Profile

Foto di copertina
Alessandro Cosimetti
Lavora presso GenesiSaw (ServiziAutoWeb)
Ha frequentato I.T.I.S. Armellini
Vive qui: Capodistria
3.202 follower|719.485 visualizzazioni
InformazioniPostRaccolteFoto
Persone
Lo hanno aggiunto alle cerchie
3.202 persone
Foto del profilo di Armando Gerundio
Foto del profilo di Michelangelo Amatore
Foto del profilo di Phanter xy
Foto del profilo di Ramona Fahrni
Foto del profilo di asqeri Nonaj
Foto del profilo di Viva Re
Foto del profilo di George Agak
Foto del profilo di Emiliano Lemma
Foto del profilo di Ccli Ccli
Lavoro
Professione
Blogger aziendale - Webmaster
Datore di lavoro
  • GenesiSaw (ServiziAutoWeb)
    Responsabile Web Marketing, 2009 - ad oggi
  • Alessandro Cosimetti
    Blogger, 2007 - ad oggi
  • Europcar
    Back office, 2000 - 2006
  • LeasePlan
    Assistenza vendita usato, 2006 - 2007
  • Saol srl
    Assistenza/back office, 2007 - 2008
Luoghi
Mappa dei luoghi in cui ha vissuto questo utenteMappa dei luoghi in cui ha vissuto questo utenteMappa dei luoghi in cui ha vissuto questo utente
Attualmente
Capodistria
In passato
Roma
Informazioni di contatto
Casa
Email
Lavoro
Email
Storia
Descrizione
Un curioso che sfrutta i risultati delle ricerche eseguite e divulgate nei luoghi non convenzionali. Mi divido tra la città (Roma) e il borgo (Maenza) in attesa di trasferirmi altrove (forse all'estero).
Mi presento
Per anni mi sono occupato di marketing presso due multinazionali di autonoleggio. Vivo da minimalista grazie a Internet. 

Dal 2007 parlo di me e della mia crescita individuale e professionale sul mio blog personale.  Nel 2008 creo Blog in Azienda, risorsa dedicata esclusivamente al corporate blog. Per sei anni scrivo oltre 1.200 articoli per diffondere la cultura del blog nelle aziende italiane.  

Nel 2014 lo chiudo per dedicarmi esclusivamente al blog e alle strategie di AutofficinaSicura dove gestiamo la manutenzione delle flotte auto aziendali e private nel rispetto delle normative europee e il Codice del Consumo.

Verso il 2016 assieme a dei soci abbiamo fondato un'azienda del noleggio auto a lungo termine in Slovenia, dove mi sono trasferito.

Detesto il vincolo territoriale. Viaggio, leggo, pratico sport, yoga e meditazione.

Imprese memorabili
Nel 2008 ho mollato un contratto indeterminato.
Raccolte che Alessandro sta seguendo
Istruzione
  • I.T.I.S. Armellini
    Meccanica Industriale, 1991 - 1996
Informazioni di base
Sesso
Uomo

Stream

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
[Il Jobs Act e l'armata dei Robot stanno arrivando. La storia è dalla loro parte. Ma sei ancora in tempo per capire come uscirne vivo e con le ossa ancora sane ]

Il mercato del lavoro, come spiegato all'inizio, subirà dei grossi cambiamenti a prescindere dai governi in carica. La tecnologia fa passi da giganti e ciò che riteniamo "eccessivamente futuristico" in realtà è più presente di quanto troppi ancora non riescono a comprendere.

Tante figure lavorative verranno sostituite da "macchine" o da personale in "carne ed ossa" disposto a guadagnare di meno pur di lavorare (quella che io chiamo "asta al ribasso").

La storia da sempre ci insegna che i cambiamenti generati dalle nuove tecnologie, sono inevitabili oltre che inarrestabili.

Ma non tutto è perduto. Ci sono ancora percorsi di studio e attività lavorative che non solo se ne fregano del Jobs Act e dell'intelligenza artificiale, ma vi consentono di scegliere dove vivere e quale carico fiscale pagare senza attendere il "Nuovo Messia" della politica.

E' quello che ho fatto REALMENTE io qui => http://www.alessandrocosimetti.com/18019-jobs-act-licenziamenti/
Il Jobs Act è inevitabile. Il "nuovo mondo del lavoro" prevede cambiamenti epocali che poco hanno a che fare con il governo.
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
 
PILLOLA #09.

Preventivi su "pezzetti di carta", ricambi maggiorati e senza codici, manodopera calcolata in maniera approssimata. Ecco le autofficine da evitare come la peste!

SCOPRI COME RICONOSCERLI QUI => http://www.autofficinasicura.com/15732-meccanico-senza-preventivo/

#AutofficinaSicura   #ManutenzioneAuto   #Meccanico  
Visualizza post originale
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
[ Tutte le case automobilistiche puntano massicciamente sulla "guida autonoma" ]

FCA ha siglato un accordo con Google => http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2016-05-03/fca-accordo-google-sull-auto-senza-pilota-072245.shtml?uuid=ACyDZKKD

Toyota con Uber per un progetto sulla guida autonoma => http://techcrunch.com/2016/05/24/uber-and-toyota-confirm-strategic-deal/

Volkswagen ha annunciato un investimento di 300mln di dollari su Gett, un servizio di ride-sharing israeliano già operativa in più di 60 città nel mondo tra cui Londra, Mosca e New York => http://techcrunch.com/2016/05/24/uber-and-toyota-confirm-strategic-deal/

General Motors investe su Lyft (competitor di Uber) che proprio in questi giorni sta eseguendo dei test su strada di un modello di taxi a guida autonoma basato sulla Chevrolet Bolt => http://time.com/4166130/general-motors-lyft/

Anche Mercedes Benz (tra l'altro proprietaria di MyTaxi) punta sulla guida autonoma => https://www.theguardian.com/technology/2015/sep/15/mercedes-benz-eyes-luxury-driverless-cars-uber-self-driving-autonomous-vehicles

Per BMW la strategia è mettere in primo piano lo sviluppo della trazione elettrica e la diffusione delle vetture che si guidano da sole => http://www.bmwblog.com/tag/bmw-autonomous-car/

Ford punta nuTonomy, una start-up nata nel 2013 presso il Mit e cofondata dal professor Emilio Frazzoli, insegnante di Astronautica e di Aeronautica presso il prestigioso istituto americano. L'obiettivo è sviluppare "il primo servizio al mondo di taxi completamente autonomi" e - a quanto pare - i capitali per provarci non mancano
=> http://www.wsj.com/articles/self-driving-car-startup-nutonomy-raises-16-million-in-funding-1464062524

Intanto anche Apple "conversa" con Tesla => http://www.bloomberg.com/news/videos/b/1df875df-fb0c-4020-bec7-e1f36cf299e3
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
Focusing on customers in marketing is like focusing on territory in warfare. If your enemy knows your territorial objective in advance, it greatly simplifies its defensive strategy.
 ·  Traduci
Al Ries writes that focusing on the competition rather than the consumer is what marketers should do.
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
"L’America anticipa sempre tutti i paesi ad economia avanzata, con una tempistica di circa due decenni. Si tratta di aspettare ed il tutto lo vivremo anche noi italiani, a dimostrazione di un continuo ed inesorabile processo di impoverimento sociale che sarà intensificato ed accelerato anche in conseguenza dell’invasione immigratoria pianificata che si protrarrà ancora per diversi anni."

P.S. Dove ho scelto di vivere, pur facendo parte dell UE, l'immigrazione è controllata. Nessuno entra a "scrocco" dei contribuenti. Anzi, a dirvela tutta, proprio gli italiani vengono passati ai raggi X avendone combinate parecchie nel recente passato.
L'economia in senso lato può essere considerata come un insieme di dottrine tra loro in competizione che si occupano ognuno di descrivere ed analizzare l'utilizzo delle risorse presenti in un determinato ambiente in cui interagiscono più entità (persone, istituzioni, imprese) al fine di ...
1
Foto del profilo di paolo mario PieracciniFoto del profilo di Alessandro Cosimetti
7 commenti
 
Ho fatto del sano militarismo politico per anni, dai tempi del liceo. Senza pretese né favoritismi cosa a cui molti invece auspicano. Ma negli ultimi anni ho scelto di capire le regole del gioco e cercare di essere personalmente e fiscalmente meno coinvolto. Mi sono trasferito all'estero dove le mie attività hanno trovato "terreno fertile". Non ho l'età (ho 38 anni) per sperare in qualcun'altro col rischio di ritrovarmi a distanza di anni con un niente in mano. E' un rischio troppo grosso scommettere sugli altri.
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
[ Perché da tempo ho messo "Mi Piace" sulla pagina Facebook di Povia ]

Innanzi tutto lasciatemi dire che seguo i Depeche Mode da quando avevo 15 anni (e più volte li ho ascoltati dal vivo). Al liceo mi alternavo tra Nirvana, Faith No More, Front 242 e altri gruppi meno conosciuti.

Mi piacciono i dj set solo di coloro che hanno fatto la storia della musica elettronica (vedi Recoil/Alan Wilder che ho avuto modo di vedere all'opera a meno di 2 metri di distanza). Ancora oggi, prima di allenarmi mi "sparo" un paio di brani metal (il ferro si alza ascoltando il "metallo").

Apprezzo anche qualche cantautore italiano ma solo fino agli inizi degli anni '80 e non oltre (ad esempio Venditti lo ritengo professionalmente morto da almeno 30 anni).

Eppure ai tempi di San Remo non davo ascolto a Povia seppur abbia portato due brani molto coraggiosi. "Luca era gay" (vinse il premio come miglior testo scelto da una giuria composta da un "certo" Mogol) e "La verità", un brano a favore dell'eutanasia (prima di presentarlo chiese il permesso al padre di Eluana Englaro). Con il primo si è messo contro tutta la comunità gay mentre nell'ultimo San Remo abbiamo perso il contro degli artisti che si sono esibiti con i nastrini "arcobaleno" (due calcoli se li saranno fatti eccome). Con il secondo brano si è preso le critiche della Chiesa. Insomma, tutto gli si può dire che tranne che abbia fato una scelta da "paraculo".

Altri brani non li conosco, alcuni li ho ascoltati ma non rispecchiano i miei gusti.

Ma lo apprezzo perché se ne frega del facile consenso in un settore dove regnano i "talent show". Mi piace il suo "non mandarle a dire".

Insomma, come scrive l'autore di questo blog di metallari, Povia "piscia in testa a tutto l’indie italiano".

Ed apprezzo soprattutto le bordate contro gli intellettuali di sinistra col portafoglio a destra.

A me Povia sta anche simpatico.
Una decina d’anni fa ero relativamente informato sul panorama “rock indipendente” perché, in una fase vivaddio transitoria di disorientamento personale generalizzato (gli anglofon…
1
Aggiungi un commento...
Lo hanno aggiunto alle cerchie
3.202 persone
Foto del profilo di Armando Gerundio
Foto del profilo di Michelangelo Amatore
Foto del profilo di Phanter xy
Foto del profilo di Ramona Fahrni
Foto del profilo di asqeri Nonaj
Foto del profilo di Viva Re
Foto del profilo di George Agak
Foto del profilo di Emiliano Lemma
Foto del profilo di Ccli Ccli

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
L'unica soluzione per convivere con i robot, non perdere il lavoro, restare competitivi ed evitare la mattanza dei sindacati

Questo è un articolo che scrissi 3 anni fa, dopo aver letto "I robot ti ruberanno il lavoro, ma va bene così" (qui in basso una mappa mentale da me disegnata) di +Federico Pistono. Una lettura che consiglio vivamente ai tanti "romantici" chi oggi elogiano le manifestazioni in Francia.

Lo potete leggere qui => http://www.alessandrocosimetti.com/14509-robot-ti-ruberanno-il-lavoro/

Alcuni passaggi di seguito:

"Il lavoro automatizzato è un argomento che ho cominciato a studiare a scuola. Come perito meccanico operavo sui torni programmati che sostituivano efficacemente e abbondantemente il lavoro svolto dai tornitori in "carne e ossa". Era il 1994. L'automatismo non si è fermato. Ogni anno miete "vittime": lavoratori sorpassati diventati ormai inutili."

"La manodopera costa sempre di più a fronte di una crescente richiesta di diritti umani. I sindacati sono gli unici a guadagnarci. Il lavoratore invece di ampliare il proprio bagaglio di conoscenze, acquisendo nuove competenze, invano cerca di arrestare il progresso. Le manifestazioni organizzate dai sindacati sono inutili massacri."

Ma attenzione, non è totalmente buio il futuro. C'è solo da capire come funziona il "nuovo mondo del lavoro" per non subire gli effetti del cambiamento (inevitabile).
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
 
Una botnet con un milione di computer cliccava su AdSense
Due anni in piedi, non riesco a pensare i danni per gli inserzionisti di Google. Perché tanto sono loro che ci hanno rimesso.
Scoperta una botnet gigantesca utilizzata per reindirizzare il traffico dei computer e intascare i proventi della pubblicità.
6 commenti sul post originale
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
 
"Ufficialmente chiuso da circa due anni, un negozio di autoricambi, avrebbe comunque continuato a lavorare sottobanco vendendo ricambi, elettronici e meccanici, di provenienza illecita poiché smontati da auto rubate. All'interno del capannone sono state ritrovate centinaia e centinaia di parti di autovetture, prive di regolare documentazione, e pertanto di probabile provenienza furtiva." (Fonte: Notiziario Motoristico)
Visualizza post originale
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
 
[ Ecco perché per noi è difficile costruire in breve tempo una rete di autofficine presenti in tutta Italia come già stanno facendo molti altri siti/servizi online ]

Molti ci chiedono ripetutamente nei commenti del nostro blog, tramite email oppure commentando la pagina del nostro servizio (questa => http://www.autofficinasicura.com/assistenzagratuita/) quando inseriremo un'autofficina anche nella loro zona.

Come spiegato molteplici volte, vorremmo essere presenti ovunque, proprio come stanno facendo i nostri concorrenti, ma farlo significherebbe replicare quanto già stanno facendo gli altri.

Non ha alcun senso inserire in rete, un meccanico che compila un questionario dove afferma di essere onesto, preparato e capace. E' un po' come recarsi a donare il sangue mentendo durante la compilazione del questionario.

In particolare, un aspetto che rallenta notevolmente lo sviluppo della nostra rete, è la decisione di coinvolgere il DISTRIBUTORE di RICAMBI durante la selezione dei meccanici.

Capiamo perfettamente come questa scelta possa sembrare esagerata, inutile e priva di senso. In parte perché altrove vedete come non si pongono questo problema. In secondo luogo, perché l'automobilista non conosce il settore dell'autoriparazione e dei ricambi.

Ma se lo facciamo, credeteci, che un validissimo motivo esiste, eccome!

Il ruolo fondamentale del distributore di ricambi è soprattutto quello di TRACCIARE la PROVENIENZA dei componenti che poi il meccanico monterà sulla vostra auto.

>>> I principali ricambi auto soggetti a contraffazione e le tipologie di contraffazione <<<

Riportiamo parte di quanto scritto su un articolo di Notiziario Motoristico (potete leggerlo per intero qui => http://www.notiziariomotoristico.com/articoli/7866/ricambi-contraffatti-la-piaga-della-filiera)

"Da uno studio di ANFIA (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica), i principali prodotti soggetti a contraffazione sono: sistemi frenanti a disco per auto e moto (pastiglie e dischi freni); cinghie, tenditori e pompe acqua; fari, fanali e luci targa; pistoni, cuscinetti motore; alternatori, motorini d’avviamento; candele, candelette, spazzole tergicristallo; testine sterzo, frizioni; copriruota, loghi."

>>> Ma come si riconoscono? <<<

"Per l’automobilista riconoscerli non è facile. Qui entra in gioco il ruolo dell’officina, che deve fornire formazione alle imprese e informazione agli automobilisti. La raccomandazione è quella di rivolgersi a fornitori ufficiali per l’acquisto di ricambi, capaci di comunicare la provenienza del prodotto, ma anche di confrontare il suo prezzo con quello di mercato."

"*I ricambi contraffatti non dispongono di certificati di sicurezza* e, non essendo sottoposti ad alcun test di controllo, non possiedono nessuna omologazione dal punto di vista della sostenibilità."

>>> Le conseguenze <<<

"Come sappiamo, un pezzo di ricambio contraffatto mette a rischio non solo l’integrità del veicolo, ma anche la salute e la sicurezza di chi lo utilizza e dei suoi passeggeri. Inoltre, fa lievitare i costi sociali derivanti da incidenti che vedono coinvolti altri veicoli o persone, causa danni all'ambiente."

Potremmo parafrasare quanto detto finora con la nota citazione:

"Roma non è stata costruita in un giorno"

#AutofficinaSicura   #RicambiAuto   #Meccanico  
Visualizza post originale
1
Aggiungi un commento...

Alessandro Cosimetti

Condivisione pubblica  - 
 
 
Tutte le autofficine che fanno parte della nostra rete (questa => http://www.autofficinasicura.com/assistenzagratuita/), usano sempre (salvo rare eccezioni) ricambi aftermarket.

L'utilizzo di questi componenti è la risposta definitiva alla solita domanda: "Ma devo fare la manutenzione presso un'officina autorizzata per non perdere la garanzia della mia auto?" (la risposta la trovate qui => https://www.facebook.com/AutofficinaSicura/photos/pb.801601553269551.-2207520000.1463504973./996769613752743/)

Gli aftermarket sono sconosciuti anche alla gran parte dei carrozzieri come spiegavamo in un nostro articolo di due anni fa => http://www.autofficinasicura.com/16616-ricambi-carrozzeria-aftermarket/

Ma non solo nella meccanica e nella carrozzeria. L'aftermarket è presente anche nel settore dei cristalli per auto => http://www.autofficinasicura.com/19291-cristalli-per-auto-originali/

<< Una conoscenza superficiale è più dannosa dell'ignoranza >> (Miyamoto Musashi)

#AutofficinaSicura   #RicambiAuto  
Visualizza post originale
1
Aggiungi un commento...
Raccolte di Alessandro