Profile cover photo
Profile photo
Alessandro Casagrande
415 followers -
caffebollenteintazzagrossa.it
caffebollenteintazzagrossa.it

415 followers
About
Communities and Collections
View all
Posts

Post has attachment
La triste storia di Tiziana Cantone utilizzata per rilanciare la crisi del Ministero Diamoci un occhio ... #sna
La triste storia di Tiziana Cantone
La triste storia di Tiziana Cantone
caffebollenteintazzagrossa.it
Add a comment...

Post has shared content
Si parla di #fertiliday la campagna di comunicazione che sta facendo tremare il Ministero della Salute. Diamoci un occhio #sna

http://www.caffebollenteintazzagrossa.it/fertilityday/
Fertility day: la campagna di comunicazione del Ministero della Salute Si tratta della campagna #fertilyday promossa da ieri 1 settembre 2016 dal Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin @bealorenzin. La campagna è stata creata per comunicare il programma…
Add a comment...

Post has attachment
Voglio proporvi questo corso sulla Online Social Network Analysis un corso di 4 ore a Feltre in provincia di #Belluno che si terrà delle 19 alle 23, il 1 agosto 2016.
Impareremo come studiare le Reti Sociali e identificare gli influenzatori che ci aiuteranno a promuovere la nostra azienda e idea.

Scopri di più, collegati all'evento.
Add a comment...

Post has shared content
Vorrei proporvi un nuovo modo di intendere la funzione comunicazione. Cosa ne dite?
Aggiorniamo la funzione comunicazione in azienda: basta spendere milioni di euro in campagne pubblicitarie Continuiamo a spendere milioni di euro in campagne pubblicitarie quando quello che convince veramente la mente del consumatore e lo porta anche…
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
La tua azienda e' efficace e efficiente?

La combinazione tra efficacia ed efficienza puo' aiutare l'impresa a creare valore nel tempo per tutti gli interlocutori d'impresa.

La nostra azienda e' efficace?
Spesso e volentieri, si. L'impresa raggiunge gli obiettivi ma a quale costo?

Semplice esempio: l'artigiano si reca dal suo cliente, carica il furgone con tutto ciò di cui ha bisogno, parte ma quando arriva dal cliente, si rendo conto che ha dimenticato l'attrezzatura. Ritorno e... aumento tutti quelli che si chiamano Costi Sommersi. Sicuramente il nostro artigiano sarà efficace perchè riuscirà nel tempo richiesta dal ciente a risolvere il problema ma a quale costo?

L'efficacia non basta, bisogna essere anche efficienti quindi raggiungere si gli obiettivi ma con il massimo risparmio di risorse.

Lavorare sull'*efficienza e sull'efficacia* si può fare. Forse un minimo comune denominatore è la Sostenibilità di'impresa ossia la capacità di soddisfare tutti gli interlocutori d'impresa con modalità che risultano efficaci ed efficienti per l'impresa stessa.

Un'azienda non è sostenibile se non è riuscita a misusare e gestire tutti i seguenti conflitti:

Variabili esterne
conoscenza e rapporto con i clienti
conoscenza e rapporto con fornitori e partner
analisi della concorrenza

Variabili interne
gestione dell'organigramma
analisi e presidio della attività chiave
Costi&Ricavi e massimizzazione del valore per gli azionisti


Un'azienda sostenibile è riuscita a lavorare di efficienza ed efficacia su tutte e due le variabili.

Come fare per avere imprese Sostenibili?

Uno schema può essere dato del Bilancio di Responsabilità Sociale d'Impresa (CSR) in conformità con le nuove “Sustainability Reporting Guidelines G4” definite dal GRI, Global Reporting Initiative -

Ecco la fonte: https://www.globalreporting.org/resourcelibrary/G4-Content-Index-Tool.zip
Esempio di bilancio di CRS: http://www.prysmiangroup.com/it/corporate/sustainability/sustainability-report/

Perchè investire nella Sostenibilità?

1) Rimanere sul mercato
2) Ottimizzare la struttura sia interna che esterna inserendola in un processo di miglioramento contino
3) Avere accesso a bandi che richiedono una CSR
4) Migliorare le performance
5) Riduzione dei costi

Voi cosa ne dite? Un post ma che vuole essere solo lo spunto per una discussione del lunedì sera.
Photo
Add a comment...

Post has shared content
Continuano a produrre occhiali dal 1934

Oggi siamo a Longarone #Belluno un territorio che
ospita da quasi un secolo il distretto dell'occhiale. Una fitta rete di imprese che opera per l'ideazione, fabbricazione e vendita in tutto il mondo di occhiali.
Tra tutte queste realtà ecco la Safilo: Società Azionaria Fabbrica Italiana Lavorazione Occhiali che inizia i lavori nel 1934 quando Guglielmo Tabacchi acquista un'azienda dedita alla produzione di occhiali del 1878.

