Profile cover photo
Profile photo
Museo Tramonti Guerrino
5 followers
5 followers
About
Museo Tramonti Guerrino's posts

Post has attachment
Photo

Post has attachment

Post has attachment
Museo Tramonti
Un appassionato viaggio tra le note e le parole di Fabrizio De André.

Per quanto voi vi crediate assolti...
...Siete per sempre coinvolti

E coinvolto sarà anche il pubblico, in questo appassionato viaggio tra le note e le parole di Fabrizio De André.
Un viaggio ad un tempo sacro e profano, dai toni mutevoli (il dolce, l’amaro, a volte l’acido della satira dissacrante) ma mai banali: a guidarci in questo percorso saranno tre elementi della band “The Faber’s Social Club” (Salvo Mauceri, voce e chitarra; Antonio Argento, chitarra solista; Francesco Passanise, batteria).

Ingresso gratuito.

www.tramontiguerrino.it


Per informazioni:
Museo Tramonti
tel. 392 3011196
museo@tramontiguerrino.it



Post has attachment
Pittura, musica, poesia orale. Non semplicemente “sovrapposte”, ma fuse in una vera e propria “jam-session multidisciplinare”.
Con Sumiti Collina (live painting), Franco Costantini (voice), Luca Felloni (jazz guitar).
Museo Tramonti, domenica 19 marzo 2017, ore 18.
INGRESSO LIBERO.
L'evento fa parte della rassegna «Libertà di creare. Creare la libertà»

Dante, Vita Nuova: «Apparve a me una mirabile visione, (…) [e] io spero di dicer di lei quello che mai non fue detto d’alcuna»
La VISIONE torna ad essere elemento centrale dello spettacolo dantesco, grazie al LIVE PAINTING di Sumiti Collina (in arte, SUMI).
La performance si baserà sulla fusione di tre arti: la recitazione (i versi di Dante interpretati da Franco Costantini), la musica (i brani e i “colori jazz” di Luca Felloni alla chitarra) e appunto la pittura (con Sumiti Collina che realizzerà dal vivo, in 60 minuti, una illustrazione - cm. 70x100 - ispirata ai versi recitati da Franco).

La “mirabile visione” di Dante portò il Nostro a partorire la Commedia. La quale, però, in ogni sua “restituzione performativa” al pubblico, ha sempre coinvolto più l’udito che la vista (l’ascolto dei versi è tendenzialmente dominante, rispetto alla visione dell’azione scenica). Nella nostra proposta, la “visione” torna centrale: grazie, appunto, al “live painting” offerto da Sumi.

Nelle edizioni cartacee della Commedia, l’illustrazione ha spesso avuto un ruolo importante (basti pensare alle opere del Doré). Al Museo Tramonti di Faenza, diverrà anche “uno spettacolo nello spettacolo”, giacché gli spettatori non si limiteranno a guardare l’opera conclusa, ma potranno assistere ad ogni istante del suo sviluppo, dalla nascita al completamento, dalla tela bianca al quadro finito.

Lo scopo è anche quello di produrre una “sinestesia” vista-udito. Per facilitare questo scopo (attraverso la piena integrazione tra i diversi linguaggi performativi) Luca non userà - per suonare - alcuno spartito; e Franco non leggerà MAI i versi, ma li reciterà a memoria. Perché nel “rapporto costrittivo” con il leggio un artista potrebbe di fatto “isolarsi” dalla relazione con gli altri artisti. Mentre il teatro - si sa - è essenzialmente “un’arte di relazione”…


FRANCO COSTANTINI - Poeta, esperto di metrica, enigmista, attore, fine dicitore. Tra il 2014 e il 2015, ha ricevuto a Firenze due premi: uno come divulgatore dantesco (da LaPergolaArte), uno come fine dicitore (al caffè letterario Giubbe Rosse). È da sempre nella Compagnia dei Lettori di “Ravenna Poesia”. Dal 2004 è direttore artistico della rassegna poetica estiva “O Musiva Musa”, promossa dal Comune di Ravenna.
Nel 2014 è stato chiamato a Catanzaro per sostituire Gerard Depardieu in un musical diretto da Cristina Muti: “L’ultima notte di Scolacium” (musiche di Nicola Piovani). Ha partecipato a vari spettacoli prodotti dal Teatro Alighieri e da Ravenna Festival; l’ultimo nel giugno 2015: “Ravenna canta il suo Dante”, al teatro Alighieri, con Ivano Marescotti.

