360 * “Il Gattopardo” (di Luchino Visconti, Ita-Fra, 1963) * con Burt Lancaster, Alain Delon, Claudia Cardinale
Un altro kolossal che mi mancava, stavolta nostrano, era "Il gattopardo" e ho provveduto a colmare anche questalacuna. Film imponente, che molti di voi conoscono, ambientato nella Sicilia degli aristocratici latifondisti durante gli anni dell'unificazione d'Italia. Non sono proprio convinto che quelli proposti da Visconti fossero i sentimenti comuni dell'epoca né che il film rappresenti una verità storica precisa.
Al di là di ciò le scene delle campagna siciliana, dei paesini dominati da enormi palazzi nobiliari e gli interni degli stessi sono di per sé uno spettacolo. A ciò aggiungete lo sfarzo degli arredi e dei costumi (che fecero ottenere la nomination all'Oscar che però andò a “Cleopatra”, in un’altra edizione avrebbe probabilmente vinto) e una moltitudine di attori, bravi, meno bravi, alle prime armi.
Si vedono l’allora giovanissima esordiente Ottavia Piccolo e i giovanotti Giuliano Gemma e Mario Girotti (che poi si sarebbe affermato come Terence Hill) e i più maturi, e certamente molto più bravi, Paolo Stoppa, Romolo Valli, Rina Morelli, Serge Reggiani.
Nel complesso un buon film, ma più spettacolare che altro, la parte peggiore è quella degli scontri di Palermo fra garibaldini e soldati borbonici, che poteva essere tranquillamente saltata o certamente ridotta.
Confesso di non amare troppo Visconti il cui miglior film fra quelli che ho visto resta per me il suo secondo, “La terra trema”, anch'esso ambientato in Sicilia, ma in tutt'altro contesto sociale ... più cinema, meno spettacolo.
IMDb 8,1 RT 100% 1 Nomination per i costumi
#cinema #film
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
“Il Gattopardo” (di Luchino Visconti, Ita-Fra, 1963)
7 Photos - View album
Shared publiclyView activity