Profile cover photo
Profile photo
Domestic Tree
21 followers -
Agenzia di comunicazione. Ogni idea, ogni progetto, ogni prodotto, riceve tutta la nostra attenzione e passione.
Agenzia di comunicazione. Ogni idea, ogni progetto, ogni prodotto, riceve tutta la nostra attenzione e passione.

21 followers
About
Domestic Tree's posts

Post has attachment
La creatività? Meglio in compagnia!

http://vimeo.com/105656434

Post has attachment

Post has attachment
7 modi divertenti (e utili) per scattare fotografie con il proprio iPhone. 

7 Smartphone Photography Tips & Tricks

Post has attachment

Post has attachment
"Se le trovano, ci giocano. Quindi metti sotto chiave le pistole. Sempre." 
Per sensibilizzare i cittadini americani in possesso di armi a tenerle custodite sottochiave, l'associazione Evolve (evolvetogether.us) ha scelto la metafora. Il risultato è divertente ed efficace (speriamo)!

Post has attachment

Post has attachment
Un po' di guerrilla!

Diet Pepsi prova a fare centro con un video di guerrilla marketing in cui David Beckham si esibisce in tre canestri dalla lunga distanza in spiaggia. Lui ha fatto centro (con un aiutino software)... chissà se farà anche Pepsi, facendo parlare la rete di un video in cui è ben presente uno dei suoi prodotti?!

Post has attachment

Post has shared content
Conosciuta come “Crazy ones”, è una di quelle pubblicità Apple che sono state in grado di cambiare la storia. Una delle storie che questo spot è stato in grado di cambiare è senz’altro quella dell’azienda fondata da Steve Jobs. Jobs era stato allontanato da Apple, tornò proprio nel 1997, per risollevare le sorti dell’azienda in crisi profonda. Ci riuscì anche grazie a “Crazy ones”. Ma perché?

Post has attachment
Conosciuta come “Crazy ones”, è una di quelle pubblicità Apple che sono state in grado di cambiare la storia. Una delle storie che questo spot è stato in grado di cambiare è senz’altro quella dell’azienda fondata da Steve Jobs. Jobs era stato allontanato da Apple, tornò proprio nel 1997, per risollevare le sorti dell’azienda in crisi profonda. Ci riuscì anche grazie a “Crazy ones”. Ma perché?
Wait while more posts are being loaded