SUMITI COLLINA (pseudonimo SUMI) - Nata a Ravenna nel 1990, si diploma al Liceo Artistico di Ravenna nel 2009, indirizzo Pittura.
Grazie alla conoscenza delle tecniche di pittura digitale viene assunta a Roma da una società produttrice di videogiochi, mentre frequenta il corso di illustrazione nella stessa città alla Scuola Internazionale di Comics, dove si diploma col massimo dei voti.
Attualmente è illustratore libero professionista e lavora su progetti di giochi da tavolo, libri illustrati e ritratti per clienti privati.

LUCA FELLONI - Nato a Ravenna nel 1993, attualmente frequenta la Scuola di Musica Lizard (indirizzo jazz) con il maestro Luca Gelli. Ha cominciato a suonare all’età di 7 anni, imparando alla Scuola di Musica Mama’s di Ravenna, con i maestri Francesco Scardovi e Franco Ranieri. Nel 2012 ha insegnato musica presso la scuola elementare G. Garibaldi.
Ha collaborato - tra gli altri - con Luca Florian (percussionista di Mario Biondi), Pier Foschi (ex batterista di Jovanotti), Massimo Sutera (ex bassista di Lucio Dalla) e Franco Costantini (con il quale ha realizzato una performance sul XXVI canto dell’Inferno di Dante).

Post has attachment
Domenica 19 marzo ore 18

Pittura, musica, poesia orale. Non semplicemente “sovrapposte”, ma fuse in una vera e propria “jam-session multidisciplinare”.
Con Sumiti Collina (live painting), Franco Costantini (voice), Luca Felloni (jazz guitar).
Museo Tramonti, domenica 19 marzo 2017, ore 18.
INGRESSO LIBERO.
L'evento fa parte della rassegna «Libertà di creare. Creare la libertà»

Dante, Vita Nuova: «Apparve a me una mirabile visione, (…) [e] io spero di dicer di lei quello che mai non fue detto d’alcuna»
La VISIONE torna ad essere elemento centrale dello spettacolo dantesco, grazie al LIVE PAINTING di Sumiti Collina (in arte, SUMI).
La performance si baserà sulla fusione di tre arti: la recitazione (i versi di Dante interpretati da Franco Costantini), la musica (i brani e i “colori jazz” di Luca Felloni alla chitarra) e appunto la pittura (con Sumiti Collina che realizzerà dal vivo, in 60 minuti, una illustrazione - cm. 70x100 - ispirata ai versi recitati da Franco).

La “mirabile visione” di Dante portò il Nostro a partorire la Commedia. La quale, però, in ogni sua “restituzione performativa” al pubblico, ha sempre coinvolto più l’udito che la vista (l’ascolto dei versi è tendenzialmente dominante, rispetto alla visione dell’azione scenica). Nella nostra proposta, la “visione” torna centrale: grazie, appunto, al “live painting” offerto da Sumi.

Nelle edizioni cartacee della Commedia, l’illustrazione ha spesso avuto un ruolo importante (basti pensare alle opere del Doré). Al Museo Tramonti di Faenza, diverrà anche “uno spettacolo nello spettacolo”, giacché gli spettatori non si limiteranno a guardare l’opera conclusa, ma potranno assistere ad ogni istante del suo sviluppo, dalla nascita al completamento, dalla tela bianca al quadro finito.

Lo scopo è anche quello di produrre una “sinestesia” vista-udito. Per facilitare questo scopo (attraverso la piena integrazione tra i diversi linguaggi performativi) Luca non userà - per suonare - alcuno spartito; e Franco non leggerà MAI i versi, ma li reciterà a memoria. Perché nel “rapporto costrittivo” con il leggio un artista potrebbe di fatto “isolarsi” dalla relazione con gli altri artisti. Mentre il teatro - si sa - è essenzialmente “un’arte di relazione”…


FRANCO COSTANTINI - Poeta, esperto di metrica, enigmista, attore, fine dicitore. Tra il 2014 e il 2015, ha ricevuto a Firenze due premi: uno come divulgatore dantesco (da LaPergolaArte), uno come fine dicitore (al caffè letterario Giubbe Rosse). È da sempre nella Compagnia dei Lettori di “Ravenna Poesia”. Dal 2004 è direttore artistico della rassegna poetica estiva “O Musiva Musa”, promossa dal Comune di Ravenna.
Nel 2014 è stato chiamato a Catanzaro per sostituire Gerard Depardieu in un musical diretto da Cristina Muti: “L’ultima notte di Scolacium” (musiche di Nicola Piovani). Ha partecipato a vari spettacoli prodotti dal Teatro Alighieri e da Ravenna Festival; l’ultimo nel giugno 2015: “Ravenna canta il suo Dante”, al teatro Alighieri, con Ivano Marescotti.

