2 * “Frantz” (François Ozon, Fra, 2016) * con Pierre Niney, Paula Beer, Ernst Stötzner
Molto superiore alle pur buone aspettative. Bel bianco e nero appena guastato dall’idea di inserire brevi parti a colori. Questi sono senz’altro ben fatti e sottolineano situazioni ed emozioni particolari, tuttavia trovo che spezzino la continuità della narrazione.
Trama interessante, concettualmente molto critica nei confronti delle guerre nelle quali vengono mandati a morire tanti giovani e che creano fratture inutili eppure quasi insanabili fra le popolazioni. Si sviluppa sul filo delle bugie e finzioni (quasi tutte con finalità buone se non addirittura nobili) intervallate da tante svolte radicali e qualche colpo di scena.
Più che buona la recitazione, penso che Paula Beer abbia meritato il suo premio a Venezia (ma non conosco le “avversarie”).
“Frantz” si ispira, non lo si può definire un vero remake, a “Broken Lullaby” (Ernst Lubitsch, 1932) a sua volta basato sul testo teatrale di Maurice Rostand “L’Homme que j’ai tué” (L’uomo che ho ucciso).
Più che consigliato ... se è ancora in giro, non ve lo perdete.
IMDb 7,6 RT 71% #cinema #film
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
“Frantz” (François Ozon, Fra, 2016)
7 Photos - View album
Shared publiclyView activity