116 * “T2: Trainspotting” (Danny Boyle, UK, 2017) * Ewan McGregor, Ewen Bremner, Jonny Lee Miller
Il primo, l’originale, fu una sorpresa, piacevole per la maggior parte degli spettatori. Dopo una ventina di anni Danny Boyle ripropone gli stessi personaggi, ovviamente più maturi (ma solo all’anagrafe) e sempre folli. Come tutti i sequel, anche questo è soggetto a paragoni con il precedente ma, al contrario di molti “2”, regge bene il confronto. Se da un lato la storia si sviluppa in modo meno esplosivo e ovviamente le azioni dei 4 amici/nemici sorprendono di meno, trovo che la regia di Boyle sia nettamente superiore, lui sì che è diventato più maturo. Il film è pieno di inquadrature particolari, punti di osservazione inusuali, colori contrastanti ben collocati sullo schermo, e i brevissimi flashback (veri flash) che includono varie immagini del primo Traispotting sono perfettamente intercalati fra le riprese moderne.
Per questi aspetti T2 mi è piaciuto più del primo, trovo che Boyle ed il suo direttore della fotografia abbiano svolto un eccellente lavoro, certamente migliore di quello dello sceneggiatore che, oltretutto, pare che abbia troppo rimaneggiato il romanzo di Irvine Welsh.
IMDb 7,8 RT 78% #cinema #film
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
02/04/17
6 Photos - View album
Shared publiclyView activity