176 * “Medea” (Pier Paolo Pasolini, Ita, 1969) * con Maria Callas, Massimo Girotti, Laurent Terzieff, Giuseppe Gentile
Film difficile, con lunghi pause prive di dialoghi, si avvale di avvincenti musiche orientali e di interessantissime inquadrature da angoli di ripresa inusuali.
A creare un’atmosfera magica, ancorché drammatica, contribuiscono anche i luoghi scelti come location, a cominciare delle aree desertiche della Cappadocia (Turchia) con le loro originalissime costruzioni, fino alle molto più nostrane immagini di Pisa e Grado.
“Medea” di Euripide fa il paio con “Edipo Re” Sofocle e costituisce l’incursione di Pasolini nel mondo della tragedia greca. A mio modesto parere, da illetterato attento più che altro alla costruzione cinematografica, penso che in questo lavoro Pasolini si sia effettivamente concentrato più del solito sulle immagini ed inquadrature, forse a discapito della recitazione e teatralità, ma ha ottenuto ottimi risultati.
Curiosità: fra i protagonisti ci sono due attori non-professionisti, tuttavia all’epoca ben famosi in altri campi, alla loro unica apparizione sul grande schermo:
* Maria Callas, soprano eccezionale, famosissima negli anni ’50, poi sposa dell’armatore Onassis (che poi sposò Jacqueline Kennedy)
* Giuseppe Gentile, nipote del celebre filosofo Giovanni Gentile, due volte recordman mondiale per il salto triplo, ma alla fine solo terzo sul podio delle Olimpiadi di Città del Messico (1968).
IMDb 7,1 RT 70% #cinema #film
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
27/05/17
9 Photos - View album
Shared publiclyView activity