Profile cover photo
Profile photo
Blogghidee
2,067 followers -
Idee per blog - ideas - resources free - tutorial for blog
Idee per blog - ideas - resources free - tutorial for blog

2,067 followers
About
Posts

Post has attachment
Partecipo all'iniziativa della Community Love Poetry per il Venerdì Poesia, questa volta ci si ispira alla favola di Esopo "Il leone e il topo".

Dedicato al leone di turno
Non si può mai dire nella vita. Quando meno te lo aspetti sono gli altri che poi avranno bisogno di te.
Magari sei stato un piccolo topolino sottomesso e in balia del tuo destino e poi questa realta' si trasforma e sei tu che farai qualcosa di improbabile e impensabile per il leone di turno.
Magari avranno riso di te, delle tue paure e insicurezze, ti avranno giudicato o messo in disparte perché ritenevano che valessi poco o che non fossi più divertente. Il tuo modo di pensare o ragionare, il tuo mondo e i tuoi valori ritenuti non appropriati. Eppure un bel giorno anche il leone avrà bisogno di essere aiutato. Tutti noi siamo in attesa di ricevere aiuto solo che non ci accorgiamo che siamo tutti collegati da un filo invisibile.
La meravigliosa coincidenza e' concretizzare i pensieri in fatti, perché se e' vero che la realtà muta con le nostre scelte, i nostri valori dovrebbero rimanere ben saldi e farci percepire dagli altri per le persone che andiamo raccontando di essere.
Che tu sia leone o topo, ricorda che siamo tutti bisognosi prima o poi.

Mary

Photo

Post has shared content
Venerdì Poesia 12 gennaio 2018
Prosegue il nostro consueto appuntamento!!!
VENERDI POESIA

L'alba e' passata da qualche ora e ha lasciato dietro di se' un mantello grigiastro che copre il cielo, nascondendo il sole. Ma oggi e' VenerdiPoesia...e il sole lo creeremo noi assieme ai pensieri fantastici che sapremo esternare sul tema di questa settimana:
IL LEONE E IL TOPO
E' una favola scritta da Esopo, nel sec. VI a C. La metafora della favola è incentrata sull' importanza dell'*amicizia, che sembra un argomento scontato, spiegato con poche parole, ma, essendo un valore fondamentale del genere umano, è anche indipendente dal prestigio sociale ed economico delle persone, come potete ben constatare leggendo il...
RACCONTO:
Mentre un leone dormiva in un bosco, topi di campagna facevano baldoria. Uno di loro, senza accorgersene, nel correre si butto'
su quel corpo sdraiato. Povero disgraziato! Il leone con un rapido balzo lo afferro', deciso a sbranarlo. Il topo supplico' clemenza! In cambio della *liberta', gli sarebbe stato riconoscente per tutta la vita.
Il re della foresta scoppio' a ridere e lo lasciò andare.
Passarono pochi giorni ed egli ebbe salva la vita proprio per la *riconoscenza del piccolo topo.
Cadde, infatti, nella trappola dei cacciatori e si trovo' legato ad un tronco di un albero. Il topo udì i suoi ruggiti di lamento, accorse in suo aiuto e, da esperto, si mise a rodere la corda. Dopo averlo restituito alla libertà gli disse:
--Tempo fa hai riso di me perche' credevi di non poter ricevere la
*ricompensa del bene che mi hai fatto. Ora sai che anche noi, piccoli e deboli topi, possiamo essere utili ai grandi.--
Potete esternare i vostri pensieri, siano essi poesie , racconti brevi, aneddoti su tutta la favola, su una
o su tutte e 4 le parole sopra indicate dall' asterisco e che riporto qui di seguito :
*AMICIZIA
*LIBERTÀ
*RICONOSCENZA
*ESSERE UTILI
Per partecipare seguite le solite modalita':
Inserite nel vostro post...
Partecipo all'iniziativa della Community#LovePoetry
#VenerdìPoesia#IlLeoneEIlTopo;
Si prega di apporre link credit sulle vostre creazioni;
Postate nella sezione Venerdì poesia;
Si ricorda che chi partecipa agli eventi e contest organizzati dalla Community e decide di aderire, permette e da' consenso a utilizzare testi e scritti che potranno essere pubblicati nella raccolta# Love Poetry Top, nel blog omonimo della Community e ricondivisi in progetti collegati al gruppo e al blog. Per altre informazioni, si prega di leggere il regolamento della Community.
Ed ora...vi auguro un buon poetare
che affiderete alla penna per manifestare fantasticamente le voste riflessioni sul messaggio morale della favola.
QUALCHE INFORMAZIONE SU ESOPO:
Favolista greco del VI sec. a C
fu, secondo una tradizione molto romanzesca, di origine frigia, schiavo e gobbo. Esopo, dallo spirito argutissimo e geniale, compose piu di 400 favole, spesso riferite ad animali, ma con trasparenti allusioni al mondo degli uomini. Mori' a Delfi, vittima della vendetta del popolo, per averne denunciato le bassezze e l' avidità. Ogni sua opera ci comunica un messaggio morale, validissimo anche e soprattutto nei tempi attuali.
Buon lavoro e buon divertimento a tutti coloro che ci vogliono accompagnare in questa nostra simpatica avventura settimanale
del 13/01/2018

Anna Maria.

Post has shared content
VENERDI POESIA

L'alba e' passata da qualche ora e ha lasciato dietro di se' un mantello grigiastro che copre il cielo, nascondendo il sole. Ma oggi e' VenerdiPoesia...e il sole lo creeremo noi assieme ai pensieri fantastici che sapremo esternare sul tema di questa settimana:
IL LEONE E IL TOPO
E' una favola scritta da Esopo, nel sec. VI a C. La metafora della favola è incentrata sull' importanza dell'*amicizia, che sembra un argomento scontato, spiegato con poche parole, ma, essendo un valore fondamentale del genere umano, è anche indipendente dal prestigio sociale ed economico delle persone, come potete ben constatare leggendo il...
RACCONTO:
Mentre un leone dormiva in un bosco, topi di campagna facevano baldoria. Uno di loro, senza accorgersene, nel correre si butto'
su quel corpo sdraiato. Povero disgraziato! Il leone con un rapido balzo lo afferro', deciso a sbranarlo. Il topo supplico' clemenza! In cambio della *liberta', gli sarebbe stato riconoscente per tutta la vita.
Il re della foresta scoppio' a ridere e lo lasciò andare.
Passarono pochi giorni ed egli ebbe salva la vita proprio per la *riconoscenza del piccolo topo.
Cadde, infatti, nella trappola dei cacciatori e si trovo' legato ad un tronco di un albero. Il topo udì i suoi ruggiti di lamento, accorse in suo aiuto e, da esperto, si mise a rodere la corda. Dopo averlo restituito alla libertà gli disse:
--Tempo fa hai riso di me perche' credevi di non poter ricevere la
*ricompensa del bene che mi hai fatto. Ora sai che anche noi, piccoli e deboli topi, possiamo essere utili ai grandi.--
Potete esternare i vostri pensieri, siano essi poesie , racconti brevi, aneddoti su tutta la favola, su una
o su tutte e 4 le parole sopra indicate dall' asterisco e che riporto qui di seguito :
*AMICIZIA
*LIBERTÀ
*RICONOSCENZA
*ESSERE UTILI
Per partecipare seguite le solite modalita':
Inserite nel vostro post...
Partecipo all'iniziativa della Community#LovePoetry
#VenerdìPoesia#IlLeoneEIlTopo;
Si prega di apporre link credit sulle vostre creazioni;
Postate nella sezione Venerdì poesia;
Si ricorda che chi partecipa agli eventi e contest organizzati dalla Community e decide di aderire, permette e da' consenso a utilizzare testi e scritti che potranno essere pubblicati nella raccolta# Love Poetry Top, nel blog omonimo della Community e ricondivisi in progetti collegati al gruppo e al blog. Per altre informazioni, si prega di leggere il regolamento della Community.
Ed ora...vi auguro un buon poetare
che affiderete alla penna per manifestare fantasticamente le voste riflessioni sul messaggio morale della favola.
QUALCHE INFORMAZIONE SU ESOPO:
Favolista greco del VI sec. a C
fu, secondo una tradizione molto romanzesca, di origine frigia, schiavo e gobbo. Esopo, dallo spirito argutissimo e geniale, compose piu di 400 favole, spesso riferite ad animali, ma con trasparenti allusioni al mondo degli uomini. Mori' a Delfi, vittima della vendetta del popolo, per averne denunciato le bassezze e l' avidità. Ogni sua opera ci comunica un messaggio morale, validissimo anche e soprattutto nei tempi attuali.
Buon lavoro e buon divertimento a tutti coloro che ci vogliono accompagnare in questa nostra simpatica avventura settimanale
del 13/01/2018

Anna Maria.
Add a comment...

Post has shared content
VENERDI POESIA

L'alba e' passata da qualche ora e ha lasciato dietro di se' un mantello grigiastro che copre il cielo, nascondendo il sole. Ma oggi e' VenerdiPoesia...e il sole lo creeremo noi assieme ai pensieri fantastici che sapremo esternare sul tema di questa settimana:
IL LEONE E IL TOPO
E' una favola scritta da Esopo, nel sec. VI a C. La metafora della favola è incentrata sull' importanza dell'*amicizia, che sembra un argomento scontato, spiegato con poche parole, ma, essendo un valore fondamentale del genere umano, è anche indipendente dal prestigio sociale ed economico delle persone, come potete ben constatare leggendo il...
RACCONTO:
Mentre un leone dormiva in un bosco, topi di campagna facevano baldoria. Uno di loro, senza accorgersene, nel correre si butto'
su quel corpo sdraiato. Povero disgraziato! Il leone con un rapido balzo lo afferro', deciso a sbranarlo. Il topo supplico' clemenza! In cambio della *liberta', gli sarebbe stato riconoscente per tutta la vita.
Il re della foresta scoppio' a ridere e lo lasciò andare.
Passarono pochi giorni ed egli ebbe salva la vita proprio per la *riconoscenza del piccolo topo.
Cadde, infatti, nella trappola dei cacciatori e si trovo' legato ad un tronco di un albero. Il topo udì i suoi ruggiti di lamento, accorse in suo aiuto e, da esperto, si mise a rodere la corda. Dopo averlo restituito alla libertà gli disse:
--Tempo fa hai riso di me perche' credevi di non poter ricevere la
*ricompensa del bene che mi hai fatto. Ora sai che anche noi, piccoli e deboli topi, possiamo essere utili ai grandi.--
Potete esternare i vostri pensieri, siano essi poesie , racconti brevi, aneddoti su tutta la favola, su una
o su tutte e 4 le parole sopra indicate dall' asterisco e che riporto qui di seguito :
*AMICIZIA
*LIBERTÀ
*RICONOSCENZA
*ESSERE UTILI
Per partecipare seguite le solite modalita':
Inserite nel vostro post...
Partecipo all'iniziativa della Community#LovePoetry
#VenerdìPoesia#IlLeoneEIlTopo;
Si prega di apporre link credit sulle vostre creazioni;
Postate nella sezione Venerdì poesia;
Si ricorda che chi partecipa agli eventi e contest organizzati dalla Community e decide di aderire, permette e da' consenso a utilizzare testi e scritti che potranno essere pubblicati nella raccolta# Love Poetry Top, nel blog omonimo della Community e ricondivisi in progetti collegati al gruppo e al blog. Per altre informazioni, si prega di leggere il regolamento della Community.
Ed ora...vi auguro un buon poetare
che affiderete alla penna per manifestare fantasticamente le voste riflessioni sul messaggio morale della favola.
QUALCHE INFORMAZIONE SU ESOPO:
Favolista greco del VI sec. a C
fu, secondo una tradizione molto romanzesca, di origine frigia, schiavo e gobbo. Esopo, dallo spirito argutissimo e geniale, compose piu di 400 favole, spesso riferite ad animali, ma con trasparenti allusioni al mondo degli uomini. Mori' a Delfi, vittima della vendetta del popolo, per averne denunciato le bassezze e l' avidità. Ogni sua opera ci comunica un messaggio morale, validissimo anche e soprattutto nei tempi attuali.
Buon lavoro e buon divertimento a tutti coloro che ci vogliono accompagnare in questa nostra simpatica avventura settimanale
del 13/01/2018

Anna Maria.
Add a comment...

Post has shared content
Buona Befana a tutte e poi... Non dire che non siamo belle.
Un augurio da tutte noi...
Carmela, Angela, Annamaria ed io Mary 💕
Cara Befana, che arrivi nel tempo freddo della tramontana, la tua discesa non sia vana e a tutti porta in dono di viver nel segno buono del perdono, che non covar rancore è la regola prima dell'amore. E più forte è la morale se i regali che porti, questo, al cuore san manifestare. Così cogli al volo ogni occasione e per l'epifania questa sia una imperdibile cortesia. E pur di noi non ti dimenticar lungo la via.  BUONA EPIFANIA A TUTTI!
DA

#Blogghidee
#AnnaMariaCatanese
#AngelaMolfetta
#CarmelaBattista
Photo
Add a comment...

Post has shared content
VENERDI POESIA 5.1.18
Buongiorno care amiche e cari amici di Love Poetry!
Siete pronti a ricominciare con le nostre poetiche tenzoni? Avete riscaldato i muscoli e volete ributtarvi nell'agone?
Bene!
Avrete tutto il fine settimana per mettervi alla prova con una nuova parola desueta.
Come?
Non ve l'aspettavate, eh?
Ebbene: il comitato di redazione (sarebbe a dire +Blogghidee​, +Annamaria Catanese​, +Carmela Battista​ e io) ha deciso di apporre una variante e di aorire il mese, anziché chiuderlo, con le mie strampalate proposte.
Date quindi spazio alla fantasia e, se vi riesce, all'ironia, giocando con il termine BARBOGIO.
Vincete la noia, create e postate!

Buon divertimento,
Angela

Per partecipare come sempre

1. Inserite nel vostro post
"Partecipo alla iniziativa Community #LovePoetry #VenerdiPoesia #barbogio
2. Si prega di apporre link credit sulle vostre creazioni se aderite a questa iniziativa, sia su raccolte, poesie o libri.
3. Postate nella sezione Venerdi Poesia
4. Si ricorda che chi partecipa agli eventi e contest organizzati dalla Community e decide di aderire permette e dà il consenso a utilizzare testi e scritti che potranno essere pubblicati nella raccolta #LovePoetryTop, nel blog omonimo della Community e ricondivisi in progetti collegati al gruppo e al blog.
Per ulteriori informazioni si prega di leggere il regolamento della Community.
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Photo

Post has shared content
Venerdì Poesia 14 dicembre 2017
Buonasera poeti e poetesse ci stiamo avvicinando al Natale ed allora ho pensato ad un film dei buoni sentimenti, della famiglia, delle festività natalizie: "La vita è meravigliosa", di Frank Capra, interpretato da James Stewart, Donna Reed, Lionel Barrymore. La pellicola fu proiettata per la prima volta il 20 dicembre 1946, al Globe Theatre di New York, e da allora commuove e conquista il pubblico di ogni età grazie ad attori eccezionali e a una storia di sicura presa emozionale.
Non c’è infatti 25 dicembre o vigilia che si rispetti senza che questo classicone torni su qualche canale dei nostri piccoli schermi domestici! E puntualmente lo riguardiamo, magari adottando ogni volta una scusa diversa: “Uh! Dall’inizio non l’ho quasi mai visto”, “Vabbè lo so a memoria ma guardo solo questa scena che mi piace tanto”, “Ma sì, lo lascio di sottofondo mentre ceniamo, che fa tanto Natale”.
La verità è che la storia di George Bailey – che in un momento di disperazione desidera di non essere mai nato e trova un angelo (anche se di seconda classe) che gli mostra come sarebbe brutta la vita di tutte le persone a lui care se davvero non fosse mai esistito – è esattamente la storia di cui abbiamo bisogno di credere, per tirarci su di morale, specie a fine anno, quando siamo tutti più stanchi e in vena di bilanci a volte deprimenti. Convincersi che ognuno di noi è necessario, che a volte non tutto è così nero come sembra e che si può contare sulla solidarietà altrui ci aiuta a vivere il Natale meglio e a “sentirci tutti più buoni” come la festa comanda!
Probabilmente è il capolavoro di Frank Capra, certamente uno dei film più belli e amati usciti dalla fucina americana, sostenuto da una magistrale interpretazione di James Stewart.
La storia è molto semplice.

Narra infatti la parabola umana di George Bailey, uomo dal buon cuore, che si è sempre sacrificato per la famiglia e la comunità.
George Bailey per tutta la sua vita rinuncia a qualche cosa pur di servire gli altri.
Da bambino salva il fratello caduto in uno stagno ghiacciato, ma prende un'otite che lo rende sordo da un orecchio. Da giovane rinuncia alla laurea per restare nella sua cittadina e fare andare avanti la società fondata dal padre per fornire case ai meno abbienti. E così, di rinuncia in rinuncia, George tira avanti; si sposa, va ad abitare in una vecchia casa umida, ha tre figli. Ma ecco che lo zio che lo aiuta perde ottomila dollari che vengono trovati dal perfido finanziere Potter. Questi non restituisce la somma e spinge così George al suicidio. È la notte di Natale e George si avvia verso il fiume per gettarsi nelle sue acque turbinanti.
Ma arriva dal cielo un angelo che per convincerlo a non uccidersi gli fa vedere cosa sarebbe successo se lui non fosse mai nato. La città sarebbe in mano al perfido Potter, nessuna casa per i meno abbienti sarebbe mai stata costruita, sua moglie sarebbe rimasta zitella, sua madre sarebbe ridotta a gestire una pensione, suo fratello, morto da bambino perché George non avrebbe potuto salvarlo, non avrebbe a sua volta potuto salvare duemila uomini durante un'azione bellica che gli ha fruttato la massima onorificenza militare. George si convince che la vita è meravigliosa e torna ad affrontare le sue responsabilità. Nel frattempo la popolazione della cittadina ha raccolto gli ottomila dollari per aiutare George che ha sempre aiutato tutti. In uno straordinario finale, allegro e patetico insieme, il film si chiude con il suono di un campanello. È l'angelo custode che, compiuta la missione, ha ottenuto da Dio le ali, diventando angelo di prima categoria. George ci insegna però che la frustrazione non deve lasciare spazio alla rabbia e soprattutto alla sfiducia. Non può esserci situazione peggiore, quella di non credere più a nulla, senza coraggio. Invece oggi più che mai occorre rivedere questo film per capire una volta di più l’importanza della nostra esistenza e delle persone che ci stanno a fianco.

Solo con questa consapevolezza condivisa si può tornare ad apprezzare il senso di comunità e di condivisione. Perché in fondo la vita è meravigliosa.


E allora poeti e poetesse immaginate un camino acceso, scoppiettante, un plaid caldo in cui avvolgersi, l’albero di Natale con sotto i doni da scartare la notte della vigilia.
Una tazza di cioccolata calda da stringere fra le mani e accanto a voi la persona che amate, un’amica sincera, un cucciolo da abbracciare,  per completare questo quadro non c'è niente di meglio di un film a tema natalizio.

Vi regalo quattro citazioni da cui trarre ispirazione. Quattro frasi che ci hanno insegnato qualcosa sulla vita. Quattro aforismi che hanno a che fare con i quattro pilastri della vita: gli amici, l’amore, i bambini e il peso e l’importanza, spesso inconsapevole, che la nostra vita ha sulle altre.



1. “Caro George, ricorda che nessun uomo è un fallito se ha degli amici” – È la dedica che l’angelo Clarence scrive a George sul libro Le avventure di Tom Sawyer.

2. “Strano, vero? La vita di un uomo è legata a tante altre vite. E quando quest’uomo non esiste, lascia un vuoto” – Una massima valida a distanza di 70 anni e che ognuno di noi dovrebbe ricordarsi ogni giorno.

3. “Guarda papà, guarda. La maestra dice che quando suona una campana un angelo mette le ali” – A dirlo è Zuzu, la figlia di George, che osserva un campanello trillare, appeso all’albero di Natale in casa Bayley. In inglese, la lingua originale del film, assume il tono di una filastrocca: “Every time a bell rings an angel gets his wings”.

4. “Che cosa vuoi, Mary? Puoi dirmelo! Vuoi la luna? Se la vuoi, io la prenderò al laccio per te” – È la frase che George dice a Mary, quella che diventerà sua moglie. Se lui non fosse mai nato, Mary avrebbe condotto una vita in completa solitudine senza nessuno da amare e che l’avesse amata"
       
Per partecipare inserite nel vostro post:
"Partecipo all' iniziativa della
Community#LovePoetry
#VenerdiPoesia
#Lavitaèmeravigliosa
1--Si prega di apporre link credit sulle vostre creazioni se aderite a questa iniziativa, sia su poesie, raccolte e libri;
2--Postate nella sezione VENERDÌ
   POESIA;
3--Si ricorda che chi partecipa agli eventi e contest organizzati dalla Community, e decide di aderire, permette e da' il consenso a utilizzare testi e scritti che potranno essere pubblicati nella Raccolta#LOVE POETRY TOP,  nel
blog omonimo, e ricondivisi in progetti collegati al gruppo e al blog.
Per tutte le altre informazioni si prega di leggere il regolamento della Community.

Dunque aprite i vostri cuori.
È Natale non conta ciò che brilla fuori, ma le vostre anime luminose.
Non faccio l'appello perché la partecipazione deve essere libera e sentita.
Lasciate che l'atmosfera natalizia vi avvolga e coinvolga.
Vi invito unicamente  a riflettere sul bene immenso e incommensurabile che è la VITA.
Buona vita a tutti!
Photo
Add a comment...

Post has attachment
I libri vanno letti, ascoltati, assorbiti, respirati.
Certi libri riemergono da un vissuto collettivo che ci rende tutti simili, accumunati dall'universo dell'esistenza.

Project text © Blogghidee 2017
Photo

Post has attachment
In fondo dipende proprio da te, da come guardi il mondo, da come interpreti gli eventi.
E se provassi ad osservare da un'altra angolazione!?!
Photo
Wait while more posts are being loaded