158 * “Abhijaan” (Satyajit Ray, India, 1962) tit. int. “The Expedition” * con Waheeda Rehman, Soumitra Chatterjee, Ruma Guha Thakurta
Inserito nel 2001 nella “The Masters of Cinema Series” dell’Academy Film Archive.
Per sua stessa ammissione, Martin Scorsese fu molto influenzato dal tassista indiano “di campagna” protagonista di questo film per costruire il personaggio il Travis Bickle (Robert De Niro) di “Taxi Driver”. La trama in effetti si sviluppa in modo abbastanza diverso non solo per epoca e luoghi, ma anche per la situazione. Tuttavia in entrambe i casi il tassista subisce il fascino di una giovane prostituta e ciò gli cambia la vita.
Anche in questo caso affascinano i vari modi in cui Ray compone persone e volti nel fotogramma, in particolare è apprezzabile l’apertura con inquadratura fissa per quasi 3 minuti nella quale, utilizzando l’immagine riflessa in un vetro rotto, appaiono i volti (non i profili) di due persone che in effetti dialogano faccia a faccia (vedi prima foto dopo la locandina, nella seconda altro esempio simile).
Ancora una volta, oltre che di buone interpretazioni (con il solito Soumitra Chatterjee in testa) il film si avvantaggia anche del supporto di un ottimo commento sonoro che più volte, nei momenti chiave, improvvisamente si interrompe creando ancor più tensione.
Pur essendo meno conosciuto di tanti altri titoli del regista bengalese, e più che altro noto per la sua relazione con “Taxi Driver”, non mi è sembrato che “Abhijaan” sia di qualità tanto inferiore ai migliori e merita senza dubbio una attenta visione.
IMDb 8,0 #cinema #film
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
09/05/17
9 Photos - View album
Shared publiclyView activity