Il percorso di sviluppo ad oggi e' stato reso possibile grazie alla ricerca e sviluppo, l'*internazionalizzazione* delle vendite già dagli anni '40, idee chiare nelle linee da produrre: metallo, plastica e lenti; brevetti come l'asta flex degli anni '70, attività di cobranding come la collezione curata da Emilio Pucci, interessante l'uso di testimonial che indossano gli occhiali Safilo: Peggy Guggenheim, Bono U2, Brad Pitt e altri.
In tutti questi anni Safilo e'stata in grado di sviluppare anche dei modelli icona: Eyewear milestones come il modello UFO.
Continuano a produrre occhiali dal 1934

Oggi siamo a Longarone #Belluno un territorio che
ospita da quasi un secolo il distretto dell'occhiale. Una fitta rete di imprese che opera per l'ideazione, fabbricazione e vendita in tutto il mondo di occhiali.
Tra tutte queste realtà ecco la Safilo: Società Azionaria Fabbrica Italiana Lavorazione Occhiali che inizia i lavori nel 1934 quando Guglielmo Tabacchi acquista un'azienda dedita alla produzione di occhiali del 1878.

Il percorso di sviluppo ad oggi e' stato reso possibile grazie alla ricerca e sviluppo, l'*internazionalizzazione* delle vendite già dagli anni '40, idee chiare nelle linee da produrre: metallo, plastica e lenti; brevetti come l'asta flex degli anni '70, attività di cobranding come la collezione curata da Emilio Pucci, interessante l'uso di testimonial che indossano gli occhiali Safilo: Peggy Guggenheim, Bono U2, Brad Pitt e altri.
In tutti questi anni Safilo e'stata in grado di sviluppare anche dei modelli icona: Eyewear milestones come il modello UFO.
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
Safilo occhiali
14 Photos - View album
Add a comment...

Post has attachment
La lana delle Dolomiti, da rifiuto a risorsa.

Un progetto territoriale che nasce nel 2014 con l'obiettivo di recuperare le lavorazioni tessili artigianali e valorizzare le lane locali.

Oggi e' una realtà che puoi conoscere al convegno a Villa Pat a Sedico #Belluno che inizia fra pochi minuti.

Info: www.lanadelledolomiti.it

#Belluno
PhotoPhotoPhoto
La Lana delle Dolomiti
3 Photos - View album
Add a comment...

Post has attachment
Consigli utili per scrivere post su Google Plus

Per me è' un po' come scrivere un comunicato stampa. Cerco sempre di scrivere post che rispondano alle seguenti domande:

1) Chi ha fatto
2) Cosa ha fatto
3) Quando lo ha fatto
4) Dove lo ha fatto
5) Perchè lo ha fatto
6) come lo ha fatto

Il post ha una struttura che rispetta una scaletta di 10 punti:

1. Titolo del post in grassetto. Ricordatevi che il grassetto in G+ è permesso tramite l'uso di *

2. Riassunto: bastano 3 righe che vadano a riassumere l'intero post. Il fine è quello di incuriosire invogliando il lettore a proseguire la lettura. Per il riassunto usate il corsivo (italic) che è permesso da G+ tramite la seguente formattazione: _ italics _   

3. Link breve: proprio dopo il riassunto inserite il link breve ad un eventuale fonte del post. Solitamente su G+ si procede andadno a scrivere un post inerente un tema che è già stato postato su altro sito. La costruzione di link brevi è permessa da https://goo.gl/

4. Testo: il vero e proprio testo del post che risponderà alle 6 domande. 

5. Call to Action: dopo che il lettore ha letto il post, cosa vorresti facesse? Si tratta di una frase sintetica che spinge il lettore all'azione. 

6. P.S.: è il vecchio Post Scriptum: secondo +SEMrush  attira l'attenzione

7. #hashtag: utile strumento di sintesi e di possibile promo del post. G+ all'interno della pagina "temi caldi" permette di identificare gli hashtag più utilizzati dai quali possiamo prendere spunto per sintetizzare il nostro post.

8. Immagine: è l'elemento centrale del post. NOn solo per l'indicizzazione che G+ consente ma proprio per attirare l'attenzione del lettore.

9. Citare l'influenzatore. Trovate chi è l'influenzatore del tema che state trattando e citatelo tramite +nome. Per reperire l'influenzatore, testate il tool di Buzzsumo.

10. Incentivare la condivisione. Create un link al post G+ e incollate l'url all'interno del tool http://postabout.it. Vi consegnerà un link da inserire nel post che permetterà la condivisione sui social da parte del lettore.

Cosa ne dite?
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

#postgoogleplus  
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Tutti i numeri dellafiliera del freddo Bellunese inoltre,

Stiamo cercando 8 diplomati che che vogliono lavorare in aziende leader del settore della refrigerazione a #Belluno

Info:
http://www.centroconsorzi.it/servizi/servizi-centro/servizi-al-lavoro/garanzia-giovani/421-diplomati-centro-consorzi-frigorista.html

In collaborazione con +Garanzia Giovani Veneto 
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded