421 “Borat” (Larry Charles, USA, 2006) * con Sacha Baron Cohen, Ken Davitian, Luenell
Seppur spiritoso,”Borat” è irriguardoso, irrispettoso, in più parti esagerato e volgare, propone i peggiori aspetti di razzismo, machismo, omofobia, critica le religioni, deride interi paesi e culture ... un provocatore al 100%. Tuttavia, non avendo risparmiato nessuno e nessun soggetto ed essendo sia la storia che il personaggio chiaramente fuori dalla realtà si è potuto districare bene da accuse di antisemitismo (oltretutto è lui stesso ebreo), razzismo, omofobia e maschilismo.
Ci sono anche parti dalla satira più sottile che, secondo me, sono le migliori in quanto vere, anche se mischiate e mascherate fra tante inserite quasi esclusivamente per strappare una risata. In particolare quelle relative al falso perbenismo e al politicamente corretto ad ogni costo, ridicolizzazioni meglio apprezzate se si conoscono le più comuni fisime e lo scarso senso dello humor di molti americani.
Sacha Baron Cohen interpreta il protagonista oltre ad essere coautore di soggetto e sceneggiatura, nonché creatore del personaggio Borat.
Nomination Oscar per la sceneggiatura non originale.
Se avesse avuto un miglior senso della misura, eliminando qualche eccesso, avrebbe potuto essere ancor più divertente e piacevole.
IMDb 7,3 RT 96%
FotoFotoFotoFoto
13/12/17
4 foto - Visualizza album
Condiviso pubblicamente