La lavandaia, connessa al simbolismo del fiume e dell’acqua, completa in una triade la coppia cacciatore-pescatore. Nel suo aspetto di levatrice, rinvia non solo alla purificazione, ma anche alla rinascita, invitando a proseguire il “cammino” della vita: il monito stesso che ci viene dalle pagine del Padre Dante.
Shared publicly