419 “La triade di Shanghai” (Yimou Zhang, Cina, 1995) tit. or. ”Yao a yao, yao dao wai po qiao“ * con Li Gong, Baotian Li, Xiaoxiao Wang
IMDb 7,2 RT 87% * Nomination Oscar miglior fotografia, Technical Grand Prize e Nomination Palma d’Oro a Cannes

Storia di gangster nella Shanghai degli anni 30. Nella prima parte Zhang ci guida in ambiente urbano e soprattutto nella ricchissima e fastosa residenza del "boss", mentre nella seconda trasferisce la scena in campagna, esattamente su una piccola isola, e con la collaborazione del direttore della fotografia Yue Lü da il meglio di sé in quanto a inquadrature, luci e colori.
Trama in sostanza abbastanza classica da gangster story, con la vamp donna del capo (Li Gong) il finale esce un po' dagli schemi e qualche reazione la trovo poco comprensibile.
Yue Lü aveva già curato la fotografia per Zhang l’anno prima in “Vivere” e poi l’avrebbe fatto per Keep Cool (Yimou Zhang, 1997), ma non dimentichiamo che è anche stato direttore della fotografia di “Red Cliff” (John Woo, 2008).
Film “bello” (in senso puramente estetico) ma non avvincente come altri del regista cinese, quindi da non perdere ma senza avere grandi aspettative in quanto alla sceneggiatura
FotoFotoFotoFotoFoto
09/12/18
6 foto - Visualizza album
Condiviso pubblicamente