Profile cover photo
Profile photo
Francesco Infugadallegitto
3,724 followers -
Quando un sistema non funziona, bisogna cambiare.
Quando un sistema non funziona, bisogna cambiare.

3,724 followers
About
Posts

Post has shared content
Add a comment...

Post has attachment
Un compleanno e un desiderio per la BCE
Esiste un giorno di compleanno per la BCE. In questo giorno l'Italia versa 80 miliardi alla BCE per comprare da lei quei soldi che, quando c'era la lira italiana, l'Italia si autoproduceva e smistava nel proprio tessuto sociale del tutto gratuitamente (eran...
Un compleanno e un desiderio per la BCE
Un compleanno e un desiderio per la BCE
francescoinfugadallegitto.blogspot.com
Add a comment...

Post has attachment
La lira "che non valeva niente"
Normalmente i critici del RECUPERO DELLA SOVRANITA' MONETARIA ricordano che ai tempi in cui l'Italia creava dal nulla ed autogestiva la propria moneta, la lira finiva spesso per non valere niente, a causa delle continue svalutazioni per stampa eccessiva . P...
La lira "che non valeva niente"
La lira "che non valeva niente"
francescoinfugadallegitto.blogspot.com
Add a comment...

Post has attachment
Ridurre il numero di parlamentari? "No grazie"
Quindi la democrazia moderna soprattutto italiana, è oggi chiamata a scegliere se dare retta a Cesare Beccaria, il giurista italiano maestro in Europa che fu primo teorico della osservazione di cui sopra, oppure ridurre il numero di parlamentari per risparm...
Ridurre il numero di parlamentari? "No grazie"
Ridurre il numero di parlamentari? "No grazie"
francescoinfugadallegitto.blogspot.com
Add a comment...

Post has attachment
Stimolare i consumi o... "Invogliare Condivisioni"?
Sappiamo che la permacultura non è solo "il sogno di una società più ecologica", resiliente, autosufficiente, bastevole per tutti e totalmente in linea coi precetti di madre-natura. Essa non è solo    "green-washing", non è solo  una cultura, un progetto, u...
Add a comment...

Post has shared content
Almeno che non siate dei teen agers, avete vissuto i periodi in cui la domenica era tutto chiuso. Sprangato.
A volte, se ricordate, già dal sabato pomeriggio.
La domenica non facevamo la spesa, ma siamo cresciuti comunque belli sani e nutriti, non "compravamo sneakers" o altre vaccate simili, perché ce le eravamo procurate in settimana, e magari, la domenica la aspettavamo per indossarle.
Starbucks, pensavamo fosse il cane coi super poteri, amico di Superman, e non un distributore di acqua scura zuccherata, a passeggiare andavamo per il centro cittadino, e gli occhi erano sui flessuosi corpicini di coetanee, non sui cazzo di smartphone, attendevamo che una bella donna scendesse da casa, e non che uscisse un IPhone.
La domenica ci si riposava, si andava da qualche parte, si vedeva gli amici, si andava al cinema, qualcuno, non il sottoscritto, andava alle partite di calcio.
La Domenica si faceva, quello che gli altri giorni non facevamo.
Ora, capisco che l'attitudine alla comodità, e all'infingardia porti a pensare che tutto aperto, tutto disponibile, sia il massimo della vita, ma non è proprio così.
Nei centri commerciali ci lavorano persone come noi, anche se è difficile da credere, perché li vediamo sempre lì, inguainati nella loro divisa aziendale, col sorriso stampato in faccia, tanto da sembrare una paresi, ansiosi di farsi grattugiare i coglioni, per avere notizie di un tostapane, del nuovo piano tariffario con 8000 giga, o su quale scaffale siano le merendine in offerta.
Sono come noi, mangiano, bevono dormono, hanno una famiglia, una moglie, dei figli, dei genitori, degli amici come noi. E hanno diritto a del tempo per loro, con loro.
Dovrebbe esserci possibilità di scelta, ma sopratutto dovrebbero esserci più assunzioni a coprire i turni, stipendi adeguati. Parecchio adeguati.
Ma le aziende che desiderano essere disponibili sempre, sfruttano al massimo il dipendente e non lo pagano correttamente, questo chiaramente nel paese del job act.
Non potete essere così schiavi nell'anima da subordinare pochi soldi in più con la vostra umanità, non potete cedere sistematicamente ai ricatti, perché ceduto a questo, ne sono pronti molti altri, e a parte i colpi di "testa" verbali su tweet di intelligenza discutibile, dove si paventano scenari idilliaci, grazie al poter girellare per un centro commerciale, a comprar cagate, il punto è che non è vitale, non è necessario, si può fare tranquillamente senza.
E che due palle, gli ipocriti che sostengono che le aperture domenicali, portino più business, più lavoro, più soldi: portano solo più lavoro mal retribuito.
Comunque, nel paese in cui tutto si discute, è quantomai necessario, un governo che agisca, al netto di tutte le seghe mentali.
I centri commerciali si chiudono la domenica, se non vi piace è un problema vostro, vi abituerete, come vi siete abituati a diventare degli zombie, che si aggirano ebeti e felici dentro una grossa trappola per topi.
Punto.
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Arte in giardino: il Glory Point
Punto di meditazione o di sosta per coltivi antropicamente presenziati.  Cupole di fiori bianchi a lato integrano ed esaltano il progetto paesaggistico.  In genere le strutture permanenti simili a delle tettoie (SENZA PARETI), non sono equiparate dal Genio ...
Arte in giardino: il Glory Point
Arte in giardino: il Glory Point
francescoinfugadallegitto.blogspot.com
Add a comment...

Post has attachment
Statistiche crescita pil 2007-2015
Paesi europei senza l'euro : +8,1% Paesi europei con l'euro : +0,6%
Add a comment...

Post has shared content
Add a comment...

Post has shared content
Il M5S pensa una "tassa sullo zucchero"! Perciò nutella e coca-cola e prodotti dolciari vari costeranno di più! Ecco cosa ne penso!
Tasse sui consumi malvagi? "Si, certo"
Soldi in meno sono certamente come una "frustata" per chiunque. Essere frustati ad ogni tiraggio di coca o di fumo o di zucchero che ostruisce le arterie e indebolisce il cuore, può essere considerato molesto e liberticida, ma non è una idea del tutto malsa...
Wait while more posts are being loaded