142 * “Days and Nights in the Forest” (Satyajit Ray, India, 1970) tit. or. “Aranyer Din Ratri” * con Sharmila Tagore, Kaberi Bose, Simi Garewal, Soumitra Chatterjee
E’ noto che Ray nel corso della sua carriera da regista si cimentò nei generi più diversi. In questo “Giorni e notti nella foresta” ci offre uno spaccato abbastanza sorprendente e diverso dall’idea che molti possano avere della piccola borghesia indiana degli anni ’60. Si seguono i pochi giorni di vacanza di 4 giovani che hanno pre(te)so in affitto un bungalow in una remota zona rurale, in cerca di un poco di svago e trasgressione per sentirsi liberi dalle regole e convenzioni sociali alle quali devono sottostare quando sono a Calcutta. Talvolta alzano il gomito e sono un po' arroganti con i locali, ma tornano (più o meno) nei ranghi dopo aver fatto conoscenza con i componenti di una piccola famiglia in villeggiatura (soprattutto a causa delle due giovani e avvenenti donne) e passano il tempo nella natura fra sport, giochi d'azzardo e di società, picnic, flirt a vari livelli, feste di campagna.
In questa commedia drammatica Ray descrive con il suo solito stile molto discreto, ma preciso, più personaggi del solito, quindi non solo i 4 giovanotti, le due giovani donne ed il padre/suocero, ma anche vari locali come Duli (“Miss India”), il custode dei bungalow e il temporaneo factotum, tutti in ruoli marginali ma fondamentali
Fra gli interpreti principali spiccano Sharmila Tagore che aveva esordito proprio con Ray, nel film conclusivo della trilogia di Apu (Apur Sansar, 1959) nel ruolo della bella sposa abbandonata sull’altare, e Soumitra Chatterjee che nello stesso film, e anche lui esordiente, interpretava Apu.
Da non perdere.
IMDb 8,3 RT 100% #cinema #film
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
22/04/17
8 Photos - View album
Shared publiclyView activity