60 * “Daughters of the dust” (Julie Dash, USA, 1991) * con Cora Lee Day, Alva Rogers, Barbarao
Soggetto interessante, ottima fotografia con insoliti scenari, musica coinvolgente, ma purtroppo si ferma qui. Al film manca una sceneggiatura degna di tal nome e la recitazione è, in linea di massima, scadente. Si va avanti in modo slegato con sermoni dei più anziani, recriminazioni dei giovani, serie di inquadrature belle ma irrilevanti, non connesse fra loro.
Alla sua uscita ricevette buona accoglienza della critica anche, e forse soprattutto, per essere il primo lungometraggio diretto da una afroamericana ad avere una normale distribuzione. Inoltre ebbe il pregio di fa conoscere la realtà particolare dei Gullah, ex-schiavi fra i primi ad essere affrancati, che grazie ad una serie di situazioni sono rimasti più o meno isolati e compatti e quindi hanno mantenuto quasi intatte almeno parte di usanze, linguaggio, cucina, cultura.
Per saperne di più suggerisco di consultare la pagina Wikipedia che è abbastanza esauriente e molto interessante.
https://en.wikipedia.org/wiki/Gullah
IMDb 6,3 RT 100% #cinema #film
FotoFotoFotoFotoFoto
11/02/17
6 foto - Visualizza album
Condiviso pubblicamenteVedi attività