Profile cover photo
Profile photo
Chiandetti Group
4 followers -
Ideas taking shape
Ideas taking shape

4 followers
About
Posts

Post has attachment
In anteprima la copertina dell'Agenda Friulana 2018 che vi aspetta a novembre con le numerose rubriche presenti al suo interno che verranno svelate nei prossimi giorni...
Il tema principale è dedicato agli Alpini, infatti all’inizio di ogni mese, due pagine, sono dedicate alla storia, alle imprese di questo valorosa ed intrepida associazione, l’A.N.A. Uomini che ogni giorno sono sempre presenti con la loro solidarietà, la loro presenza, le loro mani, la loro generosità e i propri valori ad aiutare il prossimo.
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Nuovo volume: SISteMA '76. Sostegno, fiducia e tempo per la rinascita del Friuli Terremotato.
L’opera, volutamente presentata posteriormente alle celebrazioni del 40° anniversario del sisma friulano, contiene una inedita indagine edilizio - urbanistica effettuata nei Comuni disastrati e quale compendio di una intensa partecipazione della categoria alle numerose iniziative intraprese nel 2016
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Presentazione del libro "Niente è perduto" martedì 21 febbraio alle 17.00 presso la Fondazione Friuli, via Manin 15 Udine
Photo
Add a comment...

Post has attachment
l’#amore per la qualità è la #passione che ci unisce ai nostri clienti! Per Chiandetti Group ogni cliente è speciale, tutto l’anno, non solo a San Valentino!
PhotoPhotoPhoto
09/02/17
3 Photos - View album
Add a comment...

Post has attachment
Valorizza il tuo brand con la nostra ampia gamma di prodotti e servizi personalizzati
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Dalla consulenza alla stampa personalizzata piccolo/grande formato fino alla consegna del prodotto..Chiandetti Group offre ad aziende e privati un servizio completo per soddisfare ciascuna esigenza comunicativa con competenza e precisione https://lnkd.in/dgZxSpt
lnkd.in/dgZxSpt
lnkd.in/dgZxSpt
chiandetti.it
Add a comment...

Post has attachment
Nuovo libro: "Donne e lavoro nel Medio Friuli" curato dal prof. Luca De Clara e promosso dalla FNP CISL pensionati Udine e Bassa Friulana. L'opera racchiude gli interventi e le testimonianze raccolte durante il convegno tenutosi a Codroipo nell'aprile 2016 dedicato al contributo lavorativo delle donne nel Novecento in varie iniziative industriali: dalle filande alla lavorazione del tabacco, dell'essicatoio bozzoli e un'importante agricoltura.
Add a comment...

Ormai siamo prossimi al Santo Natale, che ne dite di regalare alle persone a voi care un buon libro? E' DI NUOVO DISPONIBILE "NIENTE E' PERDUTO - NUIE AL E' PIERDUT".
La civiltà contadina friulana raccontata dallo scrittore Guido Sut e accompagnata dagli splendidi quadri del pittore Otto D'Angelo. Lavoro, tempo libero, tradizioni del nostro popolo nei primi decenni del secolo scorso lungo tutto il percorso della vita.
SCARICATE GRATUITAMENTE 34 PAGINE DEL LIBRO (cliccare il link qui in basso e in fondo alla nuova pagina scaricare "file di esempio del libro" )
http://www.chiandetti.it/chiandettieditore/home/40-niente-e-perduto-nuie-al-e-pierdut-9788896304068.html
Add a comment...

Post has attachment
APPUNTAMENTO QUOTIDIANO SU TELEFRIULI
Da lunedì 5 settembre Elisa e Gabriele saranno presenti alle 6.45 (e in replica alle 8.15) sul canale Telefriuli. Ogni mattina da casa un buon caffè accompagnato da molte curiosità della nostra terra!
Ricette, tradizioni, leggende friulane e molto altro.. buona visione :)
Photo
Add a comment...

Post has attachment
ATTREZZI DEL TRADIZIONALE LAVORO AGRICOLO IN FRIULI
Botàz
Il Botàz (conosciuto anche come butàz o botàs e nella grafia ufficiale botač) costituiva un elemento essenziale e personale del corredo del falciatore, specialmente nella zona montana. Il recipiente si chiamava così perché veniva costruito con la stessa tecnica usata per le botti, ma era ovviamente di piccole dimensioni e un pò schiacciato, adatto a contenere approssimativamente un litro d'acqua o d'acqua mista con un po' d'aceto.
Quando il bottacino era di dimensioni maggiori, ad uso di più persone, veniva chiamato, almeno in Valcellina, "la baril". Erano recipienti tipici della zona montuosa, poiché ivi veniva praticato più diffusamente la fabbricazione di utensili in legno. Questi inoltre, per lo spessore, avevano il pregio di mantenere più a lungo fresca la bevanda. Nel'immaginario collettivo i contenitori susciatavano l'idea della corpulenza; quindi per indicare una persona panciuta si usava dire: "Al samèe un butàč!" Ed anche per esprimere il modo di dire in italiano "andare di palo in frasca" si diceva "Lâ di baril in butàč".
Photo
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded