Esperimento estremamente interessante ... da studiare
402 * “Yanco” (Servando González, Mex, 1961) * con Ricardo Ancona, Jesús Medina, María Bustamante
Il giovane protagonista Juanito è molto sensibile ai suoni, ma quasi allergico ai rumori. Così si potrebbe riassumere il tema centrale del primo lungometraggio del regista Servando González del quale parlai un paio di mesi fa per "The Fool Killer" (con Anthony Perkins, 1965) https://plus.google.com/+GiovanniVisetti1/posts/HSyVPgq9Mxu
Semisconosciuto all’estero, ma ben noto in patria in quanto fu incaricato di riprendere gli scontri fra studenti e polizia a Città del Messico poco prima delle Olimpiadi del 1968 e già direttore dei laboratori degli Estudios Churubusco (quasi un monopolio all’epoca), scrisse la sceneggiatura e diresse il quasi sperimentale "Yanco". Con un budget di soli 35.000 Pesos e montando anche negativi inutilizzati di altri film, girò il film nel piccolo pueblo di San Andrés Mixquic alla periferia di Cd de Mexico, nei pressi di Xochimilco, oggi attrazione turistica essendo l’unica area dove ancora sopravvivono sorgenti e canali navigabili che una volta circondavano Tenochtitlán, capitale dell'impero azteco.
Tornando al film, questo colpisce sia per il contenuto ingenuo, toccante e poetico, quasi una favola di grande sensibilità, sia per essere sonoro e tuttavia quasi muto ... le parole sono pochissime, per lo più in nahuatl (il principale idioma degli indigeni messicani) e quindi incomprensibili e oltretutto non dirette al protagonista Juanito il quale, nel corso dell’intero film, proferisce la sua unica battuta (una sola parola) dopo quasi un'ora.
Film costruito con mano sapiente, lascia intendere volutamente cose non reali sviando ad arte lo spettatore, comunica attraverso dettagli e soprattutto con la fondamentale colonna sonora composta da musica, rumori, versi di animali e suoni della natura.
Film delicato, girato con attori non professionisti, un vero esercizio di stile che un paio di mesi fa è stato riproposto dalla Cineteca Nacional in occasione dell’ottavo anniversario della morte di Servando González con la presenza di Ricardo Ancona, il ragazzino che 55 anni fa fu protagonista di "Yanco”.
Nell'occasione è stato ricordato che all’uscita restò 22 settimane di fila in sala, rappresentò con successo il Messico in molti festival internazionali ottenendo 27 premi, segnò il debutto cinematografico del direttore di fotografia Alex Philips Jr. (che poi si trasferì in USA e lavorò con registi del calibro di Sam Peckinpah - Voglio la testa di Garcia, 1974) ed infine è stato acquisito nella collezione del Museo Guggenheim di New York.
Il film è disponibile in rete a bassa definizione e in versione originale, ma in questo caso, come già sottolineato, le parole non contano ...
Suggerisco di leggere anche le uniche 5 recensioni presenti su IMDb
http://www.imdb.com/title/tt0249259/reviews?ref_=tt_urv
tutte concordemente ottime come è facile intendere
* An artistic marvel from Mexico
* A Film to be Remembered
* Gorgeous magical film!
* Yanco! How great thou art IMDb!
* Hard to believe it's a children's film!
IMDb 7,4 #cinema #film #Mexico  
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
“Yanco” (Servando González, Mex, 1961)
8 Photos - View album
Shared publiclyView activity