438 “El Cid” (Anthony Mann, USA, 1971) * con Charlton Heston, Sophia Loren, Raf Vallone * IMDb 7,3 RT 92%
3 Nomination Oscar (scenografia, commento sonoro, canzone originale)

Molto fantasioso rispetto alla realtà storica, ma in merito alle gesta del Cid Campeador (certamente esistito) ci sono sempre state innumerevoli leggende. Produzione italo-americana attorno alla quale si svilupparono infinite polemiche e liti fra gli stessi protagonisti, regista e produttori. Nelle intenzioni, voleva raggiungere il successo di Ben Hur (William Wyler, 1959, 11 Oscar, dei quali uno a Charlton Heston protagonista), ma non fu così. Fin dall’inizio Charlton Heston e la Loren vennero ai ferri corti soprattutto per il fatto che Sophia avesse un cachet più alto (1 milione di dollari!) e praticamente non si guardavano in faccia neanche sul set, Heston non apprezzava Mann specialmente per non essere esperto in quanto agli esterni (avrebbe preferito lavorare di nuovo con Wyler, addirittura la Loren fece causa alla produzione che aveva fatto apparire il suo nome sotto a quello di Charlton Heston.
In effetti il paragone fra “El Cid” e “Ben Hur” è improponibile, così come il lavoro di Mann non è assolutamente comparabile con quello di Wyler pur girando negli stessi 70mm ed avendo ampi scenari naturali, 4 castelli come location e 7.000 comparse. Le tre ore del film risultano essere un po’ pesanti, gli esterni sono spesso ripetitivi limitandosi a lunghe inquadrature di una marea di soldati appiedati e a cavallo, gli interni sono spesso estremamente vuoti sia come scena che in quanto a personaggi.
In effetti non un granché.
FotoFotoFotoFotoFoto
20/12/18
6 foto - Visualizza album
Condiviso pubblicamente