SUMITI COLLINA (pseudonimo SUMI) - Nata a Ravenna nel 1990, si diploma al Liceo Artistico di Ravenna nel 2009, indirizzo Pittura.
Grazie alla conoscenza delle tecniche di pittura digitale viene assunta a Roma da una società produttrice di videogiochi, mentre frequenta il corso di illustrazione nella stessa città alla Scuola Internazionale di Comics, dove si diploma col massimo dei voti.
Attualmente è illustratore libero professionista e lavora su progetti di giochi da tavolo, libri illustrati e ritratti per clienti privati.

LUCA FELLONI - Nato a Ravenna nel 1993, attualmente frequenta la Scuola di Musica Lizard (indirizzo jazz) con il maestro Luca Gelli. Ha cominciato a suonare all’età di 7 anni, imparando alla Scuola di Musica Mama’s di Ravenna, con i maestri Francesco Scardovi e Franco Ranieri. Nel 2012 ha insegnato musica presso la scuola elementare G. Garibaldi.
Ha collaborato - tra gli altri - con Luca Florian (percussionista di Mario Biondi), Pier Foschi (ex batterista di Jovanotti), Massimo Sutera (ex bassista di Lucio Dalla) e Franco Costantini (con il quale ha realizzato una performance sul XXVI canto dell’Inferno di Dante).
Photo

Libertà di creare. Creare la libertà
(2017: nove appuntamenti al Museo Tramonti di Faenza)
Direziona artistica: Franco Costantini


domenica 15 gennaio, ore 15
Creatura che crea - (Il progetto)
Presentazione del concorso letterario per ragazzi ispirato alle opere di Guerrino Tramonti.
Per piccoli e grandi artisti. Giochi per i bambini presenti.
Con Giovanna Vigilanti, Cesare Flamigni, Giulia Vasapollo (arpa).

domenica 19 febbraio, ore 18
Arte e libertà
Conferenza di Francesco Cascino.
Con Marco Rosetti (chitarra).

domenica 19 marzo, ore 18
La mirabile visione
Dante tra la musica e il live painting.
Con Sumiti Collini (pennelli), Luca Felloni (chitarra), Franco Costantini (voce).

domenica 30 aprile, ore 18
La creazione e la Creazione
Performance di Roberto Mercadini sull’origine della vita e dell’universo.

domenica 28 maggio, ore 18
Creatura che crea - (La premiazione)
Con Giovanna Vigilanti, Cesare Flamigni, Stefano Calvano (percussioni).

domenica 24 settembre, ore 18
Il Futurismo trapassato
Omaggio sbarazzino a “Ginna e Corra”.
Con il Trio Balcone (Paolo Zanzi, Matteo Maida, Franco Costantini).

domenica 15 ottobre, ore 18
Sotto il segno del granchio
Presentazione del libro di Giuliano Vitali su Guerrino Tramonti.

domenica 19 novembre, ore 18
Ianne ià
Performa poetico-musicale con Stefano Ianne e Franco Costantini.

domenica 10 dicembre, ore 18
Note note e meno note
Viaggio tra splendide canzoni… non sempre ben conosciute.
Concerto di chiusura con Laura Novelli (voce) e Raimondo Raimondi (chitarre).



N.B. Tutti gli eventi in programma sono suscettibili di variazioni, sia nei contenuti sia nelle date.


Post has shared content

Post has attachment
IL FADO È TRATTO
… (et samba iacta est!)

A chiudere la rassegna “Vocazione e ProVocazione”, un raffinato concerto “Portugal e Brasil” con Letizia Magnani ([pro]vocalist!) e Raimondo Raimondi (guitars).
Saranno anche presentati gli eventi della rassegna del prossimo 2017: “Libertà di creare. Creare la libertà”.
INGRESSO GRATUITO. BUFFET.
(È consigliata la prenotazione: 392 3011196)
Photo

Post has attachment
Venerdì 11 novembre ore 21:
Roberto Mercadini, il “poeta parlante”, presenta al Museo Tramonti “FUOCO NERO SU FUOCO BIANCO” (un viaggio sorprendente nella Bibbia Ebraica).
Introduce Franco Costantini. Lo spettacolo fa parte della rassegna “Vocazione e ProVocazione”.
INGRESSO GRATUITO. 
Photo

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded