera invece di andare all'osteria, o ai balli, piantati coi pugni sulle tempie a cavarsi gli occhi tutti e sette intorno a un tavolo, qualcosa serviva.

Erano una famiglia fuori dal comune; che i sette fratelli fossero così uniti e in buon accordo era già un fatto fuor dall'ordinario. E ancor più che quest'accordo non si basasse su una disciplina rigida come nelle famiglie patriarcali di campagna simili alla loro (poche ormai ne restavano). Gelindo, il fratello maggiore, era quello che aveva più autorità, ancor più del padre; ma i Cervi erano come una repubblica, e prima di decidere qualcosa ne discutevano tutti insieme, e ognuno diceva la sua, il padre e la madre insieme ai figli, come due di loro.

La coscienza politica era stato Aldo a portarla in famiglia. Aldo da soldato era stato condannato a tre anni di Gaeta, per aver obbedito troppo fedelmente alla consegna. Era di sentinella ad una polveriera, e aveva fatto fuoco verso un'ombra che non aveva risposto al "chi va là"; quell'ombra era di un tenente colonnello che restò ferito ad un dito e lo mandò sotto processo. A Gaeta come in ogni carcere d'Italia, a quel tempo era facile incontrare i comunisti, e Aldo li incontrò. Passò anche per lui "l'Università del carcere"; lesse molti libri, discusse di storia, d'economia, di politica. Tornò a casa, amnistiato, dopo due anni con in testa un sistema di idee ben preciso. Con i fratelli gli fu facile continuare le discussioni del carcere, e procurarsi libri per approfondire i problemi. L'unione tra fratelli diventò anche un'unione tra compagni; e anche il padre - che pure un tempo votava per il Partito Popolare - li seguì nelle nuove idee.

Studiavano la storia d'Italia in cinque grossi volumi d'un popolare testo illustrato; e leggevano Gorki e Anatole France, ma anche Dante e Omero e Virgilio. E' la figlia di Antenore una ragazza di diciannove anni che mi mostra i libri del padre e degli zii.

Sto aspettando il vecchio Cide che non è in casa; è a Reggio a una riunione della cooperativa. "E' sempre in movimento il vecchio - si lamentano le nuore, - a settantasei anni suonati, con qualsiasi tempo, in autobus, a piedi, in bici, al Consiglio comunale, alla cooperativa, o per la campagna…"
Aspettando la Irnes, la vedova di Agostino, mi guida nel tinello che raccoglie i pochi cimeli di quelle vite, i mobili che costruiva Antenore, provetto falegname, i diplomi vinti nelle esposizioni agricole, i libri, le fotografie… Ecco i loro sette volti, magri, ostinati, seri.

Su una delle credenze fatte da Antenore troneggia un mappamondo. Era stato Aldo a comprarlo, il giorno che era andato a Reggio a prendere il trattore. Era un gran giorno per la famiglia; l'azienda andava bene, erano riusciti finalmente a comprarsi un trattore, e Aldo tornò guidando la macchina nuova fiammante, con a bordo quel mappamondo anch'esso nuovo nuovo.

Dopo l'8 settembre casa Cervi diventò un rifugio di soldati sbandati e di prigionieri stranieri fuggiaschi. Ci passarono un centinaio di persone in quei mesi, sovietici, inglesi, un aviatore americano, un tedesco disertore.

L'attività partigiana era agli inizi. Di squadre di pianura non ne esistevano ancora, furono i Cervi ad avere la prima idea. Era Aldo, il più impegnato nella lotta, andò in montagna con una delle prime bande, ai piedi del monte Ventasso, e Agostino col cavallo faceva il trasporto d'armi. Dopo aver disarmato il presidio fascista di Toano, la formazione, isolata e priva di rifornimenti, dovette sciogliersi. Aldo scese a casa e animò le azioni di pianura, il disarmo del presidio di S. Martino in Rio, l'abbattimento di un pilone per l'alta tensione per le fabbriche militari di Reggio, e girava per i paesi trasportando bombe a mano nella cesta delle verdure, eludendo con astuzia contadina le perquisizioni degli sbirri. Che la fattoria fosse un luogo segnalato e pericoloso, era ormai chiaro. Quel via via di fuggiaschi stranieri non poteva non dare nell'occhio. Aldo, che s'era votato nella lotta anima e corpo, non voleva che i fratelli s'esponessero; c'era la campagna da mandare avanti; a far la guerra ai tedeschi e ai fascisti pensava lui, ed era pronto a pagare di persona. Ma era un momento in cui sistemare in un altro posto quei sovietici e quegli inglesi che dormivano nella loro stalla, era un affar serio. Chi se li sarebbe presi, col rischio di farsi bruciare le case dai tedeschi?

Alla fattoria la notte si montava la guardia, fino all'alba. Ma il 25 novembre la guardia era appena smontata, perché era gia chiaro. I fascisti arrivarono a piedi, facendo un gran giro per i campi, con uno spiegamento di forze come dovessero circondare un paese. Quando i Cervi, le donne e i prigionieri sentirono i primi spari, la fattoria era già circondata. Credevano di poter resistere e cominciarono a rispondere dalle finestre con qualche bomba a mano e qualche raffica d'una mitragliatrice che presto s'inceppò. I fascisti diedero fuoco ad un'ala della casa. Il capitano Pilati intimò la resa. Non c'era scampo, i fascisti erano troppi, la casa bruciava. I Cervi uscirono a mani alzate. Furono portati a Reggio, al carcere dei Servi, i sette figli e il padre.

Negli interrogatori Aldo prese su di sè tutte le responsabilità: "Io solo sapevo dei prigionieri, venivano di notte, li facevo entrare io e al mattino se ne andavano; i miei fratelli non sospettavano di niente". Il suo calcolo era quello di salvare i familiari, d'essere fucilato lui solo.

Intanto c'era sempre la speranza di riuscire tutti a scappare, perché tenere in prigione sette, anzi otto tipi della razza dei Cervi non era facile. La serie di tentativi di evasione falliti è troppo lunga da raccontare. Prima con un cucchiaio, poi con un mattone, poi con la connivenza di un secondino, poi collegati ai partigiani che dovevano assaltare la prigione… L'ultimo tentativo era predisposto per il 30 dicembre, quando una parte delle guardie sarebbe stata in licenza per il capodanno. Ma il 27 dicembre.. in un'azione partigiana, venne giustiziato il segretario del fascio di Bagnolo in Piano; a notte si riunì il Tribunale Speciale di Reggio; il 28 mattina i sette fratelli insieme al giovane Quarto Cimurri, un disertore dell'esercito repubblichino che era tra i rifugiati nella loro fattoria, furono passati per le armi. Morirono da "cinici" dissero i fascisti; il che in bocca al nemico, è quanto dire:"da eroi".

Ecco l'ala della casa che bruciò quella notte, ecco la finestra da cui i Cervi risposero agli spari, ecco la stalla in cui si nascondevano i fuggiaschi… . E in quella stalla, appena arrivato di città, mentre senza neppur cambiarsi d'abito ha gia afferrato il forcone e rivolta un mucchio di fieno, incontro il vecchio Cide. E' un ometto basso, nodoso, di parola calorosa e pronta.
"I miei figli? - dice - scrivete questo; che dire uno era come dire sette, e dire sette era come dire uno".

Vorrei dirgli che sotto i suoi occhi, in questa casa, sono avvenuti fatti di importanza storica enorme; lo sviluppo politico e culturale e tecnico d'una avanguardia contadina in pieno fascismo, la nascita di un nucleo di fraternità internazionale in piena guerra, le prime esperienze di nuove forme di lotta partigiana che dovevano poco dopo propagarsi a tutta l'Italia occupata. Ma forse il vecchio Cide non mi intenderebbe. E' una storia familiare, questa, per lui; è un lutto familiare il suo, come quello di tanti che hanno perduto i figli in guerra. Ma tra le vicende che studiavano i suoi figli la sera coi pugni sulle tempie intorno al tavolo nei volumi della vecchia storia d'Italia, questa storia familiare deve trovare il suo posto.

Italo Calvino
da L'Unità
Domenica, 27 dicembre 1953

[nell'immagine "I sette fratelli Cervi cadono sotto i colpi della fucilazione" di Soricelli Carlo
73° Anniversario della fucilazione dei sette Fratelli Cervi e di Quarto Camurri > 27 e 28 dicembre 2016 > a Guastalla, Campegine, Reggio Emilia e al Museo Cervi
Programma e info > goo.gl/iPXNcH
 ·  Translate
1
Add a comment...

Istituto Alcide Cervi

Shared publicly  - 
 
Dal sacrificio dei sette fratelli Cervi, assieme a quello di Quarto Camurri, fucilati dalla appena costituita GNR (Guardia Nazionale Repubblicana), l’immagine e il mito della Resistenza italiana, a cura di Paola Varesi, responsabile del Museo Cervi su Patria Indipendente.
73°Anniversario dell’Eccidio dei Sette Fratelli Cervi e di Quarto Camurri > 27-28 dicembre 2016 > goo.gl/iPXNcH
 ·  Translate
Istituto Alcide Cervi, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, Anpi Provinciale Reggio ...
1
Add a comment...
Contact Information
Map of the business location
Via Fratelli Cervi, 9 42043 Gattatico RE Italy
Via Fratelli Cervi, 9ITGattatico42043
+39 0522 678356istitutocervi.it
History Museum, Centres
History Museum
Centres
Community Area
Community College
Cultural Center
Hobbies
Industry
Institute
Library
Park
Places of Interest
Research and Development
Research Institute
Vacances
Today 10AM–1PM
Tuesday 10AM–1PMWednesday 10AM–1PMThursday 10AM–1PMFriday 10AM–1PMSaturday 10AM–5PMSunday 10AM–5PMMonday Closed
Google+ URL

Street View

Panorama
Write a review
Review Summary
4.6
17 reviews
5 star
13 reviews
4 star
3 reviews
3 star
No reviews
2 star
1 review
1 star
No reviews
Photos
Scrapbook photo 2
Scrapbook photo 3
Scrapbook photo 4
Scrapbook photo 5
Scrapbook photo 6
Upload public photo
Your Activity